spacer

Appassionati di Ciclismo

In questa sezione si può parlare delle varie realtà calcistiche, specialmente della nostra regione, e di altri sport a livello locale o nazionale, oppure internazionale.

Moderatori: u'mang, Greem, Pino, sirius, il_colonnello

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 20, 2017 17:27


Ciclismo, Mondiali 2017: Tom Dumoulin imbattibile nella cronometro. 6° uno splendido Gianni Moscon

Un successo atteso, quasi scontato: solo la pioggia ha rischiato di scardinare i piani di Tom Dumoulin nella cronometro individuale dei Campionati Mondiali di Bergen 2017, ma il vincitore del Giro d’Italia 2017 ha conquistato il secondo titolo mondiale della rassegna iridata dopo il successo nella cronosquadre con la sua Sunweb.

L’olandese dopo la corsa rosa si è concentrato proprio sulla competizione odierna e sul percorso norvegese, 31 chilometri con la salita del Mount Fløyen (oltre 3 chilometri al 9% di pendenza media), ha dimostrato tutta la sua superiorità sul resto del campo partenti, ottenendo il primo titolo iridato individuale della carriera. Con il passare dei chilometri ha aumentato il suo vantaggio su tutti gli altri nonostante la pioggia, per poi sfoderare tutte le sue doti anche nelle ultime fasi di gara.

Primoz Roglic, sloveno, è stato il primo degli umani. Anche lui influenzato dalla pioggia da metà percorso in poi, ha pagato un ritardo di 57”, con un’ottima parte finale in cui ha deciso di cambiare bicicletta nei box posti prima dell’imbocco della salita. Medaglia di bronzo, a completare un’annata straordinaria, per il britannico Chris Froome, che però rispetto alle attese della vigilia non è mai riuscito ad imporsi come avversario diretto di Dumoulin per la maglia arcobaleno, tagliando il traguardo con 1’21” di ritardo.

Il portoghese Nelson Oliveira ha chiuso quarto, guidando un gruppetto con il bielorusso Vasil Kiryienka e Gianni Moscon racchiuso in 1”. Il giovane azzurro ha chiuso in sesta posizione la sua prima cronometro iridata, staccato di soli 8” dal terzo gradino del podio di Chris Froome. Certo avvantaggiato dalla mancanza di pioggia davanti la sua prova, ma i segnali in ottica futura continuano copiosi.

Settima posizione per l’olandese Wilco Kelderman, che ha chiuso davanti all’australiano Rohan Dennis (caduto nel momento in cui era il più vicino a Dumoulin) e il tedesco Tony Martin, mentre lo sloveno Jan Tratnik ha completato la top 10.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-2017-tom-dumoulin-imbattibile-nella-cronometro-6-uno-splendido-gianni-moscon/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 21, 2017 17:46


Ciclismo, Mondiali Bergen 2017: quanto guadagnano i vincitori? Una cifra piuttosto bassa…

Ciclismo sport di fatica in tutti i sensi? Sembrerebbe di si. Andando ad effettuare una valutazione sui premi ricevuti dai campioni del mondo in diverse discipline sportive si nota che chi si esibisce in bicicletta non “naviga nell’oro”.

Se pensiamo ad esempio ai Mondiali di atletica o di nuoto, il primato portava in dote 51 mila euro nel primo caso e 17 mila nel secondo. Andando però a scorrere quel che avviene a Bergen in Norvegia, sede della rassegna iridata ciclistica, ci si accorge le cose vanno diversamente.

Il montepremi totale, infatti, è pari circa a 237 mila euro e la maggior parte di questa cifra viene distribuita nelle gara della prima giornata, vale a dire a dire nella prova della cronometro a squadre. Nei fatti, le formazioni vincitrici, hanno conquistato 33.333 euro (senza alcuna differenza tra gara maschile e femminile), mentre 20.000 e 10.000 euro sono stati assegnati ai vincitori di argento e bronzo. Da specificare che in questa specialità, i premi in denaro sono stati riservati anche al team piazzatisi in quarta e quinta posizione.

Per le gare in linea i premi sono ancor meno “generosi”. Ai vincitori della maglia con l’arcobaleno spettano 7.667 euro mentre ai secondi andranno 5 mila euro ed ai terzi 3 mila. Tra gli under23 il vincitore dell’iride conquista 3.833 euro, mentre le vittorie tra gli juniores prevedono un compenso di circa 1.500 euro. Per le cronometro, il piatto piange: Tom Dumoulin ha incassato infatti 3.833 euro, mentre l’argento è valso 2.300 euro e il bronzo 1.633. Il vincitore della crono under23 si è portato a casa 3.067 euro, mentre l’azzurra Elena Pirrone ha messo in tasca circa 1.000 euro.

Cifre non esaltanti dunque per uno degli sport più popolari che ci siano. Tuttavia, facendo valutazioni di sponsor ecc, soprattutto chi è riuscito e riuscirà ad ottenere dei successi tra i professionisti avrà sicuramente dei benefici con entrate extra dettate da questi riscontri.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-bergen-2017-quanto-guadagnano-i-vincitori-una-cifra-piuttosto-bassa/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 21, 2017 17:46


Ciclismo: David Lappartient è il nuovo presidente dell’UCI! Un risultato clamoroso

Un giorno importantissimo per il ciclismo e l’UCI: la Federazione Internazionale infatti nell’ambito del 186° Congresso Uci a Bergen, città norvegese che sta ospitando i Mondiali di ciclismo, ha scelto il presidente e conseguentemente il proprio governo per i prossimi quattro anni. In corsa vi erano il massimo dirigente uscente, il britannico Brian Cookson, ed il francese francese David Lappartient, vicepresidente dell’UCI e già presidente della UEC oltreché della federazione francese.

Ebbene l’esito è stato clamoroso: Lappartient ha ottenuto il successo con 37 consensi contro gli 8 del suo avversario. Un vantaggio molto ampio, più di quanto ci si potesse immaginare, che vuol dimostrare chiaramente l’insoddisfazione della gestione precedente e la volontà da parte dei votanti di voltare pagina.

“Il progetto che ho proposto ha vinto. Grazie dal mio cuore”, le poche parole del dirigente transalpino.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-david-lappartient-e-il-nuovo-presidente-delluci-un-risultato-clamoroso/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 21, 2017 17:47


Ciclismo: Simon Gerrans correrĂ  nella BMC Racing Team nel 2018

Ci sono novitĂ  sul fronte ciclomercato in vista della prossima stagione. Simon Gerrans, infatti, correrĂ  nel 2018 con la BMC Racing Team.

A 37 anni, l’australiano comincia una nuova avventura ed è senza dubbio un grande colpo per la compagine statunitense. Vincitore in passato della Milano-Sanremo e della Liège-Bastogne-Liège il veterano ha deciso di lasciare la Orica-Scott con la quale, evidentemente, ormai i rapporti non erano più stabili.

“BMC Racing Team è una squadra che ho sempre ammirato per la professionalità dell’organizzazione – ha dichiarato Gerrans- E c’è sempre stato feeling con i corridori australiani come dimostrano Cadel Evans, Richie Porte, Rohan Dennis e Miles Scotson. Probabilmente è un po’ presto per iniziare a annunciare obiettivi specifici, ma spero di poter aprire la mia stagione in Australia, cominciando a lavorare con Porte per difendere il suo titolo nel Santos Tour Down Under”.

Parole di ammirazione contraccambiate anche dal presidente della squadra Jim Ochowicz il quale ha sottolineato le qualità del corridore aussie: “Non ci sono molti corridori che hanno il palmares e l’esperienza di Simon Gerrans, quindi siamo entusiasti di averlo con noi nel 2018. Ci aspettiamo da lui un contributo importante lungo tutto l’arco della stagione: rappresenterà un supporto di alto livello per Richie Porte e Greg Van Avermaet“.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-simon-gerrans-correra-nella-bmc-racing-team-nel-2018/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » ven set 22, 2017 18:48


Ciclismo: svelata la squadra di Alberto Contador ed Ivan Basso. Ci saranno gli azzurri Gazzoli e Moschetti

Al termine della presentazione della grande partenza del Giro d’Italia Alberto Contador ed Ivan Basso hanno svelato i propri piani per il 2018: lo spagnolo avrà infatti il comando di un team chiamato Polartec-Kometa Continental Team, ovviamente nella categoria Continental. La squadra fungerà da vivaio per la Trek-Segafredo. Per ora sono otto i corridori tesserati, tra i quali due azzurri: Matteo Moschetti ed il campione europeo juniores Michele Gazzoli.

Queste le parole del Pistolero: “Quello che ci ha spinto per andare a creare questo progetto insieme a Ivan, è la voglia di restituire al ciclismo un po’ di quello che ci ha dato. Siamo convinti che unendo le forze possiamo fare molto, aiutando i giovani a raggiungere il professionismo. Grazie a Polartec e Kometa, con il sostegno fondamentale di Trek-Segafredo, daremo vita ad una squadra Continental all’insegna dei valori insiti nel ciclismo, lavoro di squadra, solidarietà, costanza e sacrificio”.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-svelata-la-squadra-di-alberto-contador-ed-ivan-basso-ci-saranno-gli-azzurri-gazzoli-e-moschetti/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » ven set 22, 2017 18:50


Ciclismo, Mondiali Bergen 2017: trionfa Benoit Cosnefroy tra gli under 23, quinto Vincenzo Albanese

E’ la Francia a trionfare nel Mondiale di ciclismo su strada under 23 in quel di Bergen: Benoit Cosnefroy con uno splendido contrattacco dopo la salita di Salmon Hill ha beffato il compagno di fuga Lennard Kamna nello sprint a due aggiudicandosi la medaglia d’oro. Piazzamento nella top-5 per il capitano azzurro Vincenzo Albanese in una prova non molto selettiva.

Subito sei uomini all’attacco nelle prime fasi di gara: l’australiano Hindley, il giapponese Oka, il portoghese Fernandes, il bielorusso Strokau, lo svedese Hoog e l’eritreo Habdom Tekle. Il gruppo non ha lasciato molto spazio e dal plotone sono riusciti a contrattaccare l’ucraino Novakovskyi, l’eritreo Musie e il suo connazionale Selemun, il corridore del Ruanda Mugisha, l’ungherese Pelikan e il marocchino Abderrahim che hanno raggiunto i fuggitivi. La Norvegia si è presa l’incarico di dettare il ritmo. A circa 70 dall’arrivo ennesimo ribaltamento di fronte: otto uomini al comando Sivakov (Russia), Hindley (Australia), Tiller (Norvegia), Muller (Svizzera), McNulty (USA), Hoog (Svezia), Davies (Gran Bretagna) e Gidich (Kazakistan).

A circa 40 chilometri dall’arrivo il gruppo, vedendo abbastanza lontani i fuggitivi, ha deciso di cambiare ritmo: a guidare l’inseguimento la Spagna e, in parte anche l’Italia, che si è vista davanti con Affini ed Albanese. All’ultimo giro nuovamente Albanese ha provato a formare un gruppettino al comando: sono mancate però le forze al corridore della Bardiani-CSF che si è lasciato sfuggire i transalpini Thomas e Madouas, l’australiano Storer, il colombiano Paredes e l’uruguagio Moreira. Sull’ultima ascesa a Salmon Hill è partito dal gruppo un mostruoso Lennard Kamna (Germania): il cronoman tedesco ha provato in solitaria ad andarsene, staccando tutta la concorrenza. A sorpresa, però, nel tratto pianeggiante il transalpino Benoit Cosnefroy si è riportato sul teutonico: la coppia si è lanciata verso l’arrivo, rischiando però di essere raggiunta dal plotone.

Tante emozioni nell’ultimo chilometro: il gruppo transita a soli 10” di ritardo, la coppia al comando si studia ma a 300 metri dall’arrivo Cosnefroy riesce a sprintare per la vittoria battendo Kamna. A vincere la volata del gruppo, valida per il bronzo, è stato il danese Svendgaard. Quinto un più che positivo Vincenzo Albanese.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-bergen-2017-trionfa-benoit-cosnefroy-quinto-vincenzo-albanese/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » sab set 23, 2017 18:45


Ciclismo, Mondiali 2017 – Peter Sagan insegue un record leggendario: il tris consecutivo mai riuscito nella storia! A caccia di Binda, Merckx e Freire

Peter Sagan è tra i grandi favoriti nella corsa in linea dei Mondiali 2017 che si disputerà domani a Bergen (Norvegia). Il fenomeno slovacco ha vinto le ultime due edizioni della rassegna iridata: a Richmond 2015 e a Doha 2016 ha dettato legge, confermandosi come il più forte in questa tipologia di corse.

Il 27enne di Zilina si presenterà sulle strade norvegesi con l’obiettivo di conquistare un mitologico tris consecutivo, impresa mai riuscita a nessuno nella storia! In 86 anni di Mondiali nessuno ha saputo imporsi per tre volte filate: gli italiani Paolo Bettini (2006-2007) e Gianni Bugno (1991-1992), i belgi Rik Van Looy (1960-1961), Rik Van Steenbergen (1956-1957) e George Ronsse (1928-1929) si sono fermati a due!

Se dovesse tagliare il traguardo a braccia alzate, Peter Sagan vincerebbe il suo terzo titolo iridato in assoluto ed eguaglierebbe così il record assoluto detenuto in coabitazione da Alfredo Binda (1927, 1930, 1932), Rik Van Steenbergen (1949, 1956, 1957), Oscar Freire (1999, 2001, 2004) ed Eddy Merckx (1967, 1971, 1974, il Cannibale dominò anche tra i dilettanti nel 1964). Stiamo parlando soltanto di primati maschili perché se dovessimo considerare anche le donne allora bisognerebbe ripescare il mitologico pokerissimo della francese Jeannie Longo.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-2017-peter-sagan-insegue-un-record-leggendario-il-tris-consecutivo-mai-riuscito-a-caccia-di-binda-merckx-e-freire/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » dom set 24, 2017 17:33


Ciclismo, Mondiali 2017: Peter Sagan leggendario, terzo oro iridato di fila. Mai nessuno come lui. Italia fuori dal podio

Peter Sagan nella storia: a Bergen, in Norvegia, lo slovacco ha conquistato il terzo Mondiale consecutivo dopo i successi di Richmond e Doha. Mezza ruota, ma sufficiente per battere Alexander Kristoff al termine di una corsa in cui non si è mai visto. Promossa l’Italia, con Gianni Moscon straordinario nell’ultimo giro e Matteo Trentin rimasto ai piedi del podio.

La fuga non ha avuto problemi a partire nei primi chilometri. Conor Dunne e Sean McKenna (Irlanda), Elchin Asadov (Azerbaijan), Eugert Zhupa (Albania), Alexey Vermeulen (Stati Uniti), Andrey Amador (Costa Rica), Willem Smit (Sudafrica), Matti Manninen (Finlandia), Salaheddine Mraouni (Marocco) e Kim Magnusson (Svezia) sono usciti a più riprese andando a formare un gruppetto. Il plotone principale ha lasciato subito il via libera e il loro vantaggio ha sfiorato i 10′, prima che Julien Vermote (Belgio) si mettesse davanti per macinare chilometri in testa al gruppo e controllare il ritardo. Coadiuvato anche dalla Repubblica Ceca, non ha avuto particolari problemi in una prima fase di gara in cui gli atleti hanno tenuto un ritmo costante e piuttosto basso.

Il primo a muoversi dal gruppo è stato Maxim Belkov (Russia), ma dopo che aveva guadagnato quasi un minuto sul gruppo la situazione di corsa è cambiata radicalmente.

A cinque giri dalla fine, la situazione in gruppo è cambiata in maniera radicale: Belgio, Olanda e Polonia hanno aumentato il ritmo del gruppo principale, andando a rilevare tutti gli atleti in avanscoperta e provando quantomeno a mettere acido lattico nelle gambe dei velocisti. Questo atteggiamento non ha provocato selezione, ma ha di fatto aperto ufficialmente la lotta per la vittoria Mondiale a poco meno di 100 chilometri dal traguardo.

A quattro giri dal termine, diversi corridori hanno provato a portare via un gruppetto. Ci è riuscito il belga Tim Wellens, proprio sulla salita di Salmon Hill: con lui sono andati Lars Boom (Olanda), Odd Eiking (Norvegia), David De La Cruz (Spagna), Marco Haller (Austria), Jarlinson Pantano (Colombia), Jack Haig (Australia) e l’azzurro Alessandro De Marchi, attentissimo su tutti gli scatti in questa fase.

Il loro vantaggio si è stabilizzato subito tra i 30 e i 40”, costringendo nazioni come Francia e Polonia a tirare dopo essersi fatta sfuggire l’azione buona. Al giro successivo sono stati proprio i transalpini ad accelerare su Salmon Hill: Diego Ulissi, però, ha fatto buona guardia, scoraggiando eventuali attacchi e favorendo i fuggitivi, che hanno mantenuto il vantaggio.

Questo tentativo si è annullato nel corso del penultimo giro, che ha visto anche un paio di affondi di Tom Dumoulin (Olanda) in salita, seguito tra gli azzurri da Alberto Bettiol e poi Matteo Trentin in un gruppetto di circa 25 unità che però non hai preso veramente margine rispetto al grosso del gruppo, transitato compatto all’ultimo passaggio sul traguardo a 19 chilometri dall’arrivo.

Sui primi strappi dell’ultimo giro hanno allungato il belga Langeveld e il tedesco Martens, ma anche la loro azione ha perso vigore in vista della salita di Salmon Hill vera e propria dopo un ulteriore allungo di Tony Gallopin. Sull’ascesa Julian Alaphilippe è riuscito a fare la differenza su Philippe Gilbert (Belgio) e Niki Terpstra (Olanda). Sulla loro ruota si è portato Gianni Moscon per l’Italia e il giovane trentino in vista dello scollinamento ha saltato di forza i due avversari per riportarsi sul transalpino in cima a Salmon Hill. Questa coppia si è data cambi regolari fino ai -4 chilometri: lì Alaphilippe è riuscito a staccare Moscon sul tratto in pavé ma non è riuscito a resistere al ritorno del gruppo e del danese Kragh Andersen, entrato solitario nell’ultimo chilometro ma ripreso poco dopo.

Alberto Bettiol ha provato a lanciare la volata a Matteo Trentin, che però nelle due curve conclusive ha perso qualche posizione: Alexander Kristoff (Norvegia) ha impostato la volata in prima posizione ma Peter Sagan gli ha preso la ruota ed è uscito a 100 metri dal traguardo. La volata dello slovacco non è stata dominante e negli ultimi 50 metri ha perso brillantezza, con Kristoff che ha recuperato qualche centimetro, arrivando vicinissimo allo slovacco.

Per Peter si tratta del terzo titolo iridato consecutivo, un’autentica impresa mai riuscita a nessuno. Tre percorsi diversi, tre modi di vincere diversi: tutto il talento in un tris che è già nella storia del ciclismo su strada, e un’età per vincere ancora tantissimo.

L’australiano Michael Matthews ha chiuso terzo, mentre Matteo Trentin si è dovuto accontentare della quarta posizione davanti a Ben Swift (Gran Bretagna) e Greg Van Avermaet (Belgio), con Michal Albasini (Svizzera) settimo. Hanno completato la top 10 Fernando Gaviria (Colombia), Alexey Lutsenko (Kazakistan) e Julian Alaphilippe (Francia).

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-2017-peter-sagan-leggendario-terzo-oro-iridato-di-fila-mai-nessuno-come-lui-italia-fuori-dal-podio/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » dom set 24, 2017 17:33


Ciclismo, Mondiali 2017 – Quanti soldi ha guadagnato Peter Sagan? Montepremi poverissimo per il terzo trionfo!

Peter Sagan si è laureato Campione del Mondo per la terza volta consecutiva, impresa mai riuscita nella storia del ciclismo. Lo slovacco, dopo i trionfi di Richmond 2015 e Doha 2016, ha fatto ancora la differenza e si è imposto a Bergen con pieno merito. Un’apoteosi monumentale per il 30enne, tra i volti più conosciuti e amati nel circuito, tra i ciclisti più cercati dalle varie formazioni del World Tour.

Il montepremi che però ha incassato oggi è davvero ridicolo! Un assegno modestissimo, non all’altezza di una rassegna iridata, una cifra di bassissimo spessore che sicuramente non sposterà il conto in banca di Peter Sagan abituato ad alti ingaggi e sponsorizzazioni.

Peter Sagan, vincendo i Mondiale 2017 di ciclismo, ha intascato appena 7667 euro! Una medaglia d’oro iridata, con assegna maglia arcobaleno, dal portafoglio decisamente poco generoso. Kristoff si accontenta di 5000 euro, Matthews ne prende 3000.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-mondiali-2017-quanti-soldi-ha-guadagnato-peter-sagan-montepremi-poverissimo-per-il-terzo-trionfo/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mar set 26, 2017 18:01


Giro di Toscana 2017: Stephen Cummings vince la prima tappa, Vincenzo Nibali subito protagonista

Il britannico Stephen Cummings ha regolato un gruppetto di 4 unità per vincere la prima delle due tappe del Giro di Toscana – Memorial Alfredo Martini 2017, 181 chilometri con partenza e arrivo a Pontedera. Molto attivo Vincenzo Nibali, arrivato con i primi in attesa della frazione di domani con l’arrivo a Volterra.

Roy Goldstein (Israel Cycling Academy), Josu Zabala (Caja Rural-Seguros RGA), Maximilian Kuen (Tirol Cycling Team) e Michele Scartezzini (Sangemini-MG. Kvis) sono stati i primi attaccanti di giornata. Il gruppo, pur concedendo loro la fuga, non ha mai lasciato crescere in maniera pericolosa il divario, controllando il distacco dalla testa della corsa. Il plotone è rimasto quasi sempre ad un paio di minuti dalla testa della corsa, in gestione.

Fausto Masnada (Androni-Sidemerc), Ilia Koshevoy (Wilier – Selle Italia) e Iuri Filosi (NIPPO – Vini Fantini) sono fuoriusciti dal gruppo, riportandosi su Zabala e Kuens, reduci della fuga, a circa 45 chilometri dal traguardo ma poco prima dell’imbocco degli ultimi 20 chilometri anche loro sono stati ripresi dal gruppo.

Nello stesso frangente hanno attaccato Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), Egan Bernal (Androni-Sidermec), Frederik Backaert (Wanty-Groupe Gobert) e Stephen Cummings (Dimension Data), che in breve hanno accumulato quasi un minuto di vantaggio sul gruppo. Nonostante diverse squadre si siano organizzate all’inseguimento, sono riusciti a mantenere il vantaggio e a giocarsi la vittoria di tappa. Cummings ha regolato tutti nel finale, cogliendo il primo successo con la maglia di campione nazionale britannico conquistata nel mese di giugno. Bernal ha chiuso secondo confermando il buon momento di forma davanti a Backaert e Nibali, rimasto ai piedi del podio.

https://www.oasport.it/2017/09/giro-di-toscana-2017-stephen-cummings-vince-la-prima-tappa-vincenzo-nibali-subito-protagonista/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mar set 26, 2017 18:01


Ciclismo: frattura al dito della mano destra per Fabio Sabatini. Il corridore azzurro chiude anzitempo la stagione

Brutte notizie per Fabio Sabatini. Il corridore della Quick Step infatti sarà costretto a chiudere anzitempo la propria stagione per via della frattura di un dito della mano destra rimediata nel corso di un allenamento. L’atleta toscano infatti, andando a sbattere contro lo specchietto di una moto parcheggiata sul bordo della strada, ha rimediato questo infortunio e dovrà stare a riposo per circa quattro settimane

“Non è questo il modo in cui avrei voluto concludere la mia stagione, ma devo accettare la realtà – le prime parole di Sabatini riportate da tuttobiciweb.it – Per fortuna non c’è bisogno di un intervento chirurgico, il che significa che sarò completamente recuperato per dicembre, quando inizieremo a preparare la prossima stagione”.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-frattura-al-dito-della-mano-destra-per-fabio-sabatini-il-corridore-azzurro-chiude-anzitempo-la-stagione/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 27, 2017 17:54


Coppa Sabatini 2017: giovedì l’edizione numero 65 a Peccioli. Ci sono Nibali e Colbrelli

Prosegue in Toscana il fitto calendario delle semiclassiche italiane, che caratterizzano ormai il mese di settembre nella stagione ciclistica. Giovedì sarà il turno della Coppa Sabatini – Gp Città di Peccioli, giunto alla sua edizione numero 65.

Il percorso, storicamente, è adatto a quegli uomini veloci in volata che però riescono a superare le difficoltà altimetriche, con un traguardo in leggera salita che premia gli sprinter più resistenti o i corridori che hanno la forza di tenere alta l’andatura. Il primo tratto di 55 chilometri sarà in linea: a seguire un primo circuito di 21,7 chilometri da percorrere sette volte con le salite di Terricciola e Peccioli, mentre il secondo circuito di 12,2 chilometri (6 tornate) sarà caratterizzato dall’ascesa di Peccioli, in concomitanza con il traguardo. Gli ultimi 1000 metri saranno tutti in salita, con una pendenza circa del 6-7%.

La squadra più attesa, e che probabilmente sarà il faro della corsa, è la Bahrain-Merida di Vincenzo Nibali, Sonny Colbrelli, Enrico Gasparotto e Giovanni Visconti. Sulla carta, tutti e quattro possono dire la loro, con Nibali che probabilmente proverà ad attaccare da lontano, mentre nel finale Colbrelli potrebbe sprintare per ripetere la vittoria dello scorso anno. Tra gli altri, ci si aspetta molto dalle professional italiane come Wilier Triestina – Selle Italia, Bardiani – Csf, Androni – Sidermec e Nippo-Vini Fantini, che hanno l’opportunità di mettersi in mostra e provare a vincere in una corsa dall’indubbio valore tecnico.

https://www.oasport.it/2017/09/coppa-sabatini-2017-giovedi-ledizione-numero-65-a-peccioli-ci-sono-nibali-e-colbrelli/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 27, 2017 17:54


Ciclismo, infinito Davide Rebellin! Vince a 46 anni la prima tappa del Tour de Banyuwangi Ijen

Una carriera davvero senza fine quella di Davide Rebellin che a 46 anni è ancora capace di vincere. Il palcoscenico non è più quello delle grandi classiche, ma una corsa 2.2 in Indonesia: il Tour de Banyuwangi Ijen. L’italiano, con la maglia della Kuwait-Cartucho.es, ha vinto a modo suo: staccando tutti sulla salita finale e conquistando la vittoria in solitaria nella prima tappa. Alle sue spalle si è piazzato l’australiano Drew Morey, staccato di 1’35”.

Davide Rebellin torna al successo dopo due anni: l’ultima volta che aveva alzato le braccia al cielo era stato alla Coppa Agostoni nel 2015. Questo risultato dimostra ancora una volta l’incredibile tenacia di questo corridore, che ricordiamo essere stato il primo ciclista a conquistare tutte le tre grandi classiche delle Ardenne nello stesso anno (Amstel Gold Race, Freccia Vallone e Liegi-Bastogne-Liegi nel 2004). Nonostante l’età non vuole saperne di abbandonare la bici e continua a dare il massimo per la sua squadra.

https://www.oasport.it/2017/09/ciclismo-infinito-davide-rebellin-vince-a-46-anni-la-prima-tappa-del-tour-de-banyuwangi-ijen/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » mer set 27, 2017 17:54


Giro di Toscana 2017 – Tappa e maglia per Guillaume Martin a Volterra, secondo Giovanni Visconti. Vincenzo Nibali in gruppo

Guilaume Martin si prende tutto a Volterra: il francese ha ottenuto il successo nella seconda ed ultima tappa del Giro di Toscana 2017, chiudendo anche al primo posto in classifica generale dopo aver staccato tutti gli avversari sull’ascesa conclusiva.

Sette uomini in fuga nella prima parte dei 165 chilometri da Lajatico a volterra: Federico Zurlo (UAE Team Emirates), Alessandro Tonelli (Bardiani-CSF), Jacopo Mosca (Wilier-Selle Italia), Danilo Napolitano (Wanty-Groupe Gobert), Igor Boev (Gazprom-RusVelo), Matthias Krizek (Tirol Cycling Team), Fabricio Ferrari e Josu Zabala (CajaRural-RGA). Il loro vantaggio è arrivato a toccare i 4′, ma da lì in avanti le squadre più organizzate hanno mano a mano recuperato. Gli ultimi a resistere sono stati Zurlo, Tonelli, Mosca e Ferrari , ripresi solo sull’ultima salita verso il traguardo.

Sull’ultima ascesa sono iniziati gli scatti dal gruppo: Giovanni Visconti (Bahrain-Merida) ha ripreso e superato i fuggitivi di giornata, conquistando la testa della corsa. Nel finale, però, Guillaume Martin (Wanty-Groupe Gobert) l’ha ripreso e scavalcato, andando ad ottenere la seconda vittoria della carriera dopo la quarta tappa del Tour du Limousin. Visconti ha chiuso in seconda posizione, seguito nel gruppetto dei più immediati inseguitori da Mattia Cattaneo (Androni-Sidermec) e Fabricio Ferrari (Caja Rural – Seguros RGA).

Grazie alla vittoria odierna, Martin, corridore francese classe 1993, si è aggiudicato anche la classifica generale del Giro di Toscana davanti a Visconti, Cattaneo, Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) ed Egan Bernal (Androni-Sidermec), che oggi hanno chiuso nel gruppetto principale.

https://www.oasport.it/2017/09/giro-di-toscana-2017-tappa-e-maglia-per-guillaume-martin-davanti-a-giovanni-visconti/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

Miky88

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 22963
Iscritto il: gio mag 22, 2014 9:55
LocalitĂ : Bari 080
Record: 2

Re: Appassionati di Ciclismo

Messaggioda Miky88 » gio set 28, 2017 17:47


Coppa Sabatini 2017: Andrea Pasqualon trionfa a Peccioli, battuti in volata Sonny Colbrelli e Francesco Gavazzi

A Peccioli arriva finalmente il successo per Andrea Pasqualon, che dopo una serie di buoni piazzamenti stagionali può esultare per la conquista della Coppa Sabatini. Il portacolori della Wanty – Groupe Gobert ha battuto allo sprint finale Sonny Colbrelli e Francesco Gavazzi.

La fuga di giornata parte nei primi chilometri di corsa con 7 corridori: Eugert Zhupa (Wilier Selle Italia), Alessandro Tonelli (Bardiani Csf), Andrea Vendrame (Androni – Sidermec – Bottecchia), Patrick Gampre (Tirol Cycling), Mekseb Debesay (Dimension Data), Óscar Pelegrí (Caja Rural) e Hideto Nakane (Nippo). Il loro vantaggio si stabilizza attorno ai 3’ nella parte centrale di gara. A circa 50 km dalla conclusione provano l’attacco in successione Jacopo Mosca (Wilier Selle Italia) e Francesco Manuel Bongiorno (Sangemini – MG.Kvis), ma il loro tentativo dura solo pochi chilometri.

Negli ultimi due giri il plotone aumenta notevolmente l’andatura e va a riprendere i fuggitivi a 7 km dal traguardo. Ci si avvia così all’imbocco della salita finale di Peccioli con una situazione di gruppo compatto. Nessuno riesce a fare la differenza in salita e si va così allo sprint. Il più veloce è Pasqualon, che trova il successo davanti a Colbrelli (Bahrain-Merida) e Gavazzi (Androni – Sidermec – Bottecchia).

Pasqualon conferma il buon feeling con questa corsa, dove lo scorso anno colse il secondo posto alle spalle di Colbrelli, che invece questa volta è riuscito a battere. Una vittoria che dimostra il salto di qualità fatto da in questa stagione, in cui ha iniziato a conseguire con continuità buoni piazzamenti in volata. Momento magico quindi per la Wanty – Groupe Gobert, che dopo la conquista del Giro di Toscana con Guillaume Martin, porta a casa anche la Coppa Sabatini.

https://www.oasport.it/2017/09/coppa-sabatini-2017-andrea-pasqualon-sonny-colbrelli-francesco-gavazzi/
Sappiate amare la Bari,
Sappiatela custodire,
Guardatela sempre
con occhi innamorati



Seguici su Istagram QUI

PrecedenteProssimo

Torna a CALCIO ITALIANO E STRANIERO & ALTRI SPORT


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite