spacer
     

* Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

In questa sezione si può parlare delle varie realtà calcistiche, specialmente della nostra regione, e di altri sport a livello locale o nazionale, oppure internazionale.

Moderatori: sirius, Pino

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun set 12, 2022 14:43


GP Italia, Leclerc è fantastico: sua la pole di Monza davanti a Verstappen e Sainz

Grande, grandissimo Charles Leclerc, che davanti al pubblico in festa di Monza si prende una grandissima pole position, la sua seconda nel ‘Tempio della velocità’ dopo quella del 2019, che fu il viatico di una grande vittoria davanti a Lewis Hamilton. In una griglia scombussolata dalle penalità,, alla fine Leclerc non ha avuto bisogno dell’aiuto di nessuno, firmando un grande 1’20”161 per quella che è la sua ottava pole stagionale, la numero 17 in carriera, precedendo Max Verstappen, che con la Red Bull non è andato oltre l’1’20”306. Penalizzato di 5 posti sulla griglia per il cambio della power unit, Verstappen scatterà 7°. Con una griglia falcidiata dalle penalità (da Carlos Sainz a Sergio Perez a Lewis Hamilton), al fianco di Leclerc in prima fila partirà George Russell, con la migliore delle Mercedes, quindi le due McLaren, con Lando Norris che precede il compagno Daniel Ricciardo, mentre in terza fila ecco Pierre Gasly con l'Alpha Tauri e Fernando Alonso con l'Alpine. Un Verstappen lontano ma non troppo, comunque, soprattutto guardando anche a quello che ha combinato a Spa, e che sul passo gara finora è sembrato avere qualcosa di più della Ferrari, anche se il giro veloce, non così scontato, ha dato la carica a Leclerc: “Grandi, e adesso… domani!” l’incitamento del monegasco alla squadra via radio nel giro di rientro ai box.

Q2, FUORI OCON — In una Q2 dominata da Sainz in 1’20”878, con lo spagnolo capace di girare con la Ferrari 330 millesimi meglio del compagno Leclerc e 387 di Verstappen, a restare esclusi sono invece Esteban Ocon, con l’Alpine, Valtteri Bottas, Nick De Vries, autore di un lungo nell’ultimo giro lanciato ma comunque da applausi per l’ottimo debutto in F.1, il secondo pilota dell’Alfa Romeo, Guanyou Zhou e infine Yuki Tsunoda.

SEB, L'ULTIMA MONZA È AMARA — La Q1 è amara per Sebastian Vettel, eliminato in quella che è la sua ultima Monza, la pista dove nel 2008 con la Toro Rosso colse la prima vittoria, dolcissima invece per Nick De Vries, che al debutto sulla Williams al posto di Albon, fermato dall’appendicite, si qualifica per la Q2 con l’ultimo tempo utile, mentre il suo compagno Nicholas Latifi è il primo degli eliminati, a 20 millesimi dall’olandese. Oltre a Seb e al canadese, fuori anche la seconda Aston Martin di Lance Stroll e le due Haas di Kevin Magnussen e Mick Schumacher.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/10-09-2022/f1-gp-monza-pole-position-charles-leclerc-i-risultati.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun set 12, 2022 14:44


Super Verstappen espugna anche Monza. La Ferrari lotta con onore: Leclerc 2°

Gli occhi della tigre più feroci sono stati, ancora una volta, quelli di Max Verstappen. Davanti a Sylvester Stallone, l’olandese in versione Rocky Balboa ha picchiato duro anche a Monza, non lasciando scampo alla Ferrari di Charles Leclerc, piegato malgrado la bellissima pole di ieri. Niente da fare contro questo campione inarrestabile, che dopo la vittoria dalla decima posizione di Budapest e quella dalla 14esima di Spa, ha aggiunto un’altra perla alla collezione, il trionfo in Italia partendo dalla settima casella. E se tre indizi fanno una prova, allora tanti complimenti alla superiorità della coppia Verstappen-Red Bull, sempre più lanciato verso il secondo meritatissimo titolo mondiale. Terzo posto per la Mercedes del solito George Russell, mentre da applausi è il quarto posto di Carlos Sainz con la seconda rossa, partito dal fondo. Per lo spagnolo una rimonta accompagnata da tanti boati del pubblico italiano, comunque una prestazione da ricordare.

SUPERIORITÀ — Ma come detto, applausi alla superiorità della Red Bull e a Max, che già al secondo giro è riuscito a risalire fino al terzo posto dopo aver passato in pista dopo il via Alonso, Gasly e Ricciardo. Il leader iridato, partito con gomma soft come Leclerc e Russell in prima fila, ci ha messo altre due tornate per prendere a superare l’inglese della Mercedes, lanciandosi all’inseguimento di Leclerc. Il monegasco e la Ferrari hanno deciso di sfruttare la Virtual Safety Car chiamata per il ritiro di Sebastian Vettel per montare le gomme medie e qui si è vista la tranquillità della Red Bull. Verstappen è rimasto in pista e ha tirato fino alla metà gara, fermandosi per montare le medie al giro 26.

GESTIONE GOMME — Leclerc giro 12, Verstappen giro 26, una differenza incredibile di gestione del primo stint di gara con gomma soft. Merito di Max? Merito della Red Bull? Merito di entrambi. Merito dei migliori. Era chiaro che il ferrarista non sarebbe potuto arrivare fino al traguardo con la sua media, e infatti al giro 34 è rientrato per la seconda sosta, montando la soft per provare una disperata rimonta. Il cronometro ha però presto spento le speranze ferrariste, perché Verstappen si è messo a girare come un robot sugli stessi tempi del rivale, che pur con gomma fresca e più performante, è riuscito a rosicchiare all’olandese la miseria di 3 secondi in ben 12 giri.

FINE DIETRO ALLA SAFETY CAR — A 5 giri dalla fine Safety Car per rimuovere la vettura di Ricciardo, ma nessun problema per la Red Bull, che ha messo le soft nuove rimaste per andare a chiudere la gara senza problemi, addirittura dietro alla Safety Car, sotto la bandiera a scacchi sventolata da Giacomo Agostini. Non bello vedere una gara che termina dietro alla vettura di sicurezza, discussioni sulla gestione della rimozione della vettura di Ricciardo. Ma la vittoria di Verstappen è stata indiscutibile. E’ finita con la solita invasione di pubblico per festeggiare sotto al podio il futuro campione del 2022 e il secondo posto di una Ferrari che ha onorato comunque la festa del centenario di Monza alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una grande festa per l’Italia che ama i motori.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/11-09-2022/f1-super-verstappen-espugna-anche-monza-la-ferrari-lotta-con-onore-leclerc-2.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » dom set 25, 2022 15:38


F1, il calendario del 2023: sono 24 i GP in programma, Monaco ok fino al 2025

C'è il calendario F1 per il 2023: le date definitive sono state approvate dai viti dei membri del World Motor Sport Council. Via il 5 marzo in Bahrain e chiusura il 26 novembre ad Abu Dhabi con 24 GP in programma. Fra le novità c'è l'aggiunta del GP di Las Vegas, il 18 novembre, terza gara negli Stati Uniti dopo Miami (7 maggio) e Austin (22 ottobre), come penultima gara della stagione prima del 'solito' finale a Yas Marina. Torna anche il GP del Qatar (8 ottobre) dopo un anno di assenza, mentre le gare italiane sono previst eper il 21 maggio con ilGP di Emiulia romagna a Imola e 3 settmbre con il GP d'Italia a Monza.

IL PRESIDENTE DELLA FIA — Queste le parole del Presidente della FIA, Mohammed Ben Sulayem: “La presenza di 24 gare nel calendario del Mondiale di F1 2023 è un'ulteriore prova della crescita e del fascino di questo sport su scala globale. L'aggiunta di nuove sedi e il mantenimento degli eventi tradizionali sottolinea la solida gestione dello sport da parte della FIA. Sono lieto che nel 2023 saremo in grado di portare la nuova era di corse a una più ampia base di fan".

STEFANO DOMENICALI — Questo il commento di Stefano Domenicali, Ceo della F1: "Siamo lieti di annunciare il calendario 2023 con 24 gare in tutto il mondo. La Formula 1 ha una domanda senza precedenti di ospitare gare ed è importante trovare il giusto equilibrio per l'intero sport. Siamo molto soddisfatti del forte slancio che la Formula 1 sta vivendo ed è un'ottima notizia quella di poter portare ai nostri appassionati un mix di nuove entusiasmanti località come Las Vegas e sedi molto amate in Europa, Asia e America".

ACCORDO CON MONACO — Contemporaneamente alla conferma del calendario, dalla F1 è arrivata l'ufficialità dell'accordo con gli organizzatori del GP Monaco fino al 2025. Dopo essere stato in dubbio negli anni scorsi, il più classico e glamour degli appuntamenti del Mondiale trova invece piena conferma almeno per le prossime tre edizioni.


F1 2023, IL CALENDARIO— Ecco il calendario 2023 di F1, con i 24 GP previsti:
5 marzo: GP Bahrain (Sakhir)
19 marzo: GP Arabia Saudita (Jeddah)
2 aprile: GP Australia (Albert Park)
16 aprile: GP Cina (Shanghai)
30 aprile: GP Azerbaigian (Baku)
7 maggio: GP Miami (Miami)
21 maggio: GP Emilia Romagna (Imola)
28 maggio: GP Monaco (Montecarlo)
4 giugno: GP Spagna (Montmelò)
18 giugno: GP Canada (Montreal)
2 luglio: GP Austria (Spielberg)
9 luglio: GP Gran Bretagna (Silverstone)
23 luglio: GP Ungheria (Hungaroring)
30 luglio: GP Belgio (Spa)
27 agosto: GP Olanda (Zandvoort)
3 settembre: GP Italia (Monza)
17 settembre: GP Singapore (Marina Bay)
24 settembre: GP Giappone (Suzuka)
8 ottobre: GP Qatar (Losail)
22 ottobre: GP USA (Austin)
29 ottobre: GP Messico (Città del Messico)
5 novembre: GP Brasile (Interlagos)
18 novembre: GP Las Vegas (Las Vegas)
26 novembre: GP Abu Dhabi (Yas Marina)

https://www.gazzetta.it/Formula-1/20-09-2022/f1-il-calendario-2023-24-gp-imola-il-21-maggio-monza-il-3-settembre.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 03, 2022 13:57


Singapore, Leclerc in pole! Battuti Perez e Hamilton. Verstappen è 8° (benzina)

Charles Leclerc e la Ferrari in pole a Singapore! Il monegasco ha conquistato il giro più veloce del 17° appuntamento stagionale, la nona pole della stagione, la numero 18 della carriera. Charles è stato il migliore in una situazione di pista umida/asciutta, precedendo la Red Bull di Sergio Perez e la Mercedes di un Lewis Hamilton che ha assaporato il miglior tempo per un lungo tratto della Q3: i primi tre sono racchiusi in 55 millesimi, a conferma di una sessione combattutissima. Quarto Carlos Sainz, mentre Max Verstappen ha chiuso solo ottavo. Per l’olandese un finale di sessione strano: prima ha rallentato quando era su tempi da pole, poi nell’ultimo tentativo è stato richiamato ai box perché stava per finire la benzina. Fatto sta che domani il leader iridato dovrà partire in quarta fila, preceduto anche da Fernando Alonso, Lando Norris e Pierre Gasly.

GESTIONE — La Ferrari ha dunque una bella chance per domani. La F1-75 ha fatto una buona impressione anche in tutte le sessioni di prove libere e domani si presenta al via con ottime chance da giocarsi. Sicuramente ci sarà da azzeccare tutta la gestione della corsa e non mancheranno insidie, dalle Safety Car che entrano spesso alle condizioni meteo, che lasciano prevedere pioggia e un temibile asfalto bagnato.

EVOLUZIONE PISTA — In Q1 sessione su pista umida, con diverse chiazze di bagnato e tante zone di asciutto che hanno però costretto tutti a girare con gomma intermedia. Tanta evoluzione della pista alla fine ha premiato Verstappen, autore del miglior tempo davanti a Hamilton e Leclerc. Poi Perez, Sainz e Russell. Eliminati Valtteri Bottas con l’Alfa Romeo, Daniel Ricciardo (McLaren), Esteban Ocon (Alpine) e le due Williams di Alexander Albon e Nicholas Latifi.

DISASTRO ASTON — In Q2 la pista si è asciugata ancora di più e i tempi sono migliorati. A metà sessione Leclerc ha chiesto ai box di mettere le slick, montate invece dai due piloti dell’Aston Martin. Una mossa che però non ha pagato perché sia Vettel, sia Stroll sono rimasti esclusi dalla Q3. Il miglior tempo della sessione lo ha stabilito Leclerc davanti a Hamilton e Verstappen su Perez e Alonso. Eliminati invece a sorpresa George Russell (di 6 millesimi battuto da Magnussen), Stroll, Schumacher con la Haas, Vettel e Zhou con l’Alfa Romeo. Domenica alle 14 il via del GP.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/01-10-2022/f1-singapore-leclerc-in-pole-con-la-ferrari-battuti-perez-e-hamilton-sainz-4.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 03, 2022 13:58


F1 Singapore, Perez (con penalità) trionfa! Battute le Ferrari di Leclerc e Sainz

Un altro boccone amaro per Charles Leclerc e la Ferrari. A Singapore ha vinto Sergio Perez, anche se il successo del messicano è arrivato col giallo e ben dopo la cerimonia del podio perché Checo è stato investigato per un mancato rispetto della distanza da una Safety Car. Ha non poco infastidito la decisione di valutare il caso solo dopo il GP: dopo il caso-Monza per quei 7 giri finali dietro alla Safety Car, il tema della lentezza decisionale nel corso della stessa gara, diventa sempre più attuale e fonte di polemiche. Lo stesso team principal ferrarista Mattia Binotto non ha nascosto il suo disappunto: “Dispiace non sia stato deciso nulla durante la gara, ma probabilmente non volevano prendere decisioni affrettate. Certo Charles ha consumato le gomme più del dovuto” ha chiosato prima che la decisione venisse annunciata. Ma alla fine la vittoria di Perez è stata confermata, malgrado 5 secondi di penalità (ne aveva 7"5 su Leclerc) e per il ferrarista questa è la settima volta in stagione che non arriva un successo dopo la pole del sabato. Alla Ferrari, insomma, manca sempre qualcosa, anche se la gara del monegasco è stata tutto sommato lineare e positiva.

LAMPO PEREZ — Cosa non ha funzionato? Il via, sostanzialmente, quando Perez è stato un lampo dalla seconda piazzola a prendere la testa per non mollarla più. L'ennesima conferma della superiorità complessiva della Red Bull, che la domenica riesce (quasi) sempre a esprimere più potenziale rispetto alla Ferrari, almeno con riferimento al risultato sulla bandiera a scacchia. Sul podio anche l’altra Ferrari di Carlos Sainz davanti alle due McLaren di Lando Norris e Daniel Ricciardo, mentre il leader iridato Max Verstappen, partito ottavo, era riuscito a risalire fino al quinto posto, prima di un fatale errore in frenata alla ripartenza del 39° giro, nel tentativo di passare Norris. Per Max, alla fine solo 7°, si interrompe la striscia di 5 vittorie consecutive, ma il titolo iridato dell’olandese è solo rimandato.

PIOGGIA PROTAGONISTA — La pioggia ha ritardato di un’ora il via e la pista bagnata ha reso questa gara praticamente infinita: la bandiera a scacchi è stata sventolata due giri prima dei 61 previsti, allo scadere delle due ore di gara. Perez ha vinto con merito in pista, prendendosi la testa al via e non mollandola più. Anche nel finale è stato bravo, perché quando gli è stato comunicato della possibile penalizzazione, ha allungato il margine di vantaggio su Leclerc a 7”5, in vista di una penalità di 5”, come poi è accaduto. Ma è stato difficile accettare di non conoscere il nome del vincitore alla bandiera a scacchi, lasciando che i piloti dovessero modificare la loro guida in previsione di una sanzione ignota o potessero gestire le gomme (come nel caso di Leclerc) perché gli stewards stavano valutando se intervenire o no. Per non parlare della cerimonia di premiazione, col primo gradino del podio col punto di domanda al posto dei piloti.

POCHE EMOZIONI — La gara, in verità, è stata abbastanza soporifera, coi piloti attenti a non commettere errori su asfalto viscido. Perez e Leclerc per tutta la gara hanno avuto un passo superiore agli altri, solo azzerato dalle Virtual Safety Car e Safety Car uscite per gli incidenti di Latifi con Zhou, dell’uscita di Alonso, del botto sulle barriere di Albon. Nell’ultima ripartenza Perez ha preso distanza dalla Safety Car e questa manovra è stata investigata. Finalmente a punti le Aston Martin di Stroll e Vettel, sesto e ottavo in mezzo al settimo posto di Verstappen. Nono Hamilton, decimo Gasly. Tra sette giorni tutti in Giappone.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/02-10-2022/f1-singapore-perez-con-penalita-trionfa-battute-le-ferrari-di-leclerc-e-sainz.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 10, 2022 14:14


Confermata la pole di Verstappen: solo una reprimenda per Max. Leclerc bruciato per 10 millesimi

Sembra di sentirlo: basta ciance, basta illazioni, e basta anche con questo campionato, sono venuto qui per chiudere e chiudiamo. Ovviamente sono interpretazioni arbitrarie, ma se non è quello che ha detto, i concetti espressi riassumono quel che Max Verstappen ha fatto. Con la pole nel GP Giappone di F1 a Suzuka, la quinta dell’anno, la 18esima in carriera, con la quale eguaglia Charles Leclerc (chissà per quanti anni continuerà ad andare avanti e indietro, questa straordinaria altalena...). Leclerc che gli si è piazzato dietro, a 10 millesimi: e quindi domani partirà di fianco a lui: è la sua 14ma partenza dalla prima fila quest’anno. Il ferrarista le proverà tutte per prolungare l’incertezza aritmetica. Che non ha nulla a che fare con quella concreta, reale: Verstappen è già campione del Mondo F1 2022. Ma Charles farà in modo di rimandare la festa a Austin (23 ottobre). Se domani dovessero restare queste due posizioni, Max primo, Charles secondo, ci sono due possibilità: col giro veloce l’olandese sarebbe già iridato, senza no. In ogni caso, Leclerc proverà a stargli davanti.

LE FERRARI E VETTEL — Terzo tempo per Carlos Sainz, a 57 millesimi dagli altri due. Quarto è Sergio Perez, il vincitore di Singapore. In terza fila domani un eccellente Esteban Ocon avrà il musetto davanti a quello di Lewis Hamilton: e questa sì è una notizia. Il francese eguaglia la sua miglior qualifica (a Jeddah) col 5° tempo. Entrambi comunque a quasi un secondo della pole. Dietro, in quarta fila, stessa dinamica: con Fernando Alonso davanti a George Russell, e allora è il secondo indizio che qualcosa di molto buono sta capitando all’Alpine (a meno che qualcosa di non tanto allegro sia capitato alla Mercedes). Vettel si è prodotto nella miglior qualifica dell’anno, eguagliando il 9° posto di Montecarlo e Baku, ma con distacco più ridotto. “Da quando ho annunciato il ritiro – aveva detto giovedì – ovviamente so che in ogni pista sarà l’ultima volta, ma non ci ho mai pensato molto, qui si. Questo circuito mi mancherà”. Dopo aver staccato il sesto tempo, poi diventato settimo, a oltre 2 minuti dalla fine della sessione, si è avviato ai box salutando il pubblico con la mano. “Arigato, Suzuka”, ha detto in radio. “Grazie, Suzuka”.

QUI LANDO — Decimo e ultimo tempo di Q3 per Lando Norris, non brillantissimo a 1”6 da Verstappen, in ogni caso per la quindicesima volta davanti al povero Daniel Ricciardo (15-3). Con un brivido a metà della terza frazione, quando Verstappen a velocità ridotta nell’out-lap ha sterzato con la sua Red Bull per scaldare le gomme, andando verso centro curva proprio mentre transitava Lando che ha evitato la collisione mettendo le ruote di sinistra nell’erba. L'episodio è stato investigato, ma alla fine a Max è stata data solo una reprimenda e ha conservato la pole. La Fia ha così spiegato: “Norris ha spiegato ai Commissari che si è trattato di una situazione sfortunata. Per quanto riguarda la sanzione, tutte le precedenti violazioni di questa natura sono sanzionate con una ‘Reprimenda’, quindi anche in questo caso viene inflitta una sanzione similare”.

Q2 A SUZUKA — In Q2 è uscito di scena ancora una volta Daniel Ricciardo, come detto superato per la quindicesima volta in stagione dal compagno in qualifica. Il suo team radio è stato un lungo “Beeeep” di censura. Una batosta per lui senza precedenti. Out anche le due Alfa Romeo: con Valtteri Bottas 12° (quinto GP di fila in cui non riesce a entrare in Q3) e Zhou Guanyu 14°. Da Montecarlo (compreso), cioè da 12 GP, i due alfisti, insieme, hanno messo insieme appena 3 presenze in Q3: non esattamente quel che ci si aspettava dopo un avvio di stagione tanto promettente. E per Bottas, personalmente, pensare che l’ultima volta qui aveva vinto lui, non dev’esser una gran soddisfazione. In mezzo a loro, tredicesimo, l’eroe di casa, il cui volto in versioni giganti campeggia con espressioni diverse sul retro di una delle due grandi tribune centrali: Tsunoda. Yuki ha accusato problemi ai freni. Lo aveva fatto in Q1, da cui era riuscito a saltar fuori, per la gioia del pubblico che non vedeva un pilota giapponese in F1 da Kobayashi nel 2014. Ma la Q3 conquistata in due dei precedenti 3 GP (Zandvoort e Singapore) è sfumata. Quindicesimo e ultimo della Q2 Mick Schumacher, già contento così: al termine del Q1 aveva esultato per la promozione.

Q1 A SUZUKA — In Q1 erano volati fuori dunque i due della Williams, come spesso succede, Lance Stroll, ma anche Kevin Magnussen e Pierre Gasly. Il francese, al centro di tante attenzioni per l’annuncio che il prossimo anno sarà alla Alpine, ha sofferto (presumibilmente) gli stessi problemi ai freni del suo compagno Tsunoda. Ha urlato in radio: “Che c... succede?”. E non è riuscito ad andare oltre il 17° posto. Male anche Magnussen, battuto per la quarta volta in stagione da Schumacher (significa che siamo comunque 14-4 per lui).

https://www.gazzetta.it/Formula-1/08-10-2022/f1-gp-giappone-risultati-qualifiche-suzuka-pole-di-max-verstappen.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 10, 2022 14:15


In Giappone trionfano pioggia e Verstappen: Max è campione del mondo!

Max Verstappen è campione del mondo della F1 per la seconda volta. Un trionfo non in discussione, ma un po' sorprendente perché proclamato non dopo la bandiera a scacchi del GP del Giappone, ma nella zona premiazione, quando a Max, primo al traguardo, Sergio Perez e Charles Leclerc è stata comunicata la penalizzazione di 5 secondi al monegasco della Ferrari, che ha tagliato l’ultima chicane ed è stato così retrocesso al terzo posto. La gara, funestata dalla pioggia, si è conclusa dopo 29 dei 53 giri previsti e le due ore di gara, ma ha assegnato punteggio pieno. E così l’olandese si è ritrovato proiettato di colpo sul trono iridato per la seconda volta, in casa della Honda, per una festa piena di casa Red Bull, dominatrice di questa stagione.

DUE ORE DI ATTESA — La pioggia è stata la vera dominatrice perché è stata capace di impedire lo svolgimento di una corsa che è stata stoppata dopo 5 minuti e soli 3 giri e ripresa dopo 2 ore e 10 minuti di interruzione, nella speranza che il meteo e l’asfalto migliorassero. Invano. Alla fine si è decisa la ripartenza per rispetto dello spettacolo e del pubblico in tribuna, ma col cronometro di gara che prevedeva solo una cinquantina di minuti di corsa. Il GP intero di 53 giri si è così concluso alle 10.03 italiane, le 17.03 locali, e 29 giri. Sufficienti comunque a regalare il punteggio pieno e il titolo a Verstappen.

IL TAGLIO DI CHARLES — Dal punto di vista agonistico non si è visto granché (in tutti i sensi). Le nuvole d’acqua dietro alle monoposto hanno in gran parte suggerito prudenza a chi seguiva. Verstappen ha dominato dalla pole, infastidito da Leclerc solo al primo start, avvenuto come da programma da fermi all’orario previsto. Max, non scattato benissimo, è però stato bravo a tenere giù il piede all’esterno di curve 1 e 2 e ha piegato la resistenza del monegasco della Ferrari, che alla successiva ripartenza con Safety Car non ha mai avuto l’occasione di attaccare il rivale o provare a ripassarlo. Dopo il secondo via, Charles si è progressivamente staccato e al giro 18 e dopo la sosta per montare le intermedie, aveva già accumulato 12 secondi di ritardo dall’olandese. Leclerc, in crisi di aderenza con le gomme, alla fine ha dovuto cedere il secondo posto a Sergio Perez, che lo ha pressato fino a fargli commettere un taglio di chicane proprio all'ultima curva. E' rientrato e chiuso secondo, ma la direzione gara lo ha sanzionato e di fatto deciso anche il campionato.

TRATTORE IN PISTA — Quarto Esteban Ocon con l’Alpine, poi Lewis Hamilton, Sebastian Vettel e Fernando Alonso. Niente da fare per la seconda Ferrari, quella di Carlos Sainz, fuori per incidente (aquaplaning) al primo giro e spaventosamente rimasto mezzo dentro la pista di traverso (“Ero nelle mani di Dio perché sapevo che gli altri arrivavano a tutta velocità e non mi vedevano bene” ha detto lo spagnolo). Un pannello colpito dal ferrarista e finito in pista è stato anche preso in pieno da Pierre Gasly. Il quale è finito al centro di un caso, perché il francese ha urlato via radio la sua rabbia per un mezzo di soccorso che procedeva a bordo pista nel momento della neutralizzazione della corsa della direzione gara. La Fia ha messo sotto investigazione il pilota, che non avrebbe rallentato a sufficienza. L’episodio, investigato a fine gara, ha portato alla memoria l’incidente fatale a Jules Bianchi nel 2014 proprio su questa pista: il pilota della Marussia finì contro uno di questi trattori. Il caso sarà approfondito, ma ormai è un fatto che con la pioggia questa F1 sia diventata uno show dimezzato, difficile studiare correttivi efficaci che salvaguardino, armonizzino e tutelino tifosi in tribuna, sicurezza, spettacolo, sport e business. Intanto però, per oggi festeggiano la Honda e Max Verstappen, ancora una volta, meritatamente, il numero 1.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/09-10-2022/in-giappone-trionfano-pioggia-e-verstappen-max-e-campione-del-mondo.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 10, 2022 14:15


Immagine
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 24, 2022 14:19


GP Usa, grande Ferrari! Pole di Sainz davanti a Leclerc e Verstappen


I TEMPI DELLE QUALIFICHE
​1. Sainz (Ferrari) 1'34"356
​2. Leclerc (Ferrari) 1'34"421 (penalità di 10 posti)
​3. Verstappen (Red Bull) 1'34"448
​4. Perez (Red Bull) 1'34"645 (penalità di 5 posti)
​5. Hamilton (Mercedes) 1'34"947
​6. Russell (Mercedes) 1'34"988
​7. Stroll (Aston Martin) 1'35"598
​8. Norris (McLaren) 1'35"690
​9. Alonso (Alpine) 1'35"876 (penalità di 5 posti)
​10. Bottas (Alfa Romeo) 1'36"319
​​11. Albon (Williams) 1'36"368 ​
12. Vettel (Aston Martin) 1'36"398
​13. Gasly (AlphaTauri) 1'36"740
​14. Zhou (Alfa Romeo) 1'36"970 (penalità di 5 posti)
​15. Tsunoda (AlphaTauri) 1'37"147
​​16. Magnussen (Haas) 1'36"949 ​
17. Ricciardo (McLaren) 1'37"046
​18. Ocon (Alpine) 1'37"068
​19. Schumacher (Haas) 1'37"111
​20. Latifi (Williams) 1'37"244

https://www.gazzetta.it/Formula-1/22-10-2022/f1-usa-live-le-libere-3-e-le-qualifiche-per-la-pole-la-diretta.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun ott 24, 2022 14:21


F1 Usa: Verstappen batte Hamilton. Ferrari: podio Leclerc, ritiro Sainz. Alonso retrocesso

Max Verstappen contro Lewis Hamilton: un revival, in parte, del Gran Premio di Abu Dhabi 2021, con il britannico in difesa e l’olandese all’attacco. Sul tracciato di Austin, in occasione del diciannovesimo round del Mondiale di F1 2022, finisce ancora una volta con il trionfo del pilota della Red Bull. Autore di una partenza da manuale con una trazione sbalorditiva, il due volte campione del mondo ha condotto buona parte della gara, salvo poi doverla ricostruire da capo in seguito a un pit stop eccessivamente lungo. Cose che capitano raramente al box Red Bull, solitamente precisi e velocissimi con il cambio gomme. Un inconveniente che ha acceso il Gran Premio, regalando un finale dal sapore conosciuto. Ottima gara di Charles Leclerc, che per un attimo ha anche messo le ruote davanti a Verstappen dopo la partenza dalla dodicesima casella. Ma se la Ferrari sorride per il podio del monegasco, non può fare altrettanto con Carlos Sainz, la cui gara è durata poche centinaia di metri.

LA PARTENZA — Caos al via: Carlos Sainz, che partiva dalla prima casella dopo la splendida pole position di sabato, prima perde la leadership, complice una partenza con ottima trazione di Max Verstappen, poi in ingresso di curva 1 viene colpito da George Russell, finendo per girarsi. L’incidente, che costa allo spagnolo il ritiro per via del danneggiamento al radiatore sulla pancia sinistra della monoposto, vede il britannico ricevere una penalità di soli 5 secondi. A trarne vantaggio, in tutto ciò, è Max Verstappen: il campione del mondo crea subito un piccolo gap di vantaggio su Lewis Hamilton, mentre Lance Stroll, un po’ a sorpresa, si ritrova in terza posizione sfruttando l’ottimo lavoro in qualifica e il crash sopracitato. Nella mischia l’altro ferrarista, Charles Leclerc: il monegasco, che si gioca il secondo posto nel Mondiale con Sergio Perez, parte 12° per via del cambio del motore dopo la seconda piazza in Q3 sabato e poco alla volta risale in classifica. Dopo una dozzina di giri i pit stop dei big, con Verstappen che risponde alla strategia di Hamilton entrando in pit una tornata dopo. L’idea, un po’ per tutti, è quella di montare la mescola più dura nello stint di mezzo dopo aver sfruttato la mescola intermedia nella fase iniziale, andando dunque sulle due soste.

CHE SPAVENTO PER ALONSO — Due i colpi di scena a metà gara: in curva 19 del giro numero 18 di 56 Bottas perde il posteriore della sua Alfa Romeo e finisce nella sabbia. L’ingresso della Safety Car è il jolly da non farsi scappare per Charles Leclerc, l’unico dei big ad aver aspettato a fare il cambio gomme. Charles rientra pochi metri dietro Sergio Perez, con un pit stop di 3,5 secondi che fa un po’ rimpiangere l’occasione sprecata di guadagnare la posizione sul messicano con il pit stop. Ma l’incidente della gara è quello fra Fernando Alonso e Lance Stroll: lo spagnolo attacca il futuro compagno di squadra sul rettilineo più lungo del tracciato, ma il canadese cambia traiettoria all’ultimo. Contatto ala-gomma, la monoposto di Fernando si impenna e vola per diverse decine di metri, fortunatamente senza cappottarsi. Stroll si gira ed è costretto al ritiro, Alonso tocca le barriere pochi metri dopo una via di fuga, rientra in pit e prosegue con una Alpine che ha retto ogni urto, finisce 7°, ma poi viene penalizzato di 30" dopo la gara per aver corso con una monoposto danneggiata e pericolosa perché poteva perdere dei pezzi, nella fattispecie lo specchietto: Nando chiude quindi 15° e fuori dai punti.

LECLERC ALL’ATTACCO — Rivitalizzato dopo il pit stop, Charles Leclerc va all’attacco di Sergio Perez e lo passa con una staccata al limite a quasi 330 km/h. Il clou della gara corrisponde con il secondo turno di pit stop: Hamilton prova l’undercut su Verstappen, gli uomini della Red Bull rispondono facendo rientrare Max un giro dopo ma un problema con la pistola responsabile di rimontare l’anteriore sinistra rende il cambio gomme del campione del mondo incredibilmente lungo. Ne approfitta Hamilton e ne approfitta anche Leclerc, rientrato ai box dietro all’olandese e uscito davanti. Le due Mercedes optano per le hard, Red Bull e Leclerc per le medie. Charles si difende con i denti, ma Max con il Drs è davvero troppo veloce in rettilineo e si riprende la seconda posizione, nel delirio del pubblico americano che ha risposto presente (440.000 ingressi in tre giorni) all’appuntamento in Texas.

IL FINALE — Mentre Sebastian Vettel si ritrova prima a guidare la gara con un pit stop in meno e poi a “litigare” con la pistola che non riesce a fissare l’anteriore sinistra sbavando una bellissima gara, Verstappen mette nel mirino Lewis Hamilton per la vittoria del GP. Ma l’olandese, dopo il sorpasso su Leclerc, non si è affatto liberato del monegasco, sempre a “zona Drs”. Il finale è un turno di qualifica di una quindicina di giri, con Hamilton che prova a scappare con mescola dura e Verstappen che prova a ricucire il gap. Leclerc arranca con le gomme medie e Perez, a parità di mescola, non abbandona le speranze di podio. Al giro 50 il numero 1 della Red Bull si riprende la leadership in staccata in quello che sembra, in parte, un revival di Abu Dhabi 2021, con Lewis Hamilton con gomma dura a difendersi e Max Verstappen a tentare l’attacco decisivo. Hamilton rimane a zona Drs e viviseziona ogni minimo particolare della guida di Verstappen, con entrambi al limite con i jolly da potersi giocare con i track limits. Ma Verstappen ne ha di più e vince davanti all’alfiere della Mercedes. A podio Charles Leclerc davanti a Perez, Russell, Norris, Vettel, Magnussen, Tsunoda e Ocon che artiglia un punti grazie ai 30" di penalità di Alonso.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/23-10-2022/f1-gp-usa-risultati-classifica-finale-vince-verstappen-podio-hamilton-leclerc.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » mar nov 01, 2022 11:34


F1 Messico, Verstappen implacabile: sua la pole davanti alle Mercedes

Max Verstappen non si ferma più. L'olandese continua a festeggiare la conquista del Mondiale e dopo il trionfo di Austin si è levato la soddisfazione della pole position in Messico. Non battendo le Ferrari, ma le Mercedes, che in altura a Città del Messico hanno trovato nuova velocità: George Russell e Lewis Hamilton hanno il secondo e il terzo tempo e domani si candidano a guastafeste.

STATO DI GRAZIA — Non sarà semplice perché Verstappen è in uno stato di grazia assoluto, gli riesce praticamente tutto. E poi perché la Red Bull si è confermata la vettura migliore, quella più in grado di adattarsi alle situazioni: se confermerà la capacità di gestire le gomme nei vari stint di gara, il destino di questo GP sarà segnato. Con un Perez che non si darà per vinto: spinto anche oggi dai 200mila tifosi in tribuna, Checo vorrà dare vita a una gara tutta in rimonta.

ROSSO OPACO — Peccato per la Ferrari, non brillante in tutte le sessioni. Dopo la pole di Austin, Sainz scatterà dalla terza fila, Charles Leclerc addirittura dalla quarta, i due separati dall'Alfa Romeo di uno straordinario Valtteri Bottas. È stata la peggior qualifica stagionale per il Cavallino, che deve un po' ritrovarsi. Leclerc ha parlato di un assetto non perfetto e da rivedere e di una guidabilità che in rettilineo mancava. Non una giornata favorevole. Ottavo Lando Norris davanti alle Alpine di Alonso e Ocon. Domani la gara alle 21.

I TEMPI — Questi i tempi delle qualifiche del GP del Messico: 1. Verstappen (Red Bull) 1'17"775 2. Russell (Mercedes) 1'18"079 3. Hamilton (Mercedes) 1'18"084 4. Perez (Red Bull) 1'18"128 5. Sainz (Ferrari) 1'18"351 6. Bottas (Alfa Romeo) 1'18"401 7. Leclerc (Ferrari) 1'18"555 8. Norris (McLaren) 1'18"721 9. Alonso (Alpine) 1'18"939 10. Ocon (Alpine) 1'19"010; 11. Ricciardo (McLaren) 1'19"325 12. Zhou (Alfa Romeo) 1'19"476 13. Tsunoda (AlphaTauri) 1'19"589 14. Gasly (AlphaTauri) 1'19"672 15. Magnussen (Haas) 1'19"833. 16. Schumacher (Haas) 1'20"419 17. Vettel (Aston Martin) 1'20"419 18. Stroll (Aston Martin) 1'20"520 19. Albon (Williams) 1'20"859 20. Latifi (Williams) 1'21"167.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/29-10-2022/f1-messico-verstappen-implacabile-sua-la-pole-davanti-alle-mercedes.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » mar nov 01, 2022 11:36


F1 Messico, Verstappen da record: 14 vittorie in un anno, nessuno come lui!

E sono 14! Max Verstappen è diventato oggi a Città del Messico il pilota con più vittorie in una sola stagione nella storia della F1. Una stagione d’oro per il campione del mondo olandese, che non a caso ha celebrato questo GP con un casco aureo e questo nuovo record, che gli consente di lasciare a 13 vittorie in stagione due mostri sacri come Michael Schumacher e Sebastian Vettel, eguagliati domenica scorsa ad Austin. Oggi nessuno scampo per Lewis Hamilton, pure autore di una bella gara: ma questa Mercedes non è al livello della Red Bull come passo gara e gestione delle gomme. Impressionante lo stint vincente di Verstappen, che con le gomme medie si è permesso il lusso di percorrere senza crolli di rendimento l’intervallo di gara tra il 25° e il 71° giro. Ha completato il podio la seconda Red Bull di Sergio Perez, per la gioia del pubblico locale che ha potuto salutare la bandiera messicana. Weekend da dimenticare per la Ferrari, che ha chiuso con Carlos Sainz e Charles Leclerc al quinto e sesto posto dietro a George Russell. Rosse mai competitive su questa pista, ci sarà da fare diversi compiti a casa.

VIE EMOZIONANTE — Molto emozionante la partenza, con Verstappen che è scattato bene e, malgrado il lungo rettilineo e la scia concessa, è riuscito a respingere l’attacco di Hamilton, bravo a sua volta a scavalcare Russell. George si è fatto sorprendere anche da Perez, che gli ha preso la terza posizione in staccata sempre al primo giro. Le due Red Bull sono partite con le soft, mentre le Mercedes con le medie. Le due Ferrari si sono trovate subito a duello tra loro, ma Leclerc non ha affondato il colpo su Sainz che ha mantenuto la quinta posizione davanti al compagno. Quindi Alonso, Bottas e Ocon. Nella prima parte di gara Verstappen ha gestito il ritmo per non usurare troppo le soft, lasciando Hamilton a 1”5, Perez e Russell a 3” e 5” e le Ferrari a 10” e 12”. L’olandese ha mantenuto una costanza sul giro impressionante.

DUELLO DI GOMME — Bellissimo il duello tra Verstappen e Hamilton a disparità di mescola: Max ha allungato il primo stint gestendo la gomma soft stupendamente, al punto da piazzare il giro più veloce al giro 15, quando in teoria la mescola più morbida avrebbe dovuto iniziare a mostrare la corda. In questa prima fase le Ferrari non hanno per niente brillato: a parità di mescola con le Red Bull, si sono staccate inesorabilmente: al 21° giro Sainz ha accumulato 19 secondi da Verstappen, Leclerc 23, molto peggio delle due Mercedes che invece sono rimaste sotto ai 10 secondi dal campione del mondo.

SOSTA DECISIVA — Verstappen ha portato le sue soft fino al giro 26, mettendo le medie al primo pit stop. Hamilton si è invece fermato al giro 29, probabilmente per evitare di ripartire dietro a Perez. Russell è invece rimasto al comando in pista per fare la sosta al 34°, montando anche lui la gomma bianca e rilasciando la testa della gara a Verstappen. Una fase decisiva della gara questa: Hamilton ha infatti puntato ad andare fino alla fine rispetto a Max, ma a rompergli le uova nel paniere ecco Perez, che lo ha attaccato con l’intento di rallentarlo o di fargli consumare di più le sue gomme, favorendo così Verstappen. Il quale, inoltre, tra il 38° e il 43° giro ha iniziato a guadagnare terreno su Hamilton, portando il suo vantaggio su Lewis a 9”7, e quindi a 10” al 48°. In vista di una seconda sosta? No, in vista di andare fino al traguardo perché la RB18 non usa le gomme, le coccola. Un'altra vittoria e una altro record straordinario per super Max.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/30-10-2022/f1-messico-verstappen-da-record-sono-14-i-centri-in-un-anno-nessuno-come-lui.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun nov 14, 2022 16:16


Brasile F1, Magnussen e Haas pescano il jolly: che pole! La Ferrari pasticcia con Leclerc

E all'improvviso, Kevin Magnussen! Le bagnate qualifiche del GP del Brasile hanno regalato un inizio di weekend emozionante, con la clamorosa e inaspettata prima pole position della carriera del pilota danese della Haas, una delle scuderie "cenerentola" del campionato. Cenerentola, ok, ma molto scaltra, perché Kevin è stato mandato in pista per primo all'inizio della Q3 e ha spinto come un matto, in una situazione di pista che stava per passare dal semi asciutto, all'umido poi al bagnato nel giro di pochi istanti. Magnussen ha stampato il primo tempo davanti a Max Verstappen e George Russell. Poi quest'ultimo è finito nella ghiaia, la sessione è stata sospesa e alla ripresa la pioggia ha dato il via alla festa ai box Haas: nessuno avrebbe più potuto migliorare il crono di Kevin. Incredibile pole position!

COME LA DANIMARCA — Una bella storia per Magnussen, che entra nell'albo d'oro dei piloti con una pole dopo un altrettanto inaspettato ripescaggio all'inizio della stagione, dopo che la Haas ha dato il benservito a Nikita Mazepin in seguito al bando ai piloti russi per l'invasione della Russia all'Ucraina. E come successe alla Danimarca del 1992, ripescata agli Europei di calcio per la guerra civile nell'ex Jugoslavia, poi clamorosamente vinti, un altro danese si è ripetuto con un successo sportivo in seguito a un ripescaggio causato da un conflitto militare: a volte i percorsi della storia propongono coincidenze clamorose.

PASTICCIO FERRARI — Per un Magnussen e una Haas che hanno pescato con bravura e un po' di fortuna il jolly, da registrare la brutta qualifica della Ferrari. Inspiegabile la scelta di far correre a Charles Leclerc la Q3 con le gomme intermedie, in attesa di una pioggia che non sarebbe mai arrivata. Al Cavallino si è pure esitato nel richiamare il monegasco subito ai box, così il monegasco non ha potuto nemmeno segnare un tempo perché quando Russell è finito nella ghiaia, la sessione è stata interrotta e così Charles domani partirà decimo nella Sprint. Un'altra sbavatura di gestione non bella a vedersi per la Ferrari.

PENALITÀ SAINZ — Carlos Sainz, invece, ha segnato il quinto tempo dietro a Lando Norris, domani potrà recuperare qualche posizione nella Sprint ma dovrà comunque scontare 5 posizioni di penalità in griglia per il cambio di motore. Dietro di lui Ocon, Alonso, Hamilton e Perez, gli altri due delusi di questa sessione di prove. Domani alle 16.30 le libere 2 e alle 20.30 la gara Sprint.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/11-11-2022/brasile-f1-magnussen-e-haas-pescano-il-jolly-che-pole-la-ferrari-pasticcia-con-leclerc.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun nov 14, 2022 16:17


F1 Brasile, Russell fa sua la Sprint, poi Sainz e Hamilton. Verstappen, errore gomme

È sicuramente stata la Sprint più emozionante vista sin qui. In Brasile George Russell ha dato spettacolo con la Mercedes, vincendo la mini-gara di 24 giri davanti alla Ferrari di Carlos Sainz e al compagno di squadra Lewis Hamilton. Un po' è anche merito della scelta (col senno del poi discutibile) della Red Bull di far disputare a Max Verstappen la corsa con la gomma media, unico insieme a Nicholas Latifi della Williams. Non è stata la scelta corretta perché le soft degli avversari hanno retto bene e al 15° giro Russell si è liberato dell'olandese che però, prima di capitolare, ha regalato tre giri di grandi difese sul rivale inglese.

ERRORE O PREVISIONE? — Ma che la scelta di partire con la media non sia stata quella corretta lo hanno dimostrato anche Sainz e Hamilton, che dopo Russell hanno scavalcato la Red Bull del campione del mondo, alla fine quarto. Difficile che domani la squadra iridata commetta lo stesso errore. E anzi, aver risparmiato un treno di gomme soft per la gara fa di Verstappen l'uomo da tener d'occhio per la corsa di domani, ridimensionando quanto visto oggi a scelta ponderata in vista del GP. Se non altro tutto questo ha regalato un sabato di divertimento ai tifosi brasiliani in tribuna, che si sono goduti una corsa vera, bei duelli e non un altro monologo di Verstappen, alla fine quarto assoluto.

CONFERMA MAGNUSSEN — Dopo l'inaspettata pole di ieri, Kevin Magnussen ha onorato la prima posizione, scattando bene e cedendo il passo a Red Bull e Mercedes dopo due giri. Il danese alla fine ha chiuso ottavo, portando a casa un bel punto. Domani Sainz scatterà settimo per via dei 5 posti di penalizzazione per il cambio del motore, mentre Charles Leclerc, scattato decimo e oggi sesto dietro a Perez, partirà in terza fila dalla quinta posizione davanti alla McLaren di Lando Norris.

STROLL ESAGERA CON SEB — Hanno reso movimentata questa sprint anche Esteban Ocon e Lance Stroll, che hanno fatto a sportellate senza tanti complimenti coi rispettivi (e nobili) compagni di squadra, Fernando Alonso e Sebastian Vettel. Ha esagerato Stroll, che si è pure beccato una penalità di 10 secondi. Domani alle 19 il GP del Brasile.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/12-11-2022/f1-brasile-russell-fa-sua-la-sprint-poi-sainz-e-hamilton-verstappen-errore-gomme.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 37450
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
Località: Bari 080
Highscores: 2

Re: * Mondiale di Formula 1 - seguiamolo insieme *

Messaggioda Miky88 » lun nov 14, 2022 16:18


F1 Brasile, Russell tra i grandi: primo trionfo in carriera! Hamilton 2° su Sainz e Leclerc

La Mercedes è davvero tornata! E stavolta non per una Sprint race, ma in un GP vero. Nella penultima occasione del 2022 è stato George Russell a trionfare in Brasile, senza riuscire a trattenere le lacrime perché questa è stata la prima vittoria della carriera. Una vittoria che corona una lunga rincorsa al sedile in un top team: a 24 anni George ha realizzato il sogno ed è diventato il 113° vincitore di un GP della massima serie dell'automobilismo. E che vittoria! Anche perché il secondo classificato è stato Lewis Hamilton, l'altro alfiere Mercedes che gliel'ha contesa fino alla fine. Non è corretto parlare di passaggio di consegne generazionale, ma certo è un fatto che la prima vittoria stagionale della Mercedes porti la firma del giovane leone e non dell'affermato campione.

STELLE CHE BRILLANO — Come pure è un fatto che in questo weekend Russell si sia aggiudicato anche la Sprint del sabato, a legittimare un weekend da numero 1 vero. Hamilton avrà solo Abu Dhabi di domenica prossima per provare a tenersi il record di un GP vinto in tutte le stagioni della carriera in F1, sempre accaduto dal suo esordio nel 2007. Ma questo sarebbe un di più. La notizia principale è che in questo weekend, oltre alla stella di Russell che si è accesa, è tornata a brillare anche quella a tre punte di Stoccarda, palesemente più veloce della Red Bull e della Ferrari, che ha salvato l'onore e (per ora) il 2° posto nei costruttori grazie al terzo posto di Carlos Sainz e al quarto di Charles Leclerc.

MALE VERSTAPPEN — Russell è stato doppiamente bravo perché ha sempre gestito bene i momenti salienti della gara, dalla partenza iniziale alle ripartenze dietro alle due Safety Car che gli hanno messo negli scarichi Hamilton. Lewis è stato il principale rivale perché Verstappen (forse il primo vero weekend non buono del campione del mondo) si è praticamente autoeliminato in un tentativo di sorpasso sbagliato sul rivale alla esse Senna. Max è entrato dove non c'era più spazio al giro 7 e si è preso giustamente 5 secondi di penalizzazione. Stessa penalità per Lando Norris, che ha "derivato" la sua McLaren contro la Ferrari di Leclerc che così è stato costretto a una difficile gara in rimonta.

BARUFFA MAX-CHECO — I pit stop non hanno regalato stravolgimenti. Tre soste complessive per i primi 6 tranne che per i due piloti della Mercedes, a conferma della ritrovata competitività delle Frecce d'argento che si era già vista in Messico. Perez è stato a lungo con le Mercedes, ma oggi la Red Bull non ha mai avuto il passo e nel finale c'è stato anche l'attacco di Verstappen al compagno, manovra che ha sottratto 3 punti al messicano. Un dettaglio per Max, non per Checo, che si sta giocando il secondo posto iridato con Leclerc: il risultato è che ora il ferrarista e Perez sono appaiati a quota 290 a una gara dalla fine. Il team principal Christian Horner alla fine ha voluto chiarirsi con Verstappen perché l'episodio ha dimostrato come sicuramente non tutti nel team fossero allineati. E un team radio (evidentemente non rispettato) in cui a Verstappen era stato chiesto di mantenere la posizione, è lì a testimoniare la "disobbedienza" di Max e il tutt'altro che idilliaco rapporto col compagno di squadra.

ETERNO ALONSO — La Ferrari ha lottato, ma non è mai stata in corsa per battere le Mercedes, decisamente più in palla. L'incidente tra Leclerc e Norris è stato un episodio negativo che ha tolto una freccia alle rosse, perché poi Charles, anche grazie alla Safety Car finale, ha chiuso nelle primissime posizioni. Da registrare anche il quinto posto dell'eterno Fernando Alonso, che si è levato la soddisfazione di precedere le due Red Bull, il compagno di squadra Ocon, l'Alfa Romeo del solito positivissimo Valtteri Bottas e l'Aston Martin di Lance Stroll. Fuori l'eroe del venerdì Kevin Magnussen, messo ko da un tocco da dietro di Ricciardo al via. Domenica prossima il Circus chiude la stagione 2022 ad Abu Dhabi.

https://www.gazzetta.it/Formula-1/13-11-2022/f1-brasile-russell-vince-su-hamilton-poi-le-ferrari-di-sainz-e-leclerc.shtml
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati

PrecedenteProssimo

Torna a CALCIO ITALIANO E STRANIERO & ALTRI SPORT

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti