spacer

Appassionati di Ciclismo

In questa sezione si può parlare delle varie realtà calcistiche, specialmente della nostra regione, e di altri sport a livello locale o nazionale, oppure internazionale.

Moderatori: u'mang, Greem, Pino, sirius, il_colonnello

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » lun set 04, 2017 20:05


Tour of Britain 2017, Caleb Ewan conquista la prima tappa al fotofinish, terzo posto per Elia Viviani

La prima tappa della 14ma edizione del Tour of Britain si conclude con un emozionante sprint, deciso al fotofinish. Il successo va all’australiano Caleb Ewan, che precede il norvegese Edvald Boasson Hagen e il nostro Elia Viviani.

La fuga di giornata è formata da 8 corridori: Connor Swift (Madison Genesis), Rob Partridge (BIKE Channel Canyon), Jacob Scott (An Post Chain Reaction), Karol Domagalski (One Pro Cycling), Gorka Izagirre (Movistar), Lukasz Owsian (CCC Sprandi Polkowice), Mark McNally (Wanty – Groupe Gobert), Graham Briggs (JLT Condor). Il loro vantaggio riamane stabile attorno ai 2’ per tutta la parte centrale della gara. A 45 km dal traguardo, la coppia polacca formata da Domagalski e Owsian decide di lasciare i compagni di fuga e di provare a resistere al rientro del gruppo. Il loro tentativo si spegne ai -25 km, quando vengono ripresi. Sull’ultima salita di giornata diversi corridori provano l’attacco, ma nessuno riesce a fare la differenza. Si va quindi allo sprint di gruppo.

Volata lanciata dagli uomini della ORICA-Scott per Caleb Ewan, che scatta di potenza centralmente, dalla sinistra provano la rimonta Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Elia Viviani (Team Sky) e Alexander Kristoff (Katusha – Alpecin). La vittoria si decide con un incredibile fotofinish a quattro: Ewan che resiste e trova il successo per pochissimi centimetri su Boasson Hagen e Viviani. Quarto posto per Kristoff, al quinto, staccato di qualche metro, arriva invece Fernando Gaviria (Quick-Step Floors)

In classifica generale troviamo quindi Ewan in vetta. Si tratta dell’ottava vittoria stagionale per l’australiano, che torna al successo dopo un anno Tour of Britain, dove aveva conquistata l’ultima tappa.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-caleb-ewan-conquista-la-prima-tappa-al-fotofinish-terzo-posto-per-elia-viviani/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » lun set 04, 2017 20:05


Vuelta a España 2017: Miguel Angel Lopez domina Sierra Nevada! Nibali prova, ma Froome guadagna terreno

La montagna che partorisce il topolino. La temutissima tappa di Sierra Nevada, 129 chilometri con partenza da Alcala la Real, non ha prodotto grandi distacchi nelle posizioni nobili della classifica generale della Vuelta a España 2017, lasciando una situazione praticamente invariata con il Team Sky che è perfettamente riuscito a gestire la situazione in favore di un Chris Froome che non è mai stato chiamato ad entrare in azione in prima persona. Vittoria di Miguel Angel Lopez: anche gli ultimi dubbi su questo 23enne sono stati spazzati via sull’ascesa finale, in cui è stato il più forte.

Attacchi ed altissime velocità nella prima ora di corsa, percorsa ad oltre 51 di media: alla fine si sono avvantaggiati Edward Theuns (Trek-Segafredo), Matteo Trentin (Quick Step), Tom Van Asbroeck (Cannoondale-Drapac), Sander Armée (Lotto-Soudal), Lluis Mas (Caja Rural-Seguros RGA), Anthony Perez, Stéphane Rossetto (Cofidis) e Nelson Oliveira (Movistar). Trentin ha raccolto quattro punti al traguardo volante di Granada ma il margine di questo gruppetto non è mai decollato grazie al lavoro dell’Astana, che ha stabilizzato il divario nell’ordine dei 2′.

L’azione della squadra kazaka è perdurata anche sull’Alto de Hazallanas, dove si è frazionato anche il gruppetto dei fuggitivi. Armee si è presto ritrovato da solo al comando, dopo aver staccato senza particolari problemi tutti i compagni d’avventura. Dal gruppo dei big, sempre piuttosto numeroso, hanno attaccato nomi pesanti: Romain Bardet (AG2R La Mondiale), Adam Yates (Orica-Scott) e Steven Kruijswijk (LottoNL-Jumbo), inframezzandosi tra Armee e il gruppo.

Dopo la discesa, a 30 chilometri dal traguardo è iniziata la lunga ascesa finale. Il primo Gpm, l’Alto del Purche, ha mutato la situazione. Davanti gli inseguitori hanno raggiunto la testa della corsa e sfruttando le alte pendenze Yates è riuscito a fare una netta differenza rispetto agli altri attaccanti, transitando in cima con oltre un minuto di vantaggio su Bardet e sopratutto Miguel Angel Lopez (Astana) e Alberto Contador (Trek-Segafredo), che ha rotto gli indugi a 26 chilometri dall’arrivo portando con sé il giovane colombiano, mentre Kruijswijk era rimasto poco più avanti.

Chris Froome ovviamente non ha risposto e il Team Sky si è limitato a controllare il ritmo, senza mai concedere più di 30”, distacco che si è mantenuto fino al Gpm, dove di fatto è iniziata la seconda scalata a Sierra Nevada. Sulle prime rampe il vantaggio degli attaccanti è aumentato: con Yates sempre in testa e forte di un minuto di vantaggio, Contador, Lopez e compagnia sono arrivati ad avere circa 60” sul trenino della Sky, con Froome sempre ben coperto.

A 13 chilometri dal traguardo Vincenzo Nibali ha portato il primo attacco: Moscon ha subito lasciato la testa del gruppo, dove invece si è messo Mikel Nieve. Il ritmo del basco, pur senza reagire immediatamente, ha tenuto Nibali a massimo 100 metri, per poi andare a riassorbirlo circa 3 chilometri dopo, con lo Squalo quasi costretto a desistere a rialzarsi per favorire il ricongiungimento.

Superata quota 2000 metri Yates ha cominciato a fare fatica e il gruppetto alle sue spalle si è avvicinato pesantemente: Lopez, una volta capita la situazione, ha stroncato la resistenze di Contador, Bardet e Kruijswijk con un’accelerazione secca, riportandosi su Yates a 4 chilometri dall’arrivo e staccandolo poco dopo. Dopo un successo maturato nel finale, eccone uno costruito già lontano dal traguardo, con una scalata finale da autentico fenomeno che a 23 anni inizia a preoccupare anche i grandissimi del ciclismo mondiale.

Ilnur Zakarin ha chiuso in seconda posizione, scattando a circa 1500 metri dal traguardo: grazie anche all’abbuono, il russo della Katusha-Alpecin ha scavalcato Wilco Kelderman (Sunweb), dietro di lui sul traguardo a una decina di secondi, in classifica generale salendo al terzo posto. Chris Froome ha chiuso in quinta posizione, dietro anche a Chaves (Orica-Scott), ma incrementato il suo vantaggio su Nibali, che nel finale ha perso 6” dal rivale, provato probabilmente dallo scatto operato a metà salita.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-miguel-angel-lopez-domina-sierra-nevada-nibali-prova-ma-froome-guadagna-terreno/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » lun set 04, 2017 20:06


Tour of Britain 2017: Elia Viviani non si ferma più! Altra volata vincente per l’azzurro dopo la squalifica di Boasson Hagen

Ennesima gioia in un periodo davvero d’oro per Elia Viviani: l’azzurro del Team Sky si aggiudica la seconda tappa del Tour of Britain andando a conquistare anche la maglia di leader della classifica generale grazie agli abbuoni. Tante polemiche però in terra britannica al termine della volata odierna: il successo infatti era andato ad Edvald Boasson Hagen, squalificato in seguito dalla giuria per aver tagliato la strada proprio al campione olimpico dell’omnium.

Sette uomini all’attacco nella prima parte di gara: Rory Townsend (BIKE Channel Canyon), Graham Briggs (JLT Condor), Matthew Holmes (Madison Genesis), Lukasz Owsian (CCC Sprandi Polkowice), Kamil Gradek (One Pro Cycling), Jacob Scott (An Post Chain Reaction) e Silvan Dillier (BMC). Il gruppo lascia spazio, ma le squadre dei velocisti chiudono il gap in vista dell’arrivo. Nonostante un’azione di Philippe Gilbert (QuickStep – Floors) il plotone si lancia verso la volata che viene anticipata dal norvegese Edvald Boasson Hagen, che cambia però repentinamente direzione andando a chiudere verso le transenne un Elia Viviani lanciato verso la rimonta. Il corridore della Dimension Data esulta, ma alla fine viene retrocesso, con Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo) secondo e Fernando Gaviria (Quick-Step Floors) terzo.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-elia-viviani-non-si-ferma-piu-altra-volata-vincente-per-lazzurro-dopo-la-squalifica-di-boasson-hagen/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mar set 05, 2017 18:51


Tour of Britain 2017: Caleb Ewan batte Boasson Hagen e Kristoff nella terza tappa

L’australiano Caleb Ewan ha vinto la terza tappa del Tour of Britain 2017, imponendosi al termine di una volata molto dispendiosa a Scunthorpe, al termine di uno scatto che ha messo in fila il gruppo.

La Dimension Data nei chilometri ha lavorato in maniera decisa per il norvegese Edvald Boasson Hagen, che viene da un ottimo momento di forma, e sembrava aver guidato il capitano allo sprint. A 600 metri dal traguardo, però, una sparata di Philippe Gilbert (QuickStep-Floors) ha messo paura al gruppo: partito deciso, il belga si è però arenato a 250 metri dalla conclusione, ripreso proprio quando è partita la volata.

Ewan (Orica-Scott) è riuscito a prevalere in un bel testa a testa con lo stesso Boasson Hagen e Alexander Kristoff (Katusha-Alpecin). Elia Viviani (Team Sky) nonostante la maglia di leader è rimasto intruppato e ha chiuso in settima posizione, alle spalle anche del connazionale Andrea Pasqualon (Wanty Groupe Gobert) mentre Daniele Bennati (Movistar) ha tagliato il traguardo nono.

Grazie al risultato odierno, Ewan è passato anche in testa alla generale con 6” di vantaggio su Viviani e 7 su Boasson Hagen.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-caleb-ewan-batte-boasson-hagen-e-kristoff-nella-terza-tappa/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mar set 05, 2017 18:51


Vuelta a España 2017: Chris Froome domina la cronometro, 3° un meraviglioso Vincenzo Nibali a meno di un minuto!

Un cronometro per gli uomini di classifica, che hanno occupato le prime posizioni in massa nella sedicesima tappa della Vuelta a España 2017: vittoria per Chris Froome (Team Sky), che ha sfruttato le sue doti da cronoman per incrementare sugli avversari, senza però scavare distacchi incolmabili nei prossimi giorni.

Il britannico è partito piano, ma dopo il primo intermedio ha messo il turbo andando a recuperare e scavalcare tutti coloro che gli erano rimasti davanti o in scia fino a quel momento, conquistando il secondo successo della sua Vuelta a España 2017 con il tempo di 47’00”51 per completare i 40 chilometri e 200 metri dal Circuito de Navarra a Logroño. L’olandese Wilco Keldermann (Sunweb) ha dimostrato di poter andare ancora molto forte nelle prove contro il tempo, chiudendo con 29” di distacco e riconquistando la terza posizione in classifica generale, andando verso un’ultima settimana che lo può consacrare tra i grandi nelle corse a tappe di tre settimane.

Se oggi il suo compito era quello di difendersi, il terzo posto odierno di Vincenzo Nibali è un risultato incoraggiante sia per quanto riguarda la sua condizione di forma che il tempo materiale perso in classifica, misurato in 57”. Il messinese della Bahrain-Merida ora dovrà recuperare 1’58” nelle frazioni rimanenti prima di Madrid per conquistare la seconda maglia rossa della carriera.

Kelderman è risalito a 42” da Nibali, mentre Ilnur Zakarin (Katusha-Alpecin), quarto sul traguardo, è ulteriori 27” più indietro, con Alberto Contador (Trek-Segafredo) quinto grazie alla quinta posizione odierna e con quattro posizione riconquistate. Superati Miguel Angel Lopez e Fabio Aru (che ha pagato 3′ da Froome) dell’Astana, Michael Woods e Esteban Chaves, andato definitivamente alla deriva dopo che nella prima settimana sembrava potesse essere il terzo incomodo nella lotta per la Roja.

Decima posizione per Daniel Oss, nella prova odierna: il trentino della Bmc sembrava potesse ambire alla top 5, ma un cambiamento del vento nel finale che ha favorito gli ultimi partiti l’ha fatto scivolare più indietro.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-chris-froome-domina-la-cronometro-3-un-meraviglioso-vincenzo-nibali-a-meno-di-un-minuto/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 06, 2017 18:18


Tour of Britain 2017, Fernando Gaviria vince al fotofinish davanti ad Elia Viviani

Fernando Gaviria torna al successo. Il colombiano conquista al fotofinish la quarta tappa del Tour of Britain, davanti al nostro Elia Viviani, che si conferma in ottima forma, e al campione europeo Alexander Kristoff.

Anche oggi nei primi chilometri parte la fuga di giornata, formata da cinque corridori: Jacob Scott (An Post Chain Reaction), Mark Mcnally (Wanty – Groupe Gobert) Alexandre Blain e Richard Handley (Madison Genesis), Alistair Slater (JLT Condor). Nella parte centrale della tappa il loro vantaggio rimane sempre attorno ai 3’. Il plotone fa perfettamente i calcoli dell’inseguimento e va a riprendere i fuggitivi a 3 km dal traguardo. Si va quindi ad un altro sprint a gruppo compatto.

Volata lanciata dagli uomini della Quick-Step Floors per Fernando Gaviria, che scatta a centro strada con grande potenza. Alla sua ruota si piazzano Elia Viviani (Team Sky) e Dylan Groenewegen (Team LottoNL-Jumbo), che provano ad uscire sulla sinistra, mentre sulla destra rimonta Alexander Kristoff (Katusha – Alpecin). La vittoria si decide quindi al fotofinish, con Gaviria che resiste e conquista per pochi centimetri il successo davanti a Viviani e a Kristoff. Quarto posto invece per Groenewegen. Da segnalare per i colori azzurri anche l’ottimo sesto posto di Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert)

Gaviria torna finalmente protagonista in questa seconda parte di stagione, in cui era stato praticamente assente dalle corse. L’ultimo successo risaliva infatti al Giro d’Italia, dove si era imposto in quattro tappe oltre che nella classifica a punti.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-fernando-gaviria-vince-al-fotofinish-davanti-ad-elia-viviani2/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 06, 2017 18:18


Vuelta a España 2017: Alberto Contador dà spettacolo a Los Machucos, Nibali stacca Froome e riapre tutto! Tappa a Denifl!

La giornata di Vincenzo Nibali e Alberto Contador, nella diciassettesima tappa della Vuelta a España 2017. Il primo perché guadagna su Chris Froome, in netta difficoltà sull’arrivo in salita dell’Alto de los Machucos, con pendenze fino al 26%, l’altro perché è stato il migliore tra gli uomini di classifica: purtroppo per lui, però, il successo di tappa è andato a Stefan Denifl, in fuga dalla prima ora e bravissimo a resistere nei 7 chilometri finali, un autentico inferno.

Dopo qualche chilometro di incertezza, Alessandro De Marchi è riuscito a portare via la fuga buona. Inizialmente questo tentativo era composto da tre uomini, ma con il passare dei chilometri si è formato un sestetto comprendente il corridore della Bmc, Christopher Juul Jensen (Orica-Scott), Dani Moreno (Movistar), Stefan Denifl (Aqua Blue Sport), Davide Villella (Cannondale-Drapac) e Julian Alaphilippe (QuickStep-Floors). Il Team Sky, in testa al gruppo, ha concesso subito un vantaggio che è arrivato vicinissimo ai 10′, facendo immaginare una possibile vittoria di tappa per gli uomini al comando.

Bora-Hansgrohe prima e Astana poi, però, hanno deciso di cambiare il copione scritto dagli uomini in nerazzurro alzando il ritmo e riportandosi quasi a contatto. Sulla prima salita di giornata, il Portillo de Lunada, il divario era già piuttosto basso e il gruppo ha vissuto dei momenti di alta tensione, sopratutto in discesa: con le nuvole basse ad influenzare la visibilità, Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) ha preferito mettersi davanti, incrementando anche l’andatura ma senza portare un vero e proprio l’attacco. Nei chilometri successivi la sua squadra e la Orica-Scott hanno continuato a spingere per arrivare ai piedi del Puerto de Alisas con il gruppo ancora sfilacciato.

Verso metà salita, e quindi a 23 chilometri dal traguardo, hanno attaccato Adam Yates e Esteban Chaves, dando un senso al lavoro della squadra australiana. In tanti dal gruppo si sono riportati sulla loro ruota, ma allo stesso tempo il Team Sky, ancora molto compatto, non ha mai concesso più di 10” andando a riassorbire questi atleti in vista dello scollinamento. Nel contempo, al comando sono rimasti solo Denifl, Moreno, De Marchi e Alaphilippe. Purtroppo Villella è stato il primo a perdere contatto già durante la prima discesa di giornata.

Questo quartetto ha attaccato l’ascesa finale con circa 30” di vantaggio su Jack Haig (Orica-Scott), mentre il gruppo è arrivato con circa 1’30” di ritardo, con gli uomini di classifica tutti davanti. Il primo tra i big ad attaccare è stato Miguel Angel Lopez (Astana), ma dopo sole poche pedalate è arrivato sulla sua ruota e l’ha superato Alberto Contador (Trek-Segafredo), apparso sin da subito molto brillante. Nel contempo Chris Froome si è staccato dal gruppetto composto dagli altri uomini di classifica, scortato dai compagni di squadra ma sempre più lontano da Vincenzo Nibali e gli altri avversari diretti.

Il Pistolero è tornato a danzare sui pedali, alla ricerca della vittoria di tappa: sulla sua strada ha trovato un Denifl perfetto, capace di gestire il ritmo e di regalarsi la vittoria più bella e importante della carriera. Contador è arrivato secondo e staccato di 28”, mentre Miguel Angel Lopez ha regolato il gruppetto di Vincenzo Nibali, arrivato a 1’04” secondi dall’austriaco vincitore di tappa. Chris Froome, oggi, ha perso, quasi straperso, il confronto diretto con lo Squalo dello Stretto: sempre scortato dai compagni, ha lasciato sul piatto oltre 40”, con Nibali che si è riavvicinato in classifica, portandosi a 1’16” dal britannico quando manca ancora l’Angliru da scalare nella penultima tappa.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-alberto-contador-da-spettacolo-a-los-machucos-nibali-stacca-froome-e-riapre-tutto-tappa-a-denifl/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 07, 2017 18:35


Tour of Britain 2017, Lars Boom vince la cronometro e diventa leader

Lars Boom sfreccia sulle strade di Tendring e conquista la cronometro del Tour of Britain. Su un percorso cittadino di 16 km, l’olandese della LottoNL-Jumbo ha fissato il miglior tempo in 19’02”, precedendo di 6” il compagno di squadra e campione europeo Victor Campenaerts. Completa il podio di giornata l’ex campione del mondo Vasil Kiryienka (Team Sky), staccato di 7”. Niente da fare invece per Tony Martin (Katusha – Alpecin), che con la maglia iridata, ha chiuso in 6a posizione.

In classifica generale ritroviamo il podio odierno: Boom leader con 8” su Campenaerts e 9” su Kiryienka. Per l’olandese si tratta della seconda vittoria stagionale, dopo quella nella quinta tappa del BinckBank Tour, che aveva rotto un digiuno di due anni.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-lars-boom-vince-la-cronometro-e-diventa-leader/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 07, 2017 18:36


Vuelta a España 2017: Chris Froome reagisce e guadagna 21” a Nibali! Festa per Armée

Chris Froome subisce e contrattacca. Sfrutta alla perfezione la squadra, reagisce in prima persona e nel finale guadagna su Vincenzo Nibali, il principale avversario per la Vuelta a España 2017. La diciottesima tappa, con arrivo a Santo Toribio de Liébana, si è risolta con il primo successo in carriera di Sander Armée, in fuga dalla mattina in un gruppo di 20 corridori.

Partenza a tutta: oltre un’ora senza fughe ma ricca di attacchi, che si sono concretizzati quando un gruppo di 20 unità ha preso vantaggio. Al comando della corsa si sono trovati Julian Alaphilippe, Matteo Trentin (Quick Step), Alessandro De Marchi (BMC), Magnus Cort Nielsen (Orica-Scott), Nelson Oliveira, Marc Soler (Movistar), Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe), Clément Chevrier, Alexis Gougeard (AG2R-La Mondiale), Toms Skujins (Cannondale-Drapac), Antwan Tolhoek (LottoNL-Jumbo), Matej Mohoric (UAE Team Emirates), Alexey Lutsenko (Astana), Sander Armée (Lotto-Soudal), Giovanni Visconti (Bahrain-Merida), Jérémy Maison, Anthony Roux (FDJ), Stéphane Rossetto (Cofidis), Sergio Pardilla (Caja Rural-Seguros RGA) e Aldemar Reyes (Manzana-Postobón), che hanno presto guadagnato un margine più che sufficiente per arrivare fino in fondo, di circa 13′ ai piedi delle salite della seconda parte del percorso.

La prima è passata senza particolari scossoni, con fuggitivi e plotone che sono andati sostanzialmente di comune accordo sulla Collada de Carmona. Invece, se tra i fuggitivi la salita di Collada de Ozalba non ha sortito effetto, in gruppo è stato un rock sfrenato dal primo all’ultimo metro. Inizialmente la Katusha-Alpecin ha portato un attacco di squadra con Ilnur Zakarin ripreso dalla Bahrain-Merida, poi è stata l’Astana a muoversi con Luis Leon Sanchez e Fabio Aru, cui addirittura si sono accodati Alberto Contador (Trek-Segafredo) e Michael Woods (Cannondale-Drapac), cui però il Team Sky non ha lasciato spazio. Aru, però, è rimasto in avanscoperta ad una quarantina di chilometri dal traguardo, pur con un vantaggio leggero sul plotone.

Sulla Collada de la Hoz, altra girandola di attacchi, davanti e dietro. Armée, Soler, Gougeard, Lutsenko e Nielsen hanno preso vantaggio dai 20 in fuga, provando ad involarsi verso lo strappo finale per giocarsi la vittoria. Tra i big, invece, altri attacchi: De La Cruz (QuickStep-Floors) è riuscito a mettersi all’inseguimento di Aru sfruttando la poca marcatura del Team Sky, mentre Contador ha provato ancora in vista dello scollinamento e per la prima volta ha costretto Chris Froome a rispondere in prima persona, con la squadra che l’ha seguito senza lasciarlo solo.

Tra la discesa e il successivo falsopiano che portava allo strappo conclusivo, Alaphilippe, Visconti, Rojas e De Marchi sono riusciti a ricucire lo strappo che si era formato con i corridori al comando, rientrando in piena lotta per la vittoria. Nello stesso tratto, anche Aru ha incrementato sul gruppo che ha rallentato molto, arrivando a toccare un margine di 1’30”. Prima dell’inizio vero e proprio dello strappo, Armée e Lutsenko hanno guadagnato sui diretti avversari per la vittoria parziale: il belga nel finale ha avuto più energie e nel tratto più duro a 700 metri dalla conclusione è rimasto da solo al comando, andando a conquistare la prima vittoria della carriera. Terza posizione, alle spalle di questa coppia, per Giovanni Visconti.

Chris Froome, mai andato realmente in difficoltà ma tornato in gestione dopo la fatica di ieri, è stato il primo tra i big ad attaccare sullo strappo finale: con lui sono rimasti solo Contador e Woods, mentre tutti gli altri hanno perso terreno. Purtroppo, Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) è andato in difficoltà sin da subito e sul traguardo ha pagato 21′‘: il suo ritardo in classifica, a questo punto, è tornato a 1’37”, molto diversi dai 76” che aveva da recuperare stamattina. Aru, invece, è riuscito ad arrivare davanti al gruppetto dei big ma solo per una manciata di secondi che non cambia in maniera netta la sua situazione in classifica.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-chris-froome-reagisce-e-guadagna-21-a-nibali-festa-per-armee1/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » ven set 08, 2017 18:29


Tour of Britain 2017, tris di Caleb Ewan! Vittoria netta ad Aldeburgh davanti a Fernando Gaviria

Continua il domino di Caleb Ewan al Tour of Britain. Il velocista australiano trionfa nettamente sul traguardo di Aldeburgh e conquista così la sua terza vittoria in questa edizione, dopo aver battuto allo sprint Fernando Gaviria, vincitore della quarta tappa.

La fuga di giornata parte fin dai primi chilometri con 7 corridori: Harry Tanfield (BIKE Channel Canyon), Enrico Barbin (Bardiani – CSF), Regan Gough (An Post Chain Reaction), Jacob Hennessy (Gran Breatagna), Hayden Mccormick (One Pro Cycling), Connor Swift (Madison Genesis) e James Shaw (Lotto Soudal). Il loro vantaggio rimane stabile attorno ai 3’ per tutta la parte centrale di gara. Nel finale il Team Sky aumenta notevolmente l’andatura e va a riprendere i fuggitivi a 3,5 km dal traguardo. Parte subito al contrattacco Alex Dowsett (Movistar Team), ma il suo tentativo dura solo qualche centinaio di metri. Si va quindi allo sprint a gruppo compatto.

Volata lanciata dagli uomini della Quick-Step Floors per Fernando Gaviria. Ai 200 metri scatta però Caleb Ewan (ORICA-Scott), che con uno sprint di grandissima potenza sorprende tutti i rivali e conquista una vittoria netta. Alle sue spalle si piazza Gaviria, che aveva perso la ruota dei compagni negli ultimi metri ed è dovuto rimontare da dietro. Completa il podio di giornata Dylan Groenewegen (Team LottoNL-Jumbo). Il miglior azzurro al traguardo è Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert), che conquista un ottimo quinto posto.

Invariata la classifica generale con Lars Boom (LottoNL-Jumbo) sempre leader con 8” sul compagno di squadra Victor Campenaerts e 9” su Vasil Kiryienka (Team Sky), in attesa della decisiva tappa di domani, con un finale ricco di insidie.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-tris-di-caleb-ewan-vittoria-netta-ad-aldeburgh-davanti-a-fernando-gaviria/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » ven set 08, 2017 18:29


Ciclismo: si ritira a causa di problemi fisici a soli 26 anni Andrea Fedi

Vittoria al Trofeo Laigueglia, secondo posto al GP Plouay e al Giro dell’Emilia. Da lì in poi tanta tanta sfortuna. Doveva essere una delle stelle del ciclismo italiano in chiave classiche per il futuro, invece si ritira a soli 26 anni Andrea Fedi. L’atleta della Wilier Triestina-Selle Italia ha annunciato oggi infatti, sul suo profilo Facebook, di aver appeso la bicicletta al chiodo dopo i tantissimi problemi fisici.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-si-ritira-a-causa-di-problemi-fisici-a-soli-26-anni-andrea-fedi/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » ven set 08, 2017 18:29


Vuelta a España 2017: Thomas De Gendt vince in fuga, Contador attacca ancora

Giro, Tour e Vuelta: Thomas De Gendt, grazie al successo maturato oggi nella 19esima tappa della Vuelta a España 2017 con arrivo a Gijon, ha completato la tripletta di tappe vinte in tutti i grandi giri. E l’ha fatto, ovviamente, in fuga: non il suo marchio di fabbrica vero e proprio, perché si è dovuto accontentare di un arrivo in volata invece della solita passerella solitaria, ma pur sempre una soddisfazione importante per il corridore Lotto Soudal. Nulla di fatto tra gli uomini di classifica nonostante un Alberto Contador sempre arrembante.

Nonostante ci si aspettasse una fuga solo sul primo Gpm di giornata, 19 corridori si sono avvantaggiati nel tratto di pianura precedente. In breve Edward Theuns, Jarlinson Pantano (Trek-Segafredo), Bob Jungels, Matteo Trentin (Quick Step), Nicolas Roche (BMC), Emanuel Buchmann (Bora-Hansgrohe), Julien Duval (AG2R-La Mondiale), Davide Villella (Cannondale-Drapac), Floris De Tier, Juanjo Lobato (LottoNL-Jumbo), Rui Costa, Matej Mohoric (UAE Team Emirates), Laurens De Vreese (Astana), Thomas De Gendt (Lotto-Soudal), Ivan Garcia Cortina (Bahrain-Merida), Dani Navarro, Kenneth Vanbilsen (Cofidis), David Arroyo (Caja Rural-Seguros RGA) e Juan Felipe Osorio (Manzana-Postobon) hano guadagnato un paio di minuti sul gruppo, che comunque non ha mollato.

E proprio sulle rampe dell’Alto de la Colladona Carlos Verona (Orica-Scott), Antonio Pedrero, Jose Joaquin Rojas (Movistar Team), Romain Bardet, Alexis Gougeard (AG2R-La Mondiale), Simon Clarke (Cannondale-Drapac), Antwan Tolhoek e Koen Bouwman (LottoNL-Jumbo) si sono avvantaggiati di forza dal plotone principale, lanciadosi all’inseguimento dei battistrada. Azione che si è conclusa con successo nei tratti successivi, andando a formare un gruppo molto nutrito al comando della gara.

Come di consueto, il Team Sky non si è posto alcun tipo di problema e addirittura ha fatto arrivare il margine a 18′, tanto da costringere l’Astana a mettersi davanti negli ultimi 50 chilometri per difendere la leadership nella classifica a squadre dalla Movistar.

I fuggitivi, entrati nel finale di tappa, hanno perso l’accordo: Garcia Cortina, corridore di casa, ha sfruttato al meglio la situazione e si è avvantaggiato in un tratto mosso, mettendo un minuto tra sé e gli altri compagni d’avventura in vista del Gpm dell’Alto de San Martín de Huerces. Sulle rampe più difficili Romain Bardet è uscito come una fionda dal gruppetto degli inseguitori, riportandosi sull’avversario proprio in vista dello scollinamento e della successiva discesa.

Il poco accordo tra i primi due, però, ha concesso a diversi atleti di rientrare, con un gruppetto che si è accodato alla testa della corsa solo negli ultimissimi chilometri, guidato da Jungels. Roche, che già in precedenza aveva tentato un allungo, ha provato a lanciare una volata troppo lunga: Cortina, che ha trovato altre energie ha lanciato a sua volta lo sprint, prendendo la testa a 100 metri dal traguardo. Dalla sua scia, però, è uscito Thomas De Gendt, che ha ottenuto il successo di giornata davanti a Pantano e allo stesso Garcia Cortina.

Non dimentichiamo, però, il gruppo dei big: oltre un quarto d’oro più indietro rispetto alla testa della corsa, sull’ultima salita, in maniera quasi scontata, ha attaccato Alberto Contador, inizialmente scortato da un compagno della Trek-Segafredo. Inizialmente Ilnur Zakarin (Katusha-Alpecin) ha provato a seguirlo, senza mai però arrivare sulla ruota del Pistolero e rimbalzando in gruppo ancora prima dello scollinamento.

Albertino, dopo aver accumulato quasi un minuto di margine secondo quanto segnalato, ha trovato Theuns, che lo ha aiutato in discesa: la loro azione, però, ha perso smalto e il Team Sky, rimasto sempre solido e compatto, è andato a rilevarli ad un paio di chilometri dal traguardo per dirigersi verso l’arrivo in tutta tranquillità.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-thomas-de-gendt-vince-in-fuga-contador-attacca-ancora/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » dom set 10, 2017 19:23


GP Québec 2017: dominio assoluto per Peter Sagan, vittoria numero 100 per il campione del mondo

Tanto marcamento, pochi attacchi e alla fine la classica volata sullo strappo conclusivo. Si apre la coppia di classiche World Tour in Canada con il GP Québec che è andato, neanche a dirlo, a Peter Sagan. Il campione slovacco trionfa in maglia iridata andando a fare il bis dopo la vittoria del 2016: successo particolare quello odierno, il numero 100 in carriera. Battuto, come nella scorsa stagione, Greg Van Avermaet.

Quattro corridori in fuga nella prima fase di gara: Tyler Williams (IsraelCyclingAcademy), Tosh Van der Sande (Lotto-Soudal), Baptiste Planckaert (Katusha-Alpecin) e Pier-André Côté (Canada). Il plotone ha lasciato spazio agli attaccanti che sono arrivati a guadagnare oltre i 7′. A ricucire lo strappo sono state le compagini dei favoriti: la BMC di Greg Van Avermaet e la Bora-Hansgrohe di Peter Sagan. Davanti il chilometraggio ha fatto male, con i più esperti Van der Sande e Planckaert che hanno salutato la compagnia.

A circa 25 chilometri dall’arrivo si è animata la corsa: il Team Sky ha aumentato il ritmo sullo strappo d’arrivo e ha spezzato il plotone. L’ultimo ad arrendersi alla rimonta del gruppo è stato Planckaert, raggiunto a 16 dal traguardo. Scatti e controscatti in testa al gruppo all’ultimo giro: la Sky ci ha provato con il francese Ellissonde, raggiunto prontamente dal plotone. Nessuno è riuscito ad evadere dal gruppo lanciato verso la volata da BMC e Bora-Hansgrohe.

A 3 chilometri dall’arrivo ha tentato lo scatto da finisseur Roman Kreuziger, ma la compagine del campione del mondo è riuscito a fare il proprio lavoro al meglio. Ha provato il replay dello scorso anno Rigoberto Uran con l’attacco all’ultimo chilometro, questa volta molto più marcato dagli avversari. Nella concitata volata al 4% di pendenza l’ha spuntata ovviamente Peter Sagan: il campione iridato senza particolari patemi ha dominato lo sprint davanti al grande rivale Greg Van Avermaet e a Michael Matthews. Migliore degli italiani Sonny Colbrelli, decimo.

https://www.oasport.it/2017/09/gp-quebec-2017-dominio-assoluto-per-peter-sagan-vittoria-numero-100-per-il-campione-del-mondo/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » dom set 10, 2017 19:24


Tour of Britain 2017, Dylan Groenewegen vince al fotofinish su Caleb Ewan, Lars Boom resta leader

Dylan Groenewegen conquista la tappa più dura del Tour of Britain. L’olandese ha resistito sugli strappi presenti sul percorso e ha regolato tutti nello sprint finale con una grande spunto. Giornata di gloria per la LottoNL-Jumbo, che oltre al successo di tappa riesce anche a mantenere la leadership in classifica con Lars Boom.

La fuga di giornata prende il via dopo 15 km con sei corridori: Dexter Gardias (BIKE Channel Canyon) Steele Von Hoff (One Pro Cycling) Robert Power (ORICA-Scott), Jacob Scott (An Post Chain Reaction) Lukasz Owsian (CCC Sprandi Polkowice) Russell Downing (JLT Condor). Il loro vantaggio oscilla tra i 2’ e i 3’ nella parte centrale di corsa. Ai -60 km Tiago Machado (Katusha – Alpecin) sferra l’attacco e prova a riportarsi da solo sui fuggitivi. Ai -40 km escono dal gruppo anche altri corridori: Silvan Dillier (BMC), Michal Kwiatkowski (Team Sky), Alex Dowsett (Movistar), Ryan Mullen (Cannondale-Drapac), Reto Hollenstein (Katusha – Alpecin). Poco dopo raggiungono Machado, formando così un gruppetto inseguitore di sei corridori. Il plotone, tirato sempre dagli uomini della LottoNL-Jumbo per il leader Lars Boom, non si fa però sorprendere e a 35 km dal traguardo va a riprendere sia la fuga originaria che gli inseguitori. Appena il gruppo si ricompatta parte subito al contrattacco Tony Martin (Katusha – Alpecin). Il cronomen tedesco non riesce però a guadagnare più di 20” e ai -15 km anche lui viene ripreso.

Sullo strappo di Cleeve Hill, ultima asperità di giornata, diversi corridori provano ad attaccare e si forma un terzetto di testa con Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Gorka Izagirre (Movistar) e Dion Smith (Wanty – Groupe Gobert). Il gruppo li tiene però a distanza di sicurezza e li va a riprendere all’imbocco dell’ultimo chilometro. Si va quindi allo sprint. Volata lanciata dagli uomini della ORICA-Scott per Caleb Ewan, che scatta centralmente, da dietro rimonta però Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo), che salta l’australiano sulla sinistra. La vittoria tra i due si decide quindi al fotofinish, con il successo di Groenewegen per pochi centimetri su Ewan. Competa il podio di giornata Brenton Jones (JLT Condor). Nella top 10 troviamo tre italiani: 5° Andrea Pasqualon (Wanty – Groupe Gobert), 6° Daniele Bennati (Movistar) e 10° Vincenzo Albanese (Bardiani – CSF).

In classifica generale rimane quindi leader Lars Boom, che ipoteca la vittoria finale in attesa della tappa conclusiva di domani. Grazie agli abbuoni conquistati oggi, sale in seconda posizione Stefan Küng a 8”, mentre in terza troviamo Victor Campenaerts (LottoNL-Jumbo) a 9”.

https://www.oasport.it/2017/09/tour-of-britain-2017-dylan-groenewegen-vince-al-fotofinish-su-caleb-ewan-lars-boom-resta-leader/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21876
Iscritto il: gio mag 22, 2014 10:55
Località: Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » dom set 10, 2017 19:24


Vuelta a España 2017, MONUMENTALE Davide Villella! Ha vinto la maglia a pois, miglior scalatore

Davide Villella ha vinto la maglia a pois alla Vuelta di Spagna 2017! Un risultato eccezionale per il 26enne di Sant’Omobono Terme (Bergamo) che ha conquistato ufficialmente la classifica riservata al miglior scalatore della corsa a tappe iberica. I tanti attacchi e l’estrema regolarità dimostrata sui Gran Premi della Montagna gli hanno permesso di ottenere il risultato più prestigioso della sua carriera da professionista respingendo l’assalto dei grandi big della classifica.

Il ciclista della Cannondale-Drapac, in procinto di trasferirsi all’Astana, ha stappato definitivamente lo champagne prima dell’Angliru, ultima salita della Vuelta. Nessuno può più mettere a repentaglio il suo risultato.

https://www.oasport.it/2017/09/vuelta-a-espana-2017-monumentale-davide-villella-ha-vinto-la-maglia-a-pois-miglior-scalatore/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

PrecedenteProssimo

Torna a CALCIO ITALIANO E STRANIERO & ALTRI SPORT


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti