spacer
     

Una sintesi sulla situazione del Bari fino ad oggi

Parla in libertà di argomenti di carattere generale attinenti il Bari: partite, allenamenti, calciomercato. Prima di aprire un nuovo topic, controlla sempre se l'argomento è già stato trattato!

Moderatori: sirius, Rosencratz, Pino, Soloesemprebari, divin gallo

Gool_goool_gooool

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 4032
Iscritto il: ven lug 31, 2009 10:13
Highscores: 0

Una sintesi sulla situazione del Bari fino ad oggi

Messaggioda Gool_goool_gooool » mar apr 16, 2024 22:20


E' il lontano 2018
Il Bari fallisce e il titolo va in mano al sindaco (Decaro) che deve scegliere a chi affidare il Bari. Indice una sorta di "appalto" a cui è sicuramente interessato Lotito che ha anche la Salernitana in serie B e la Lazio in serie A. La multiproprietà non era vietata, e non c'era nemmeno un numero di squadre massimo che si poteva avere (altrimenti Lotito non avrebbe espresso interesse). Decaro chiama invece Aurelio De Laurentis, con il quale pare avesse una maggiore confidenza, chiedendogli di prendersi il Bari per riportarlo in serie B. Decaro fa anche una riunione con i tifosi nel vecchio stato Della Vittoria per cercare di carpire le loro idee in merito.
Per l'appalto quindi si presenta Lotito, De Laurentis (che viene chiamato da Decaro stesso) piu altri. Tra questi altri pare ci fosse anche il proprietario del Como, il quale però, non si sa per quale motivo, forse per la non conoscenza della lingua o per la fretta, presenta una documentazione poco chiara, ed è per questo che forse non viene preso per nulla in considerazione. Gli altri pretendenti dovevano essere delle cordate locali che all'insindicabile giudizio della commissione (perchè presumo ci fosse una commissione) non presentavano una valida documentazione in grado di perseguire dignitosamente il fine sportivo.
Effettivamente l'intricato problema è come fare a individuare con certezza chi abbia i requisiti.
Per molti tifosi, o forse solo alcuni che hanno immediatamente compreso il problema che si sarebbe presentanto nel futuro, i De Laurentis nonostante avessero i requisiti economici per preseguire il fine sportivo, non avevano quello deontologico.
Decaro però si è fidato di loro, presumendo che avessero anche quello deontologico. In pratica quello deontologico predica che devi sempre perseguire il massimo e che la multiproprietà non deve frenare in alcun modo il fine ultimo, cioè quello sportivo ovvero il perseguimento della massima posizione possibile.

Finiamo con la sintesi: Decaro quindi affida ad Aurelio la squadra e nella sede comunale in conferenza stampa ad una domanda di Salomone sulla possibile influenza del Napoli sulle sorti del Bari, Aurelio dichiara che affiderà al figlio (Luigi) la sorveglianza della società sportiva Bari. Cioè sarà Luigi il garante (chiaramente Salomone non se la beve...ma intanto oramai il fatto era compiuto).

Dalla D si passa alla C e solo dopo il terzo anno si sale in B. A questo punto la promessa dei De Laurentis a Decaro ha avuto compimento, addirittura gia in quell'anno si rischia di salire in A, scongiurato dal gol di Pavoletti.
L'anno dopo squadra azzerata, quattro allenatori...e a cinque giornate dalla fine quart'ultimo posto, cioè al momento playout.

classe74

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 3827
Iscritto il: mar giu 09, 2009 19:52
Highscores: 0

Re: Una sintesi sulla situazione del Bari fino ad oggi

Messaggioda classe74 » mar apr 16, 2024 23:50


Gool_goool_gooool ha scritto:E' il lontano 2018
Il Bari fallisce e il titolo va in mano al sindaco (Decaro) che deve scegliere a chi affidare il Bari. Indice una sorta di "appalto" a cui è sicuramente interessato Lotito che ha anche la Salernitana in serie B e la Lazio in serie A. La multiproprietà non era vietata, e non c'era nemmeno un numero di squadre massimo che si poteva avere (altrimenti Lotito non avrebbe espresso interesse). Decaro chiama invece Aurelio De Laurentis, con il quale pare avesse una maggiore confidenza, chiedendogli di prendersi il Bari per riportarlo in serie B. Decaro fa anche una riunione con i tifosi nel vecchio stato Della Vittoria per cercare di carpire le loro idee in merito.
Per l'appalto quindi si presenta Lotito, De Laurentis (che viene chiamato da Decaro stesso) piu altri. Tra questi altri pare ci fosse anche il proprietario del Como, il quale però, non si sa per quale motivo, forse per la non conoscenza della lingua o per la fretta, presenta una documentazione poco chiara, ed è per questo che forse non viene preso per nulla in considerazione. Gli altri pretendenti dovevano essere delle cordate locali che all'insindicabile giudizio della commissione (perchè presumo ci fosse una commissione) non presentavano una valida documentazione in grado di perseguire dignitosamente il fine sportivo.
Effettivamente l'intricato problema è come fare a individuare con certezza chi abbia i requisiti.
Per molti tifosi, o forse solo alcuni che hanno immediatamente compreso il problema che si sarebbe presentanto nel futuro, i De Laurentis nonostante avessero i requisiti economici per preseguire il fine sportivo, non avevano quello deontologico.
Decaro però si è fidato di loro, presumendo che avessero anche quello deontologico. In pratica quello deontologico predica che devi sempre perseguire il massimo e che la multiproprietà non deve frenare in alcun modo il fine ultimo, cioè quello sportivo ovvero il perseguimento della massima posizione possibile.

Finiamo con la sintesi: Decaro quindi affida ad Aurelio la squadra e nella sede comunale in conferenza stampa ad una domanda di Salomone sulla possibile influenza del Napoli sulle sorti del Bari, Aurelio dichiara che affiderà al figlio (Luigi) la sorveglianza della società sportiva Bari. Cioè sarà Luigi il garante (chiaramente Salomone non se la beve...ma intanto oramai il fatto era compiuto).

Dalla D si passa alla C e solo dopo il terzo anno si sale in B. A questo punto la promessa dei De Laurentis a Decaro ha avuto compimento, addirittura gia in quell'anno si rischia di salire in A, scongiurato dal gol di Pavoletti.
L'anno dopo squadra azzerata, quattro allenatori...e a cinque giornate dalla fine quart'ultimo posto, cioè al momento playout.

Pi√Ļ che una sintesi direi un' analisi.
Io in sintesi dico che ci salveremo!!
Se non sarà così le responsabilità saranno unicamente a carico di una gestione scadente fatta da imprenditori privi di imprenditorialità, pertanto vendessero, se vogliono trovano compratori, sennò avessimo vinto col Cagliari a chi caxxo andava la società!!!???

Gool_goool_gooool

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 4032
Iscritto il: ven lug 31, 2009 10:13
Highscores: 0

Re: Una sintesi sulla situazione del Bari fino ad oggi

Messaggioda Gool_goool_gooool » mer apr 17, 2024 11:30


classe74 ha scritto:Pi√Ļ che una sintesi direi un' analisi.
Io in sintesi dico che ci salveremo!!
Se non sarà così le responsabilità saranno unicamente a carico di una gestione scadente fatta da imprenditori privi di imprenditorialità, pertanto vendessero, se vogliono trovano compratori, sennò avessimo vinto col Cagliari a chi caxxo andava la società!!!???


nella mia "analisi" cerco di riportare quelli che sono stati per me i momenti pi√Ļ salienti. E ce n√® sicuramente uno che ha fatto da ago della bilancia. Ovvero la scelta dei De Laurentis da parte di Decaro. C'√® poi la questione della deontologia. Quando si hanno piu interessi la deontolgia potrebbe andare a farsi friggere, anche se la deontologia √® piu una questione etica, per cui dire che Decaro si √® fidato dei De Laurentis √® il massimo che si pu√≤ dire. Poi se non si fosse fidato nemmeno di lui a chi poteva darlo il Bari? In ogni caso sarebbe stato un salto nel buio.

nik

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 7643
Iscritto il: mar ott 14, 2003 16:02
Località: Treviso
Highscores: 0

Re: Una sintesi sulla situazione del Bari fino ad oggi

Messaggioda nik » mer apr 17, 2024 12:52


Solo una precisazione. La multipropriet√† era vietata gi√† nel 2018, nel senso che da sempre non si possono avere due squadre professionistiche, non si possono avere due o pi√Ļ squadre professionistiche neanche in categorie diverse e, a maggior ragione, non si possono avere nello stesso campionato. Infatti Lotito ha dovuto cedere la Salernitana quando √® stata promossa in serie A. Lotito poteva avere la Salernitana, cos√¨ come i De Laurentiis hanno il Bari, grazie ad una deroga.
Il vincolo di non poter avere due squadre nello stesso campionato invece √® inderogabile. √ą sempre stato cos√¨.
Nel 2018 però non c'era una scadenza per la multiproprietà, ossia non vi era un limite temporale entro il quale bisogna necessariamente cedere una delle squadre nel regime di multiproprietà, ossia nel 2028 scade la deroga suddetta.
"Il potere risiede dove gli uomini credono che il potere risieda. E' un trucco, un'ombra sul muro. E un uomo molto piccolo è in grado di proiettare un'ombra molto grande."


Torna a LA BARI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], Google Adsense [Bot] e 111 ospiti