Pagina 57 di 58

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: sab nov 03, 2018 16:41
da Miky88
Moto2, pole Marquez. Bagnaia davanti a Oliveira e prenota il titolo

Il più veloce di tutti finora durante il weekend, Alex Marquez non ha mancato l’appuntamento con la pole position, miglior tempo con caduta proprio nel finale alla prima curva che però non ha messo in pericolo il primato di giornata. Con un tempo di 2’05”629, che rappresenta anche il nuovo primato del circuito, Marquez ha preceduto di 488 millesimi Luca Marini, 3° Fabio Quartararo.

PECCO DA TITOLO — Francesco Bagnaia, che domani può diventare campione del mondo a patto di non perdere più di 16 dei 36 punti che ha di vantaggio su Miguel Oliveira, scatterà dal 6° posto sulla griglia, alle spalle di Mattia Pasini ma davanti proprio al portoghese della Ktm, in una qualifica nella quale il torinese del team Sky ha giocato molto nel seguire l’avversario in pista. Più lontano Lorenzo Baldassarri, 13°, 15° Andrea Locatelli.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/03-11-2018/moto2-pole-marquez-bagnaia-a-oliveira-prenota-titolo-310110776878.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: sab nov 03, 2018 16:42
da Miky88
Marquez, pole e penalità: parte 7°! Zarco-Rossi davanti. Nuovi orari: il GP alle 6

Qualifiche della MotoGP flagellate da una forte pioggia a Sepang. Proprio alla fine delle libere 4 l’acqua è iniziata a cadere abbondante per poi aumentare paurosamente all’inizio di Q1 e Q2 decisive, iniziate alle 9.30 italiane dopo un’attesa di oltre un’ora.

MARC CROCE E DELIZIA — Su pista bagnata l’aveva inizialmente spuntata Marc Marquez. Ma in serata la direzione gara gli ha inflitto sei posizioni in griglia di partenza per aver ostacolato Andrea Iannone alla curva 9. Lo spagnolo della Honda partirà dunque settimo e la pole è così andata a Johann Zarco su Yamaha satellite davanti a Valentino Rossi su Yamaha ufficiale. Terzo e quarto sono diventati Iannone su Suzuki e Andrea Dovizioso su Ducati: peccato per il forlivese, scivolato per terra all’ultimo tentativo. Bene Danilo Petrucci, settimo con la Ducati Pramac e dunque sesto dopo la penalità a Marquez. Non ce l’ha fatta Jorge Lorenzo, che ha deciso di rinunciare per il dolore al polso. Al suo posto correrà il collaudatore Michele Pirro che non è riuscito a passare il taglio della Q1 e scatterà 14°.

NUOVI ORARI — Intanto il pericolo pioggia ha già fatto prendere un’importante decisione in vista del GP di domenica: per cercare di ridurre il rischio di una gara bagnata la Dorna ha ufficializzato nuovi orari dei GP di domani. La Moto3 si correrà alle 3 italiane, la Moto2 alle 4.20 e la MotoGP alle 6.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/03-11-2018/motogp-diluvio-sepang-qualifiche-sospese-310110855601.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 04, 2018 17:52
da Miky88
Sepang Moto3, Martin iridato: per lui vittoria e titolo

Vittoria e titolo mondiale: Jorge Martin conferma di essere il più forte della Moto3 e conquista meritatamente l’iride. In una corsa complicata dalle condizioni dell’asfalto – in gran parte asciutto, ma con chiazze di umido -, Martin ha mostrato tutte le sue qualità: all’inizio, quando non si fidava a spingere, ha amministrato nel gruppone; poi si è portato dietro a Bezzecchi, che provava a scappare; quindi al 14° giro è andato al comando e ha fatto lo strappo: +0”559 sul traguardo, diventato di oltre un secondo alla fine del 15° passaggio. La sua volata si è conclusa sotto la bandiera scacchi e soltanto quando è arrivato alla prima curva si è reso conto di essere anche campione del mondo.

BRAVO BEZ — Mentre il pilota del team Gresini ("questo titolo ci mancava", ha gioito il manager italiano) volava solitario verso la vittoria, alle sue spalle c’è stata la solita sfida all’ultima curva per il secondo posto. Per tenere aperto il campionato, Bezzecchi avrebbe dovuto arrivare o secondo o terzo, invece ha finito quinto, superato da Lorenzo Dalla Porta, Enea Bastianini e Albert Arenas. Per Marco lacrime amare nel finale ("hanno corso tutti contro di me", si è sfogato), ma non ha nulla da rimproverarsi: al secondo anno di mondiale ha fatto una stagione straordinaria, di gran lunga il miglior pilota Ktm, più forte di avversità incontrollabili, come essere centrato senza colpa da Bastianini ad Aragon o da Rodrigo a Phillip Island. Sesto posto per Fabio Di Giannantonio, che può ancora puntare alla seconda posizione in campionato (è a 9 punti dal rivale italiano), ottavo per Tony Arbolino, decimo per Niccolò Antonelli, rientrato dopo un infortunio.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-3/04-11-2018/sepang-moto3-martin-iridato-lui-vittoria-titolo-310137666461.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 04, 2018 17:52
da Miky88
Sepang Moto2, Bagnaia campione del mondo. Marini vince e lo spinge

ampione del Mondo. Pecco Bagnaia è Campione del Mondo. Come 12 mesi fa, un pilota italiano arriva terzo al traguardo e conquista matematicamente il titolo della Moto2: nel 2017 era stato Franco Morbidelli, iridato ancora prima di scendere in pista per l’infortunio del suo rivale di allora, Thomas Luthi, mentre Bagnaia se l’è dovuta giocare fino al traguardo, anche se il margine di 36 punti prima del via era piuttosto rassicurante. Pecco, il più forte della categoria, come confermano le 8 vittorie stagionali, per un totale di 12 podi, ha dovuto solo resistere alla pressione, che si è fatta schiacciante nelle ultime due settimane. A Phillip Island, dove una settimana fa aveva la prima possibilità di chiudere il titolo, aveva fallito, qui no: il podio gli era sufficiente per conquistare il mondiale, indipendentemente dal risultato di Miguel Oliveira, l’unico rivale rimasto. Pecco, nei primi giri, ha battagliato con Oliveira, gli è stato davanti per sei giri, poi quando Miguel l’ha passato conquistando il secondo posto, l’ha controllato da distanza. Oliveira provava a spingere per andare a vincere, Bagnaia resisteva al ritorno di Mattia Pasini, quarto. Per qualche giro, Pecco è andato in apnea, poi si è ripreso e il podio gli ha consegnato un titolo meritatissimo. Nel 2019 sarà in MotoGP con la Ducati da Campione del Mondi.

GRANDE MARINI — A vincere la gara è stato uno straordinario Luca Marini, che ha così fatto il miglior gioco di squadra possibile per il team Sky VR46: ogni volta che Oliveira si avvicinava, lui allungava, conservando sempre tre, quattro decimi di vantaggio, fino all’allungo finale che ha tolto ogni dubbio sulla sua prima vittoria. Per Marini è il primo successo iridato: il prologo di un 2019 da protagonista, quando partirà per succedere nell’albo d’oro a Bagnaia. Al quarto posto Pasini, al sesto Baldassarri, all’11° Locatelli.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-2/04-11-2018/sepang-moto2-bagnaia-campione-mondo-marini-vince-spinge-310137177171.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 04, 2018 17:53
da Miky88
MotoGP Sepang Rossi, peccato: cade a 4 giri dalla fine. Marquez ringrazia: 1°

Fa festa sempre lui, Marc Marquez. La nona vittoria della stagione è una guerra psicologica combattuta a suon di decimi con Valentino Rossi per due terzi di gara: davanti Valentino in fuga, Marc alle sue spalle, con un distacco che al massimo tocca l'1"2, ma che nei giri che avvicinano al traguardo scende costantemente di un decimo al giro. Ci si prepara al grande duello finale, quello che per Rossi significherebbe il ritorno al successo dopo Assen 2017, mentre per Marquez la continuazione di una cavalcata trionfale in questa stagione.

L'ERRORE — Ci si prepara, appunto, ma proprio nel momento in cui la corsa entra nel momento caldo, ecco l'errore che non ti aspetti, quello di Valentino. Che alla staccata della prima curva del 17° giro si inclina appena un po' di più del normale, la gomma anteriore perde aderenza e lui scivola verso l'esterno della curva, mentre Marquez ringrazia e se ne va a cogliere la vittoria. Una scivolata che lascia tutti con l'amaro in bocca, dopo una gara fino a quel momento perfetta per Rossi, che era balzato in testa alla partenza e via in fuga mentre alle sue spalle Johann Zarco all'inizio e poi solo Marquez resistevano al suo ritmo.

IL PODIO — Sul podio, alle sue spalle, sale Alex Rins, che all'ultimo giro scavalca Zarco, 4° è Maverick Vinales, che spreca tutto con una delle sue solite partenze disastrose, non pervenuta la Ducati: Andrea Dovizioso è 6° dietro anche a Dani Pedrosa, e salva il 2° posto in campionato per l'autogol di Rossi, 7° l'ormai non più sorpresa Alvaro Bautista, 8° Jack Miller davanti a Danilo Petrucci. Franco Morbidelli è 12°, caduti Andrea Iannone alla fine del primo giro, tradito da un salvataggio di Marquez, come anche Michele Pirro.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/04-11-2018/motogp-sepang-rossi-peccato-cade-4-giri-fine-marquez-ringrazia-1-310137898362.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: sab nov 17, 2018 18:30
da Miky88
Moto3 Valencia, pole Arbolino; Oncu 4° al debutto. Moto2: Marini davanti

La pole della Moto3 a Valencia è di Tony Arbolino (Honda Snipers), ottimo interprete di una sessione molto complicata, mentre in Moto2 brilla ancora Luca Marini.

MOTO3 — L'assenza della pioggia e la pista ancora umida, ma in progressivo miglioramento di asfalto e aderenza, creano le premesse in Moto3 per poter giocare di azzardo o in contropiede aspettando la traiettoria nelle migliori condizioni. Tony Arbolino, che ha annunciato un progetto per potersi allenare con Jorge Lorenzo, è il migliore e trova il guizzo nel finale: con il tempo di 1'46"773 precede lo specialista Atiratphuvapat di 0"244 e McPhee di +0"343 in una sessione iniziata con l'uso delle gomme intermedie e terminata con molti che si giocano la carta delle slick.

ONCU FA FAVILLE — Assoluto protagonista è Oncu, il turco al primo GP iridato, che riceve i consigli di Jack Miller ai box e conquista la seconda fila: con il 4° tempo (+0"563) precede Canet, 5° a 0"658 e Bezzecchi, 6° a 1"003. Completano i dieci: 7° Ramirez, 8° Kornfeil, 9° Arenas e 10° Fernandez, mentre il neo iridato Martin è 13° davanti a Bastianini e Di Giannantonio. Molte le scivolate: coinvolti, fra gli altri, Bezzecchi, Nepa, Vietti, Oncu, Arenas, Canet, Rodrigo e Antonelli.

IN MOTO2 — In Moto2 brilla ancora la stella di Luca Marini, che dopo la vittoria in Malesia centra anche la pole a Valencia: con il tempo di 1'35"777 il pilota del team VR46 precede Vierge, 2° a 0"027, e Schrotter, 3° a 0"168. A completare i dieci ecco: 4° Bagnaia (+0"396), 5° Baldassarri (+0"493), 6° Sam Lowes (+0"558), 7° Mir (+0"559), 8° Fernandez (+0"603), 9° Quartararo (+0"619) e 10° Oliveira (+0"652).

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-3/17-11-2018/moto3-moto2-valencia-pole-arbolino-oncu-310502041376.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: sab nov 17, 2018 18:31
da Miky88
MotoGP, pole Viñales, Rossi solo 16°. Marquez 5° con la spalla k.o.

Pole di Viñales a Valencia. Su pista asciutta, in un momento di tregua del cielo, lo spagnolo della Yamaha segna il tempo di 1'31"312 - passando addirittura dalla tagliola della Q1 - e precede il connazionale della Suzuki, Rins (+0"068), e Dovizioso, terzo a 0"080. Sessione che inizia con il brivido: Marquez cade e si tiene subito la spalla sinistra, uscita dalla sua sede naturale. Il tempo di tornare ai box, andare nel motorhome, metterla a posto e tornare in sella per realizzare un incredibile 5° tempo a 0"130 dalla Ducati Pramac di Petrucci. Altra impresa del fresco campione del mondo che non smette di strabiliare, anche se è un tipo di menomazione, emerso già nei festeggiamenti del titolo a Motegi, che necessiterà di un serio approfondimento.

TOP 10 — Completano i dieci: 6° Pol Espargaro (+0"265), che con la Ktm fa meglio di Iannone (+0"317) e del fratello Aleix, 8° con l'Aprilia a 0"318; 9° Pedrosa, all'ultimo GP in carriera, e 10° Miller, scivolato al pari di Zarco.

Q1 FATALE — Il taglio di una Q1 ricca di nomi altisonanti era stato passato da Iannone (1'31"382) e, come detto, da Viñales (+0"476), lasciando fuori top rider come Lorenzo, 3° a 0"518, e Rossi, addirittura 6° a 1"070 - alle spalle anche di Nakagami e Morbidelli - e costretto quindi a partire 16°.

LE LIBERE4 — Nelle Libere4, asciutte, miglior tempo di Marquez (Honda) in 1'32"571 davanti a Zarco (Yamaha Tech3) a 0"501, Pol Espargaro (Ktm) a 0"648, Aleix Espargaro (Aprilia) a 0"713 e Dovizioso a 1"006. Principio di incendio a fine turno sulla Ducati Pramac di Petrucci e scivolate per Rins e Miller, caduto alla prima curva.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/17-11-2018/motogp-valencia-pole-vinales-rossi-solo-16-marquez-5-la-spalla-ko-310502041554.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 18, 2018 18:30
da Miky88
Valencia, Moto3, Oncu da favola! Vince al debutto a soli 15 anni

15 anni, 3 mesi e 23 giorni, prima gara nel motomondiale: il turco Can Oncu scrive la storia della Moto3, eguagliando un’impresa realizzata nel 1991 a Suzuka da Noboru Ueda in 125. Oncu ha vinto al debutto, dominando la gara, bagnata e difficile, esattamente come ha fatto per tutto l’anno nella Rookies Cup, il campionato propedeutico che corre in contemporanea ad alcuni GP del motomondiale. Il successo nel trofeo KTM gli ha permesso di correre la sua prima gara mondiale, anche se non ha ancora 16 anni, età minima per partecipare a un GP iridato: una deroga che Oncu ha sfruttato al meglio, entrando di diritto nel libro dei primati come il più giovane vincitore di sempre nella storia della categoria. Un trionfo inaspettato, quanto meritato, costruito fin dalle prove e dalle qualifiche, con il quarto posto sulla griglia di partenza. Poi la partenza, perfetta, un rischio mentre era terzo, il secondo posto conquistato per la caduta di Marco Bezzecchi, il primo per la scivolata di Tony Arbolino, poi la fuga solitaria, quindi un’ultima, terribile sbandata nell’ultimo giro, alla curva sei. Poi il traguardo e il sorriso: indimenticabile.

A TERRA — Al secondo posto Jorge Martin, che lascia quindi la categoria con un podio, al terzo John McPhee, al quarto Fabio Di Giannantonio, che così chiude la sua carriera in Moto3 con il titolo, onorifico, ma comunque prestigioso, di vice campione del mondo. Bravo Fabio, ma che peccato per Marco, che dopo la beffa di aver perso il titolo in Malesia, si è visto soffiare anche il secondo posto dal rivale italiano, a causa di altre due cadute in gara. E che peccato per Tony Arbolino, scattato perfettamente dalla pole, in testa per 11 giri con margini, per poi cadere alla curva 4 quando aveva 2”896 di vantaggio. Quinto Enea Bastianini, settimo Niccolò Antonelli, 14° Andrea Migno.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-3/18-11-2018/valencia-favola-oncu-vince-debutto-moto3-soli-15-anni-310528808369.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 18, 2018 18:31
da Miky88
Moto2 Valencia, brinda Oliveira. Pasini chiude buon 4°

Un caduta di Luca Marini alla seconda curva del primo giro ha coinvolto gli incolpevoli Lorenzo Baldassarri e Pecco Bagnaia, l’unico che poi è riuscito a partire, chiudendo al 14° posto la sua ultima gara in Moto2: per lui 30 gare consecutive al traguardo. L’anno prossimo sarà in MotoGP con la Ducati del team Pramac: sicuramente, il campione del mondo sognava un addio migliore alla categoria che lo ha fatto diventare grandissimo, ma al di là del risultato di Valencia, Bagnaia è stato protagonista di una stagione indimenticabile, con otto successi e 12 podi complessivi. Con Pecco incolpevolmente nelle retrovie, il successo è stato conquistato dal suo principale rivale, Miguel Oliveira, che ha così regalato alla KTM la seconda vittoria di giornata – dopo quella clamorosa del debuttante Can Oncu in Moto3 – e il titolo di squadra della categoria. Con lui sul podio Iker Lecuona (miglior risultato di carriera) e Alex Marquez, caduto mentre era al comando con margine.

SENZA VITTORIE — Così, per la prima volta da quando esiste la Moto2, la Spagna chiude l’anno senza successi: un dato che deve far meditare sul futuro dei piloti iberici. Al quarto posto Mattia Pasini, che potrebbe aver disputato la sua ultima gara in carriera (non ha ancora una moto per il 2019 e sono pochissime quelle ancora disponibili), con Andrea Locatelli 9° e Simone Corsi 10°. Si chiude una stagione che ha visto i piloti italiani grandi protagonisti, perché oltre a Bagnaia hanno vinto almeno un GP anche Pasini e Baldassarri.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-2/18-11-2018/moto2-valencia-brinda-oliveira-pasini-chiude-buon-4-310529941004.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom nov 18, 2018 18:31
da Miky88
Valencia, trionfa Dovizioso. Battuti Rins e Pol Espargaro. Rossi k.o.

Andrea Dovizioso ha vinto il GP di Valencia. Il forlivese della Ducati vince sotto la pioggia davanti allo spagnolo Rins della Suzuki e a Pol Espargaro. Ottimo Michele Pirro, quarto. Valentino Rossi è caduto a pochi giri dalla fine quando era secondo

LA SOSPENSIONE — La direzione gara era stata costretta a sospendere la corsa con Alex Rins, Andrea Dovizioso e Valentino Rossi al comando della gara. Tante però prima erano state le cadute, tra cui quelle di Alex Miller, Danilo Petrucci, Thomas Luthi, Marc Marquez e Maverick Viñales.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/18-11-2018/valencia-gp-sospeso-rins-dovizioso-rossi-testa-310533098300.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: mer feb 06, 2019 16:37
da Miky88
La grande pallavolo torna a Bari, al Palaflorio l'Italia si giocherà le Olimpiadi di Tokyo 2020

Dopo i Mondiali del 2018 sul tappeto del Palaflorio torna la grande pallavolo internazionale: l'Italvolley maschile giocherè a Bari il torneo intercontinentale di qualificazione per le Olimpiadi di Tokyo 2020. A sfidare la Nazionale capitanata dallo zar Ivan Zaytsev saranno i forti ragazzi della Serbia in un girone che vede anche Australia e Camerun.

La vincitrice del raggruppamento, in programma dal 9 all'11 agosto prossimi, staccherà il biglietto per il Giappone: "Ancora una volta Bari viene scelta per ospitare una manifestazione sportiva di altissimo livello - spiega l'assessore comunale allo Sport, Pietro Petruzzelli - Queste manifestazioni così importanti ci riempiono di orgoglio, non solo perché danno grande prestigio alla nostra città ma anche perché ci confermano il lavoro fatto in questi anni per incrementare il turismo sportivo e per rendere sempre più Bari città dello sport".

http://www.baritoday.it/sport/volley-qualificazioni-olimpiadi-tokyo-2020-italia.html

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: ven feb 15, 2019 14:50
da Miky88
Bari capitale della pallanuoto nazionale: dall'8 al 10 marzo la Final Eight di Coppa Italia

Bari torna capitale della pallanuoto italiana e la Puglia si appresta a ospitare le migliori squadre del panorama nazionale con i loro campioni. Dall’8 al 10 marzo lo Stadio del Nuoto ospiterà per il secondo anno consecutivo la finale di Coppa Italia. Un evento che nell’edizione 2019 di fatto raddoppia. Ad affrontarsi nella tre giorni dell’impianto di via Maratona saranno otto squadre, vincitrici dei tre gironi della prima fase, per la Final Eight. In acqua, i campioni in carica della Pro Recco proveranno a difendere il titolo conquistato nella scorsa edizione nel capoluogo pugliese per la 13esima volta, la 12esima negli ultimi 14 anni. A condurli in panchina un monumento vivente della pallanuoto nazionale e internazionale, la leggenda Ratko Rudic, che guidò il Settebello azzurro alla vittoria della storica medaglia d’oro alle Olimpiadi di Barcellona nel’92, in una finale interminabile contro i padroni di casa della Spagna, che lasciò col fiato sospeso tutti gli sportivi italiani. Oltre a Recco, anche quest’anno favorita, sarà presente il forte 13 del Brescia, la forza emergente della Sport Management di Busto Arsizio, le due società gloriose di Napoli, Posillipo e Canottieri, il club storico Ortigia di Siracusa, e le temibili Lazio e Bogliasco. La formula vedrà nella giornata di venerdì affrontarsi in sfide incrociate le compagini per i quarti di finali. Il giorno seguente la vincente del quarto di finale 1 giocherà contro quella del quarto di finale 4 e nell’altro incontro si incroceranno la vincente del quarto di finale 2 con il quarto di finale 3. Domenica 10 marzo andranno in scena la finale per il terzo e quarto posto e la finalissima. Sugli spalti sono attesi all’incirca mille spettatori, il massimo per la capienza dello Stadio del Nuoto, oltre alle decine di giornalisti accreditati. Le sfide di sabato e venerdì saranno trasmessa in diretta da Rai Sport Hd, mentre i quarti di finale saranno seguiti da Wp Channel.

Un evento di grande importanza che premia ancora una volta l’organizzazione della Waterpolo Bari, voluto fortemente dalla Federazione italiana nuoto nel capoluogo pugliese, grazie alla bellezza dell’impianto e alla splendida riuscita della due giorni della passata edizione, oltre ai grandi appuntamenti internazionali degli scorsi anni, che hanno visto nell’acque baresi il Settebello e il Sette rosa affrontare le qualificazioni di World League. Un evento che premia ancora una volta Bari e la Puglia, che porterà centinaia di visitatori in città, nella regione e nei suoi dintorni, con un enorme ritorno di immagine, al di là del prestigio dell’evento sportivo.

“È una grande soddisfazione per la nostra amministrazione – spiega Pietro Petruzzelli, assessore comunale di Bari allo Sport – sapere che la nostra città sia stata scelta per il secondo anno consecutivo dalla Fin e dalle squadre in lizza per il titolo per ospitare un grandissimo evento sportivo come quello della Final Eight di Coppa Italia di pallanuoto. Ciò conferma la bontà del nostro lavoro e quello dell’organizzazione della Waterpolo Bari, in grado di preparare al meglio una manifestazione di altissimo livello. Per Bari – prosegue Petruzzelli – questo evento sportivo, come quelli organizzati negli ultimi anni e in futuro, contribuiscono in maniera determinante alla crescita del turismo. E i dati degli arrivi e delle presenze in città sono più che positivi. Gli ultimi numeri pubblicati le scorse settimane ci danno ragione in questo senso. Il mio personale ringraziamento va poi alla Waterpolo Bari. La società che gestisce l’impianto delle piscine comunali non solo è in grado di garantire in modo efficiente servizi alla cittadinanza con corsi agevolati per tutti, ma anche di ottenere questi grandi risultati, con l’organizzazione di manifestazioni di grande prestigio. L’appello a tutti i baresi – conclude Petruzzelli - è di riempire gli spalti dello Stadio del Nuoto nella tre giorni in programma per far sentire tutto il calore della nostra città”.

Grande soddisfazione per Emanuele Merlini, presidente della Waterpolo Bari. “È l’ennesimo successo della nostra società – racconta Merlini -, che come mai nessuno prima ha portato il gotha della propria disciplina a Bari, innalzando il tasso tecnico del proprio gruppo di lavoro e regalando ai propri giovani quattro giorni di contatto con i propri idoli consolidando la passione per questo sport meraviglioso. È un regalo alla nostra amata città e all’intero territorio col suo movimento pallanuotistico. Ed è un momento di crescita sociale e sportiva importante per tutta la città”.

http://www.baritoday.it/sport/pallanuoto-finale-coppia-italia-8-10-marzo-2019.html

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom mar 10, 2019 17:45
da Miky88
Moto3: Canet in pole. Poi dalla Porta e Toba. Schrotter ok in Moto 2

Il sorriso di Biaggi diventa ancora più marcato. Il primo poleman del nuovo format delle qualifiche in Moto3 è infatti Aron Canet, il pilota del suo Max Racing Team all’esordio nella categoria. Lo spagnolo della Ktm emerge infatti dalla Q2 di 18 corridori (i migliori 14 della tre sessioni di Libere più i primi 4 della Q1), conquista la partenza al palo nel GP del Qatar con il tempo di 2’05”883 e precede Lorenzo dalla Porta (Honda Leopard), 2° a 0”197, e Kaito Toba, 3° a 0”226. Sulla pista di Losail, in una sessione condizionata dal forte vento, e dove erano approdati dalla Q1 Vietti, McPhee, Ogura e Fernandez, i tempi si sono alzati rispetto alla giornata precedente per le condizioni difficili.

TOP-10 — In seconda fila ecco 4° McPhee, 5° Antonelli (Sic58 Squadra Corse), che ha recuperato nonostante una scivolata, e 6° Arenas, mentre chiudono i dieci, nell’ordine, Arbolino, Vietti, Perez e Fernandez. Rabbia per Fenati, 11° e primo degli esclusi dalla Top-10, che prende la bandiera troppo presto con la rabbia del box del suo team Snipers. Per Migno 17° posto, dopo che gli è stato tolto il 4° per aver oltrepassato i limiti della pista.

MOTO2 — Nella classe di mezzo la pole va a Marcel Schrotter, che con il tempo di 1’58”585 conquista anche la sua prima partenza al palo in carriera. Il tedesco della Kalex Dynavolt Intact GP in prima fila precede lo spagnolo Vierge (Kalex) di 0”146 e il nostro Lorenzo Baldassarri, 3° a 0”199 con la Kalex del Team Pons 40. In seconda fila ecco Luca Marini, 4°con la Kalex dela VR46, promosso dalla Q1 insieme a Bulega, Nagashima e Lecuona e anche scivolato in modo innocuo alla curva 2 nelle fasi calde della qualifica. Completano i dieci: 5° Gardner, 6°Sam Lowes, 7° Luthi, 8° Binder, 9° Alex Marquez e 10° Fernandez. Così gli altri italiani: 13°Bastianini, 15° Bulega, 17° Locatelli, 19° Di Giannantonio, che in Q1 si è visto cancellare il 4° tempo per essere andato oltre il cordolo alla curva 15, 22° Corsi, 26° Manzi e 28° Bezzecchi.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-3/09-03-2019/moto-3-canet-pole-poi-dallaporta-toba-3202046508796.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom mar 10, 2019 17:46
da Miky88
MotoGP Qatar: pole di Viñales su Dovizioso, Valentino Rossi solo 14°

Sotto gli occhi del re delle pole in Formula 1, Lewis Hamilton, (ben 83), Maverick Viñales si prende la bella soddisfazione di centrare la partenza al palo nel GP del Qatar. Lo spagnolo della Yamaha stacca il tempo di 1'53"546 e precede la Ducati di Andrea Dovizioso, 2° a 0"198, e la Honda di Marc Marquez, 3° a 0"199 e molto attento a curare le linee delle Desmosedici. Dopo una sessione palpitante e alcune schermaglie stile-Moto3 per scegliere le scie migliori, Viñales si piazza subito in vetta alla classifica e non ne scende più: bella dimostrazione di forza con la Yamaha e anche di personalità. In seconda fila ecco Miller (Ducati Pramac) a 0"263, caduto alla solita curva 2, l'ottimo debuttante Quartararo (Yamaha Petronas) 5° a 0"400, e Crutchlow (Honda Lcr) 6° a 0"549. Completano i dieci: 7° Petrucci (Ducati) a 0"654 e innervosito dal "succhiaruote" Marquez, 8° Morbidelli (+0"690), 9° Nakagami (+0"693) e 10° Rins (0"711). Rossi è 14° davanti a Lorenzo, entrambi vittime del taglio della Q1.

ROSSI 14° — Q1 infatti amara per Valentino e lo spagnolo, entrambi esclusi dalla fase nobile della qualifica. Vale con il tempo di 1'54"537 è solo 4°, a 0"267 dal migliore della Q1, Crutchlow (1'54"270) e scatterà 14° alle spalle anche della Ducati Pramac di Bagnaia (1'54"472). Per Lorenzo altra caduta, alla curva 2, dopo essersi anche sottoposto a un'infiltrazione per i dolorosi postumi della scivolata nelle Libere-3. Stessa curva, la 2, fatale anche a Rabat e Zarco, scivolati in modo preoccupante per la tenuta dell'asfalto con questo freddo. Promosso alla Q2 pure Nakagami, 2° a 0"161 da Crutchlow.

LE LIBERE -4 — Nelle Libere-4, non funzionali per la griglia di partenza, ma cruciali per delineare il ritmo gara, Ducati in evidenza con una doppietta: miglior tempo di Petrucci (1'54"854) davanti al compagno Dovizioso, staccato di 13/1000 in 1'54"867. A seguire, a confermare che nelle sue mani la M1 va bene, ecco la Yamaha di Viñales, 3° a 0"086 (1'54"940), poi la Ducati Pramac di Miller (1'55"092) e Quartararo (Yamaha Petronas). 6° Marquez (1'55"242) e anche caduto (curva 6), 12° Morbidelli, 13° Iannone, 17° Bagnaia e solo 18° Rossi a 1" e 2 (1'56"086) e sempre in difficoltà. Scivolate a grappoli alla curva 2, fatale a Rins, Smith e Zarco.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/09-03-2019/moto-gp-qatar-valentino-non-si-qualifica-q2-lorenzo-cade-3202044930883.shtml

Re: ******Sport vari******

MessaggioInviato: dom mar 10, 2019 17:46
da Miky88
Qatar Moto3, sorpresa Toba. Battuto Dalla Porta

Successo di Kaito Toba nella Moto3 in Qatar: il giapponese della Honda Team Asia coglie la prima vittoria in carriera, bruciando allo sprint – solo 53 millesimi – Lorenzo Dalla Porta (Honda Leopard) che era uscito dall’ultima curva in testa. Decisivo il gioco delle scie, molto importanti sul lungo rettilineo di Losail per determinare il successo: peccato per Dalla Porta che ha disputato una gara da protagonista, ma ha sbagliato la strategia. A chiudere il podio il poleman Aron Canet, 3° a 0”174 con la Ktm del Max Racing Team di Biaggi, che inizia la sua avventura in Moto3 con un piazzamento di rilievo.
Visualizza l'immagine su Twitter

ERRORE FENATI — Quarto Ramirez, davanti a celestino Vietti (Ktm VR46), 8° Niccolò Antonelli e 9° Romano Fenati, che è stato il primo a sperimentare la tagliola del long lap penalty, il nuovo sistema di penalizzazione. Sbagliandolo. Al 14° giro, infatti il pilota ascolano della Honda Snipers, risalito nelle prime posizioni dall’11° in griglia, è sanzionato con un ‘warning’ per aver oltrepassato la pista: è un semplice richiamo, non una punizione, ma lui la interpreta nel modo sbagliato, passa per la traiettoria allargata prevista alla curva 6 e scivola così all’11° posto a 1”4. Con 4 giri al termine, troppo tardi per recuperare, ma il suo ritmo era da primato. “Ho visto ‘track limit’ sul cruscotto e… ho sbagliato. Insomma è una cosa da rodare – dice Romano a caldo - ma la moto andava davvero forte, non l’avrei cambiata con nessun’altra”.

LOTTA SERRATA — In una gara corsa sotto i riflettori, ma anche con le suggestive e insidiose luci del tramonto, al via il poleman Canet e Dalla Porta duellano, ma in poco tempo il gruppo si compatta con Toba, Antonelli, Ramirez e Vietti nelle prime posizioni. I giochi si decidono nel finale, con lotte ravvicinate propiziate dal gioco delle scie – a 2 giri dal termine in 12 racchiusi in meno di 1” –e Toba bravo a trovare il guizzo giusto nel finale.

https://www.gazzetta.it/Moto/moto-GP/10-03-2019/moto3-sorpresa-toba-battuto-porta-3202070452798.shtml