spacer

25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Le ultime news, prese da fonti ufficiali quali siti (non blog) giornali o tv riguardanti il Bari e tutto sul calciomercato: acquisti, cessioni, o semplici interessamenti. Il formato di un nuovo argomento deve essere del tipo GG/MM/AA - TITOLO.

Moderatori: u'mang, Greem, Pino, sirius, Rosencratz, divin gallo, il_colonnello, Soloesemprebari

Phantomas

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 7527
Iscritto il: lun feb 16, 2009 15:24
Località: Bari eterna malattia
Record: 0

25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda Phantomas » gio nov 25, 2010 21:09


Matarrése conferma Ventura e tranquillizza i tifosi:
"A gennaio puntelleremo la squadra"

"Il momento è critico non solo per il Bari ma per tutte le società, ad eccezione di poche, qui in Italia".

Immagine

Nella giornata di ieri doppio allenamento per il Bari di mister Ventura, che continua la preparazione in vista dell'incontro verità di domenica pomeriggio al San Nicola contro il Cesena, penultimo in classifica. Buone notizie provengono da Rivas e Kutuzov. Il primo si è allenato con il gruppo svolgendo entrambe le sedute. Il bielorusso dopo aver svolto con la squadra l'allenamento mattutino, nel pomeriggio ha svolto solo lavoro in palestra. In ripresa anche Alvarez.

Intanto quest'oggi ha tenuto una conferenza stampa il presidente biancorosso, Vincenzo Matarrése, il quale ha parlato a trecentosessanta gradi dal periodo no della squadra, al mercato di riparazione che ci sarà a gennaio, per concludere con la questione Punta Perotti. "Nei momenti difficili, e dovrei dire anche nei momenti di crisi, il vero capo è quello che si assume le responsabilità e in prima persona si espone ad eventuali critiche o domande giuste da parte della stampa, che ha bisogno di sapere - ha detto Matarrése - E' inutile nascondere che un periodo così complicato durante la mia lunga carriera da presidente del Bari l'avevo dimenticato. Infatti erano parecchi anni che non ci trovavamo in una situazione del genere. Nel '91 ci fu un periodo simile quando Salvemini mi creò problemi. Da lì in poi ho messo a frutto l'esperienza notevole del passato che mi ha portato poi a decidere del prossimo futuro. Allora, forse un pò inesperto, non ebbi quel carattere che ho invece nella vita. Risultato fu che dopo aver speso un patrimonio andammo in serie B. Da quel momento ho imparato tanto e non mi sono più fatto fregare. Ho una mia mentalità: proteggo, aiuto quelli che meritano nella vita e, quindi, se qualcuno ha messo in dubbio il futuro del tecnico del Bari, vi posso assicurare che non cambierò mai. Per due motivi: il primo motivo è che l'allenatore è arrivato a Bari l'anno scorso ed ho scoperto un uomo intelligente, capace e che ci ha fatto divertire. Un campionato come quello dello scorso anno non lo si vedeva qui a Bari da molto tempo. Se adesso c'è un momento di crisi, perché la crisi c'è stata e c'è ancora, a maggior ragione il primo responsabile, che sono io, deve stare vicino ai suoi collaboratori, dal tecnico al direttore sportivo, fino al direttore generale, per essere compatti nell'uscire fuori da questo momento difficile. Noi dobbiamo essere tutti quanti uniti. E qui chiedo a voi giornalisti di darci una mano".

"Voi sapete benissimo che sono presidente del Bari dal '77 - ha proseguito Matarrése - Credo che siamo gli unici in Italia a gestire una squadra di calcio da così tanto tempo. Chiedo a voi giornalisti di starci vicino in questo momento particolare dal quale dobbiamo venire fuori tutti assieme. Sono convinto che non abbiamo sfasciato il nostro gruppo, evidentemente ci eravamo un pò illusi, anch'io come presidente, dopo le prime due partite con la Juve e col Napoli, ci eravamo illusi di fare una passeggiata. L'allenatore mi dette un preavviso in tal senso, mi disse che quest'anno sarebbe stato più difficile rispetto allo scorso anno. Siamo purtroppo incappati in quell'errore. Ci eravamo illusi e non è andato come pensavamo. Vi posso garantire che ho parlato con la squadra e ho fatto i complimenti ai giocatori che hanno giocato a Catania. Sono rimasto molto soddisfatto di come il Bari ha affrontato quella partita. Sentire i fischi dei sostenitori di casa verso la propria squadra significa che i nostri li hanno messi in difficoltà".

Il presidente ha parlato anche dei goal subiti su palle inattive. "L'episodio di Catania si è ripetuto anche a Genova, dove abbiamo preso goal di testa all'ultimo minuto. Quello che vi voglio garantire è che i giocatori daranno il massimo per uscire fuori da questa situazione. Non si può dire che domenica batteremo il Cesena, speriamo però che la partita possa andare bene perché sono convinto che appena la squadra riprenderà ad ottenere risultati positivi, nel giro di poco tempo, ritorneremo a divertirci come l'anno scorso. Prego tutti voi giornalisti di capire il mio stato d'animo e di trasmettere ai tifosi questa nostra convinzione, che ne usciremo al più presto fuori. Chiaramente chiedo aiuto non solo alla stampa ma soprattutto ai tifosi. Desidererei che domenica i baresi, tifosi e non tifosi, dessero una dimostrazione di attaccamento alla serie A, non dico alla società. La A è un bene di tutti, incominciando dal Comune di Bari che dovrebbe essere al fianco della società e mi fermo qui perché non voglio creare problemi a nessuno. Chiedo soltanto che tutti quanti sostengano questa serie A per il bene della città".

Il patron barese ha anche parlato del prossimo mercato di riparazione di gennaio. "Noi avevamo già detto che occorreva un difensore più potente di testa, perché abbiamo perso due partite per una stupidaggine. Poi con tutti questi infortuni che stiamo avendo, che abbiamo avuto e che non sappiamo ancora quando riprenderanno tutti, posso dire che Angelozzi si sta muovendo sul mercato per cercare più di un difensore. I rinforzi occorrono e speriamo che arrivino prima di gennaio in modo da dare la possibilità all'allenatore di prepararli secondo il suo modo di giocare, di trasmettere ai giocatori quello che lui ha nel cervello, cosa che è importante nel calcio".

A questo punto Matarrése ha parlato anche del momento critico dal punto di vista economico, non solo del Bari. "Sapete benissimo che il momento è critico non solo per il Bari ma per tutte le società, ad eccezione di poche, qui in Italia. Tutte le società hanno problemi notevoli perché si devono modificare un pò i rapporti tra la Lega e l'Associazione Calciatori che non possono continuare a distruggere le società. Bisogna mettere i puntini sulle i e modificare certe cose, sulle quali in passato si poteva sorvolare, cosa oggi impossibile. La situazione economica è critica sia nel calcio che in tutta l'economia nazionale ed europea".

Il patron biancorosso ha poi trattato anche la questione di 'Punta Perotti'. "Noi è dal 1997 che stiamo aspettando la grazia del Signore che ci potrebbe togliere dai problemi che hanno creato. Voi giornalisti avrete notato anche un silenzio da parte dei fratelli Matarrése sulle sentenze che finalmente danno il giusto valore a ciò che ci hanno fatto, a noi e al Bari Calcio. Noi però non ci siamo fatti abbattere e la soddisfazione di essere tornati in serie A due anni fa per me è stata enorme. Non è facile però. Comunque, malgrado tutta questa situazione drammatica, ho detto al direttore sportivo che il Bari deve rimanere in serie A, a tutti i costi. Questo è importante per voi giornalisti e per i tifosi".

Il presidente ha parlato anche dello stato di salute della società. "Non c'è la possibilità di fare investimenti perché fino ad oggi non è successo ancora niente. Però noi dobbiamo rinforzare la rosa. Ho promesso che la squadra avrà dei puntelli. Arriveranno a Bari i giocatori che servono. Gli errori di trent'anni fa non li commetto più, verranno qui quei giocatori in grado di dare più di quelli che già indossano la nostra maglia, altrimenti non arriverà nessuno. Se poi ci sarà una scommessa interessante non mi tirerò indietro".

"Dopo la partita col Parma ordinai un silenzio stampa - ha detto ancora Matarrése - Questo silenzio stampa non l'ho fatto per voi giornalisti ma perché, conoscendo i miei giocatori, temevo si smarrissero. Allora ho preso quella precauzione per tre giorni. Era doveroso che venissi io a parlare con voi, perché di fronte alle difficoltà sbaglia il capo. Mi sono sempre assunto le responsabilità e sono sempre io il primo responsabile. Poiché mi fido dei miei collaboratori, perché chi lavora con me deve avere la mentalità che abbiamo noi, rettitudine, onestà e molto attaccamento al lavoro. Questi sono i principi che poi portano ad avere dei risultati. Io sono convinto che tra un paio di mesi la squadra sarà diversa".

Il presidente si è detto più sereno dopo che la Corte di Strasburgo ha dato ragione ai Matarrése per 'Punta Perotti'. "Ora sono più sereno nel seguire le vicende del Bari. Ci sono anche delle soddisfazioni morali nella vita e noi ci teniamo tanto a questo modo di vivere. Ci dava fastidio perché non tutti erano convinti che quello che dicevamo noi era la vera verità. Di fronte, poi, a certe sentenze qualcuno si è ricreduto. Non saremmo mai stati così sprovveduti da andare a edificare quelle costruzioni li, così. Quando leggevo sui giornali che la costruzione era una lottizzazione abusiva andavo su tutte le furie. Devo ringraziare il Padre Eterno che sono ancora qui, perché in certi momenti stavo perdendo anche la ragione. Non si può accusare di abusivismo uno che aveva in mano l'autorizzazione per costruire. Dobbiamo augurarci che venga fuori una definizione della questione così poi potremmo essere tutti più tranquilli".

http://www.goal.com

classe74

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 2812
Iscritto il: mar giu 09, 2009 19:52
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda classe74 » gio nov 25, 2010 22:11


me emo?

ucn1976delbariseguaci

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 14516
Iscritto il: mer mar 18, 2009 17:42
Località: BAAAAR
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda ucn1976delbariseguaci » gio nov 25, 2010 22:39


classe74 ha scritto:me emo?

moplèn
«Bevo e canto per la Bari, bevo e canto per la Nord, vengo al di là del risultato, c'ero, ci sono e ci sarò»

nardin

Galletto
Galletto
 
Messaggi: 76
Iscritto il: sab nov 07, 2009 18:19
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda nardin » gio nov 25, 2010 23:17


quand chiaccher e li fatt a do stonn...?

grande fratello

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 7982
Iscritto il: sab ott 22, 2005 8:22
Località: Bari - Modugno - Casamassima
Record: 3

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda grande fratello » ven nov 26, 2010 0:35


Semb l stess cos

alex977

Del Bari Seguace
Del Bari Seguace
 
Messaggi: 942
Iscritto il: mer set 22, 2010 23:39
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda alex977 » ven nov 26, 2010 0:41


quanta aria fritta..

Esperto_Calcio

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1316
Iscritto il: mar set 14, 2010 2:35
Località: Murat
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda Esperto_Calcio » ven nov 26, 2010 1:35


Punte Perotti, si trattava di un paio di palazzine (peraltro non terminate).........

Escluso il mancato guadagno, quanti soldi avranno speso per costruirle?

10, 20 milioni? Non di piu'.......

Non sono un esperto di edilizia. C'e' qualcuno nel forum che puo' illuminarci?

pinucc83

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 2021
Iscritto il: mar giu 20, 2006 22:48
Località: Caeliae
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda pinucc83 » ven nov 26, 2010 1:37


SLSC
:fumogeno: :italy: MATARRE$E VATTENE :italy: :fumogeno:
pinucc83 sulla Gazzetta dello Sport 24/06/09 dichiara:
"stog sciokkat..."


Sembra impossibile che seguo ancora te...Bari è una malattia che non va più via...Vorrei andar via...Vorrei andar via di qua...Ma non resisto lontano da te!!!

CINGHIO

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 3477
Iscritto il: sab feb 02, 2008 10:37
Località: sud-est
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda CINGHIO » ven nov 26, 2010 8:02


Presidente finalmente ha comunicato con la tifoseria e i giornalisti. Spero che questa volta, con la sua maturità, mantenga quanto detto. I tifosi la loro parte la fanno applaudendo l'allenatore e i ragazzi anche dopo 6 sconfitte. Ora dopo le parole però vengano i fatti perchè noi questa serie A non la vogliamo perdere.
Buon lavoro

BATMAN

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 2268
Iscritto il: dom ott 14, 2007 17:30
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda BATMAN » ven nov 26, 2010 8:55


CINGHIO ha scritto:Presidente finalmente ha comunicato con la tifoseria e i giornalisti. Spero che questa volta, con la sua maturità, mantenga quanto detto. I tifosi la loro parte la fanno applaudendo l'allenatore e i ragazzi anche dopo 6 sconfitte. Ora dopo le parole però vengano i fatti perchè noi questa serie A non la vogliamo perdere.
Buon lavoro


Niente di più facile: ha detto che non c'è la possibilità di investire e che la squadra necessita di puntelli.

Troppo facile mantenere la promessa in questo caso: basta non spendere un euro e prendere qualche giocatore (in surplus per altre squadre, chiaramente) in prestito.
:?
«Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo?» Vangelo Lc 6,41
PERINETTI ha scritto:.. consideravo la promozio­ne in A un punto di partenza, non di ar­rivo...

«La malafede è una motivazione comportamentale per la quale un individuo agisce in modo formalmente corretto, sebbene mascherando le proprie intenzioni in modo da non far trapelare gli obiettivi che realmente persegue.» Wiki

BATMAN

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 2268
Iscritto il: dom ott 14, 2007 17:30
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda BATMAN » ven nov 26, 2010 8:57


Phantomas ha scritto:.....Il patron biancorosso ha poi trattato anche la questione di 'Punta Perotti'. "Noi è dal 1997 che stiamo aspettando la grazia del Signore che ci potrebbe togliere dai problemi che hanno creato. Voi giornalisti avrete notato anche un silenzio da parte dei fratelli Matarrése sulle sentenze che finalmente danno il giusto valore a ciò che ci hanno fatto, a noi e al Bari Calcio. Noi però non ci siamo fatti abbattere e la soddisfazione di essere tornati in serie A due anni fa per me è stata enorme. Non è facile però. Comunque, malgrado tutta questa situazione drammatica, ho detto al direttore sportivo che il Bari deve rimanere in serie A, a tutti i costi. Questo è importante per voi giornalisti e per i tifosi".

Il presidente ha parlato anche dello stato di salute della società. "Non c'è la possibilità di fare investimenti perché fino ad oggi non è successo ancora niente. Però noi dobbiamo rinforzare la rosa. Ho promesso che la squadra avrà dei puntelli. Arriveranno a Bari i giocatori che servono. .....


Come mai questo virgolettato è stato riportato solo da qualche coraggioso??
«Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo?» Vangelo Lc 6,41
PERINETTI ha scritto:.. consideravo la promozio­ne in A un punto di partenza, non di ar­rivo...

«La malafede è una motivazione comportamentale per la quale un individuo agisce in modo formalmente corretto, sebbene mascherando le proprie intenzioni in modo da non far trapelare gli obiettivi che realmente persegue.» Wiki

Pino

Storico Ufficiale
Storico Ufficiale
 
Messaggi: 43750
Iscritto il: sab gen 25, 2003 22:34
Località: Termoli - Clan Bari - IX-VIII-MMIII
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda Pino » ven nov 26, 2010 11:13


Ieri c'è stata la conferenza stampa. Se non ci fosse internet chi abita fuori Bari non saprebbe cosa è stato detto.

Oggi il quotidiano sportivo romano, quindi il più meridionale dei 3 che si pubblicano in Italia, nella sua edizione nazionale non ha dedicato un rigo alla conferenza stampa.

Ottimo. Grande considerazione per i tifosi del Bari... :? :? :?

_Barione

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 2046
Iscritto il: sab giu 17, 2006 9:47
Località: Bari-Palese
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda _Barione » ven nov 26, 2010 12:03


Vabbeh......ci sono cose non mi convincono....sarei felice di potergli dare ragione ma non mi convince. Poi che caspita c'entra l'affare di Punta Perotti? Quel palazzo non era solo contrario alla Legge Galasso, ma era anche una mostruosità che non poteva essere fatta in quel punto. Nel piano regolatore di Bari non doveva essere zona C quel pezzo di terra.....andiamo?!! Ma tutto questo cosa c'entra? E lui crede di poter addurre queste scuse, dopo che per 30 anni si potrebbe essere rivolto a qualsiasi manager finanziario capace di fargli un piano sicuro per poter perlomeno costruire una squadra buona ed affidabile per una decina d'anni? Ed é andato sempre vivendo alla giornata?!

Se riesce a fare prestiti intelligenti va bene, io non sono contrario ma non é da assolvere; abbiamo avuto la conferma di come abbiano sbagliato buona parte del mercato estivo......Raggi é un valido giocatore ma li dietro a destra non serve perché abbiamo già Belmonte che é più bravo di lui....uno quantit.te come Raggi serviva AL CENTRO DELLA DIFESA...dove Rossi non s'é dimostrato all'altezza....al centrocampo abbiamo rilevato un mare di riserve che non sono state sufficientemente utili e non é stato preso un attaccante o un trequartista di rilievo con il risultato che, con la crisi d'infortuni che abbiamo avuto ora i goal possano farli solo i fantasmi....

Io non sono scemo le partite del Bari non le vedo e se le vedo cercherò di NON tifare, ma sono davvero curioso di vedere come andrà, sono curioso di vedere COSA DIRA' VENTURA SE, CASO MAI, dovessimo continuare a far cacare come stiamo facendo adesso.

Nell'intervista della settimana passata ha ammesso qualcosa....ora vedremo, sono curioso !! 8) 8) :smoke:

Ardimento72

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1289
Iscritto il: lun feb 02, 2009 15:42
Località: Si fossi Foco Arderei lo Mundo
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda Ardimento72 » ven nov 26, 2010 12:43


Phantomas ha scritto:Matarrése conferma Ventura e tranquillizza i tifosi:
"A gennaio puntelleremo la squadra"

"Il momento è critico non solo per il Bari ma per tutte le società, ad eccezione di poche, qui in Italia".

Immagine

Nella giornata di ieri doppio allenamento per il Bari di mister Ventura, che continua la preparazione in vista dell'incontro verità di domenica pomeriggio al San Nicola contro il Cesena, penultimo in classifica. Buone notizie provengono da Rivas e Kutuzov. Il primo si è allenato con il gruppo svolgendo entrambe le sedute. Il bielorusso dopo aver svolto con la squadra l'allenamento mattutino, nel pomeriggio ha svolto solo lavoro in palestra. In ripresa anche Alvarez.

Intanto quest'oggi ha tenuto una conferenza stampa il presidente biancorosso, Vincenzo Matarrése, il quale ha parlato a trecentosessanta gradi dal periodo no della squadra, al mercato di riparazione che ci sarà a gennaio, per concludere con la questione Punta Perotti. "Nei momenti difficili, e dovrei dire anche nei momenti di crisi, il vero capo è quello che si assume le responsabilità e in prima persona si espone ad eventuali critiche o domande giuste da parte della stampa, che ha bisogno di sapere - ha detto Matarrése - E' inutile nascondere che un periodo così complicato durante la mia lunga carriera da presidente del Bari l'avevo dimenticato. Infatti erano parecchi anni che non ci trovavamo in una situazione del genere. Nel '91 ci fu un periodo simile quando Salvemini mi creò problemi. Da lì in poi ho messo a frutto l'esperienza notevole del passato che mi ha portato poi a decidere del prossimo futuro. Allora, forse un pò inesperto, non ebbi quel carattere che ho invece nella vita. Risultato fu che dopo aver speso un patrimonio andammo in serie B. Da quel momento ho imparato tanto e non mi sono più fatto fregare. Ho una mia mentalità: proteggo, aiuto quelli che meritano nella vita e, quindi, se qualcuno ha messo in dubbio il futuro del tecnico del Bari, vi posso assicurare che non cambierò mai. Per due motivi: il primo motivo è che l'allenatore è arrivato a Bari l'anno scorso ed ho scoperto un uomo intelligente, capace e che ci ha fatto divertire. Un campionato come quello dello scorso anno non lo si vedeva qui a Bari da molto tempo. Se adesso c'è un momento di crisi, perché la crisi c'è stata e c'è ancora, a maggior ragione il primo responsabile, che sono io, deve stare vicino ai suoi collaboratori, dal tecnico al direttore sportivo, fino al direttore generale, per essere compatti nell'uscire fuori da questo momento difficile. Noi dobbiamo essere tutti quanti uniti. E qui chiedo a voi giornalisti di darci una mano".

"Voi sapete benissimo che sono presidente del Bari dal '77 - ha proseguito Matarrése - Credo che siamo gli unici in Italia a gestire una squadra di calcio da così tanto tempo. Chiedo a voi giornalisti di starci vicino in questo momento particolare dal quale dobbiamo venire fuori tutti assieme. Sono convinto che non abbiamo sfasciato il nostro gruppo, evidentemente ci eravamo un pò illusi, anch'io come presidente, dopo le prime due partite con la Juve e col Napoli, ci eravamo illusi di fare una passeggiata. L'allenatore mi dette un preavviso in tal senso, mi disse che quest'anno sarebbe stato più difficile rispetto allo scorso anno. Siamo purtroppo incappati in quell'errore. Ci eravamo illusi e non è andato come pensavamo. Vi posso garantire che ho parlato con la squadra e ho fatto i complimenti ai giocatori che hanno giocato a Catania. Sono rimasto molto soddisfatto di come il Bari ha affrontato quella partita. Sentire i fischi dei sostenitori di casa verso la propria squadra significa che i nostri li hanno messi in difficoltà".

Il presidente ha parlato anche dei goal subiti su palle inattive. "L'episodio di Catania si è ripetuto anche a Genova, dove abbiamo preso goal di testa all'ultimo minuto. Quello che vi voglio garantire è che i giocatori daranno il massimo per uscire fuori da questa situazione. Non si può dire che domenica batteremo il Cesena, speriamo però che la partita possa andare bene perché sono convinto che appena la squadra riprenderà ad ottenere risultati positivi, nel giro di poco tempo, ritorneremo a divertirci come l'anno scorso. Prego tutti voi giornalisti di capire il mio stato d'animo e di trasmettere ai tifosi questa nostra convinzione, che ne usciremo al più presto fuori. Chiaramente chiedo aiuto non solo alla stampa ma soprattutto ai tifosi. Desidererei che domenica i baresi, tifosi e non tifosi, dessero una dimostrazione di attaccamento alla serie A, non dico alla società. La A è un bene di tutti, incominciando dal Comune di Bari che dovrebbe essere al fianco della società e mi fermo qui perché non voglio creare problemi a nessuno. Chiedo soltanto che tutti quanti sostengano questa serie A per il bene della città".

Il patron barese ha anche parlato del prossimo mercato di riparazione di gennaio. "Noi avevamo già detto che occorreva un difensore più potente di testa, perché abbiamo perso due partite per una stupidaggine. Poi con tutti questi infortuni che stiamo avendo, che abbiamo avuto e che non sappiamo ancora quando riprenderanno tutti, posso dire che Angelozzi si sta muovendo sul mercato per cercare più di un difensore. I rinforzi occorrono e speriamo che arrivino prima di gennaio in modo da dare la possibilità all'allenatore di prepararli secondo il suo modo di giocare, di trasmettere ai giocatori quello che lui ha nel cervello, cosa che è importante nel calcio".

A questo punto Matarrése ha parlato anche del momento critico dal punto di vista economico, non solo del Bari. "Sapete benissimo che il momento è critico non solo per il Bari ma per tutte le società, ad eccezione di poche, qui in Italia. Tutte le società hanno problemi notevoli perché si devono modificare un pò i rapporti tra la Lega e l'Associazione Calciatori che non possono continuare a distruggere le società. Bisogna mettere i puntini sulle i e modificare certe cose, sulle quali in passato si poteva sorvolare, cosa oggi impossibile. La situazione economica è critica sia nel calcio che in tutta l'economia nazionale ed europea".

Il patron biancorosso ha poi trattato anche la questione di 'Punta Perotti'. "Noi è dal 1997 che stiamo aspettando la grazia del Signore che ci potrebbe togliere dai problemi che hanno creato. Voi giornalisti avrete notato anche un silenzio da parte dei fratelli Matarrése sulle sentenze che finalmente danno il giusto valore a ciò che ci hanno fatto, a noi e al Bari Calcio. Noi però non ci siamo fatti abbattere e la soddisfazione di essere tornati in serie A due anni fa per me è stata enorme. Non è facile però. Comunque, malgrado tutta questa situazione drammatica, ho detto al direttore sportivo che il Bari deve rimanere in serie A, a tutti i costi. Questo è importante per voi giornalisti e per i tifosi".

Il presidente ha parlato anche dello stato di salute della società. "Non c'è la possibilità di fare investimenti perché fino ad oggi non è successo ancora niente. Però noi dobbiamo rinforzare la rosa. Ho promesso che la squadra avrà dei puntelli. Arriveranno a Bari i giocatori che servono. Gli errori di trent'anni fa non li commetto più, verranno qui quei giocatori in grado di dare più di quelli che già indossano la nostra maglia, altrimenti non arriverà nessuno. Se poi ci sarà una scommessa interessante non mi tirerò indietro".

"Dopo la partita col Parma ordinai un silenzio stampa - ha detto ancora Matarrése - Questo silenzio stampa non l'ho fatto per voi giornalisti ma perché, conoscendo i miei giocatori, temevo si smarrissero. Allora ho preso quella precauzione per tre giorni. Era doveroso che venissi io a parlare con voi, perché di fronte alle difficoltà sbaglia il capo. Mi sono sempre assunto le responsabilità e sono sempre io il primo responsabile. Poiché mi fido dei miei collaboratori, perché chi lavora con me deve avere la mentalità che abbiamo noi, rettitudine, onestà e molto attaccamento al lavoro. Questi sono i principi che poi portano ad avere dei risultati. Io sono convinto che tra un paio di mesi la squadra sarà diversa".

Il presidente si è detto più sereno dopo che la Corte di Strasburgo ha dato ragione ai Matarrése per 'Punta Perotti'. "Ora sono più sereno nel seguire le vicende del Bari. Ci sono anche delle soddisfazioni morali nella vita e noi ci teniamo tanto a questo modo di vivere. Ci dava fastidio perché non tutti erano convinti che quello che dicevamo noi era la vera verità. Di fronte, poi, a certe sentenze qualcuno si è ricreduto. Non saremmo mai stati così sprovveduti da andare a edificare quelle costruzioni li, così. Quando leggevo sui giornali che la costruzione era una lottizzazione abusiva andavo su tutte le furie. Devo ringraziare il Padre Eterno che sono ancora qui, perché in certi momenti stavo perdendo anche la ragione. Non si può accusare di abusivismo uno che aveva in mano l'autorizzazione per costruire. Dobbiamo augurarci che venga fuori una definizione della questione così poi potremmo essere tutti più tranquilli".

http://www.goal.com



Prevedo arrivo di SVINCOLATI......................
GIANNI e ALEX nel mio CUORE

antotar

 
Messaggi: 17
Iscritto il: mar giu 23, 2009 14:22
Record: 0

Re: 25/11/10 - Matarrése - L'intervista integrale

Messaggioda antotar » ven nov 26, 2010 12:49


Ma io vorrei capire una cosa, ma se - come dice Barione - "Quel palazzo non era solo contrario alla Legge Galasso, ma era anche una mostruosità che non poteva essere fatta in quel punto. Nel piano regolatore di Bari non doveva essere zona C" per quale motivo recentemente è stata revocata la confisca e la Corte di Strasburgo si è pronunciata in favore di Matarrese per un ingente risarcimento danni da quantificarsi (si parla di centinaia di milioni di euro)???
Allora Matarrese ha fatto bene a fare riferimento all'affare Punta Perotti, perchè ricordo che altri presidenti - tipo Zamparini - in altre città hanno trovato terreno fertile per i loro affari e proprio questo li ha spinti ad investire sulla squadra.
Con questo non voglio assolutamente dire che un imprenditore per il sol fatto che è presidente della squadra della città debba poter agire in spregio alla legge o che debba essere favorito rispetto ad altri! Su questo non consento fraintendimenti da parte di nessuno! Ma per me rende ancor più assurdo che, almeno secondo le ultime (e sembrerebbe definitive) pronunce, il Comune di Bari gli remi contro ingiustamente!
Vedete i fatturati delle imprese cui fanno capo i presidenti delle squadre di serie A: ERG S.p.a. Garrone 10,011 miliardi di €, Giochi Preziosi S.p.a. 770 milioni di euro, Matarrese S.p.a. meno di 100 milioni. Ecco perchè il Bari non avrà mai una grande squadra: SIAMO POVERI!

Prossimo

Torna a NEWS & MERCATO


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot], Vykyngo e 26 ospiti