spacer

23/01/19 - Diamoutene: "Bari-Juventus, sfida memorabile“

Le ultime news, prese da fonti ufficiali quali siti (non blog) giornali o tv riguardanti il Bari e tutto sul calciomercato: acquisti, cessioni, o semplici interessamenti. Il formato di un nuovo argomento deve essere del tipo GG/MM/AA - TITOLO.

Moderatore: Pino

U.C.N. PALO

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 11327
Iscritto il: ven mag 19, 2006 16:58
Record: 0

23/01/19 - Diamoutene: "Bari-Juventus, sfida memorabile“

Messaggioda U.C.N. PALO » mer gen 23, 2019 21:25


Da qualche tempo l'Igea Virtus, prossima avversaria del Bari in campionato, può contare su un pezzo da 90 per inseguire il traguardo-salvezza. Non sarà facile, ma Souleymane Diamoutene è approdato in Sicilia con la speranza di raggiungere questo traguardo nel miglior modo possibile. Il difensore, già nazionale maliano, non ha bisogno di molte presentazioni. Anzi: è una vecchia e gradita conoscenza del calcio pugliese. Lo ricordano con affetto i tifosi di Lecce (144 presenze e 6 reti dal 2004 al 2009 e nel 2010/11), Bari (3 presenze nel 2009/10) e Fidelis Andria (7 presenze nel 2014/15). La redazione di tuttocalciopuglia.com lo ha contattato telefonicamente.

Buonasera Diamoutene. Partiamo dalla stretta attualità: come mai ha scelto l'Igea Virtus per ripartire?

"L'anno scorso ero a Malta, ho vissuto anche a Parigi. Ma sentivo ancora nelle mie gambe la possibilità di potermi misurare con un calcio più complesso. Ho voglia di giocare ancora e, non appena ho saputo dell'Igea Virtus, non ho esitato un attimo. Qui ho ritrovato mister Tedesco, un ottimo giocatore ai tempi della Serie A. E poi a me le sfide piacciono tantissimo. Portare alla salvezza l'Igea Virtus è una di queste".

Come procede l'ambientamento in Sicilia?

"Qui mi trovo bene, cercheremo di raccogliere punti pesanti. Mi trovo bene e resto contento della scelta fatta. Quella contro il Bari, ovviamente, è una gara difficile su un campo difficile. Ai galletti auguro il meglio, di vincere tutte le partite a disposizione. Dopo domenica però. Noi dobbiamo salvarci e faremo la nostra partita. Cosa temo di più? Conosco molto bene gli attaccanti, in particolar modo Brienza".

Lei ha militato nel Bari nella stagione 2009/10, ai tempi della Serie A. Poche partite giocate, ma intense...

"Tutte le squadre in cui ho giocato mi sono rimaste sempre nel cuore. Anche il Bari. Purtroppo sperimentai in prima persona l'esplosione di Bonucci e Ranocchia, non trovai molto spazio proprio per questo. La nostra difesa, ad un certo punto, era diventata la meno battuta d'Europa. Ma qualche soddisfazione sono riuscito a togliermela. La sera della sfida contro la Juventus la ricordo come una delle partite più belle disputate. mai, prima d'allora, avevo vinto contro i bianconeri. Dovessi rimettere piede sul terreno del 'San Nicola' proverò una forte emozione, ne sono certo".

Volata per il primo posto tra i galletti e la Turris: chi la spunterà?

"Non scherziamo, il Bari resta favorito. Ha una rosa ed una tifoseria spettacolari. Certo, la Turris è molto forte. Ma non avrei dubbi in merito alla vittoria finale del campionato. Questa piazza merita ben più di una Serie D. E mai avrei potuto pensare ad un epilogo cosi e soprattutto alla retrocessione in B l'anno dopo il mio addio. Avevo lasciato un gruppo forte e valido".

E Ventura?

"Una persona molto preparata tatticamente. Ahimé ho avuto poche opportunità, per i motivi che ho già detto prima. Ma oltre a lui gli allenatori che mi hanno trasmesso qualcosa di importante non mancano. Penso al mio primo mister, Jaconi. E poi Cosmi, un tipo sanguigno. Quindi Zeman, ai tempi di Pescara un certo Di Francesco. Non mi sorprende il suo successivo percorso. Anzi, credo possa fare ancora molta strada".

Sette anni di Lecce, però, non si dimenticano.

"Lecce ce l'ho nel cuore, mi ha dato tutto. Grazie ai giallorossi so cosa cos'è il calcio che conta, sette anni così intensi non si cancellano. Dispiace solo per qualche malumore quando decisi di trasferirmi a Bari. Anche qui ho avuto modo di ammirare una tifoseria calda, competente, passionale. Ed è difficile individuare un momento più bello di altri. In occasione di una sfida interna mi hanno regalato anche una maglietta celebrativa, la conservo ancora con moltissimo affetto".

Lecce in A, missione possibile?

"Sarà difficile, molto difficile. Ma le carte in regola per far bene ci sono. Auguro ai salentini di riuscirci, di poter scalare questa montagna. La piazza merita di tornare al più presto tra le grandi. Insomma, speriamo bene".

E poi ci sarebbe anche la Fidelis Andria...

"Un'esperienza breve, ma intensa. Felice di aver contribuito al ritorno tra i professionisti. Andria è una piazza un po' più piccola, ma passionale e calda. Si fa sentire. E' impressionante. Non si può certamente parlare di una dimensione di dilettanti, anche in questo caso. Tornare al più presto tra i professionisti credo sia legittimo".

Tuttocalciopuglia

whensundaycomes

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 32245
Iscritto il: mar ott 02, 2007 17:36
Località: Kathmandu
Record: 0

Re: 23/01/19 - Diamoutene: "Bari-Juventus, sfida memorabile“

Messaggioda whensundaycomes » gio gen 24, 2019 14:46


Daje Diamou! :respect:
Ciao Gianni, la tua trasferta continua nei nostri cuori!

portir

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1442
Iscritto il: sab giu 20, 2009 19:35
Record: 0

Re: 23/01/19 - Diamoutene: "Bari-Juventus, sfida memorabile“

Messaggioda portir » gio gen 24, 2019 16:49


:love: :love: :love:

Alessio76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 5791
Iscritto il: mer apr 06, 2016 17:05
Località: Viareggio
Record: 0

Re: 23/01/19 - Diamoutene: "Bari-Juventus, sfida memorabile“

Messaggioda Alessio76 » gio gen 24, 2019 18:53


:respect:


Torna a NEWS & MERCATO


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti