spacer

Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

In questa sezione diamo libero spazio alla fantasia ed alle curiosità di tutti i fratelli biancorossi.

Moderatori: u'mang, Greem, Pino, sirius, divin gallo

Giuseppe76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: sab ago 13, 2016 9:11
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Giuseppe76 » mer giu 13, 2018 10:37


Potete amarlo od odiarlo ma come si fa a non essere d'accordo.
Ultima modifica di Giuseppe76 il mer giu 13, 2018 10:43, modificato 1 volta in totale.

calamaro

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 60949
Iscritto il: dom ago 12, 2007 11:50
Località: MEDIOLANUM URBE. Memento Audere Semper. ika
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda calamaro » mer giu 13, 2018 10:40


Immagine
PIERO PRESENTE

Giuseppe76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: sab ago 13, 2016 9:11
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Giuseppe76 » mer giu 13, 2018 11:26



saverio67

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 16821
Iscritto il: ven giu 27, 2003 13:22
Località: Rione S. Cataldo
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda saverio67 » mer giu 13, 2018 11:30


bariamo ha scritto:
KEVINILCONDOR ha scritto:credo che sul fatto che la francia non possa dare giudizi siam tutti d'accordo...
sul fatto che l'europa abbia scaricato sull'italia il problema d anni anche.
sul giocare a fare propaganda sulla vita di poveri cristi francamente no!

Ecco, concordo. Il punto è però intendersi su chi stia giocando sulla pelle di questi poveracci, destinati nella migliore delle ipotesi a lavorare per due euro ora in campagna. Ma questo implica approfondire. Ad esempio, chiedersi quale effetto perverso produce il CFA (il Franco Africano. Eh, già il Franco esiste ancora e lotta insieme a noi. È la moneta unica di molte ex colonie francesi battuta a Parigi) sulle economie africane. Bisogna capire che cosa siano queste ONG. Molte di loro sono la prosecuzione della politica estera con altri mezzi. Poi bisogna leggere “armi di migrazioni di massa” di Kelly Grenhill. Ma, soprattutto bisogna conoscere il pensiero di Thomas Sankara.
Sei andato a prendere il pane Benedetto?

Inviato dal mio SM-G361F utilizzando Tapatalk
4/2/2015. Ciao Pierigno.


Questo è un blocco di testo che può essere aggiunto in fondo ai tuoi messaggi. Il limite caratteri è di 450.

CIANURO

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 12595
Iscritto il: mar dic 01, 2009 23:45
Località: Slavia-Puglia-Europe
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda CIANURO » mer giu 13, 2018 11:56


Il suicidio politico del M5s in tre sole mosse


E' un grandioso paradosso come il Movimento 5 Stelle, giunto al potere, stia seguendo le orme e perfino lo stile dell'odiato nemico, il Pd di Renzi. Una strategia nota come "suicidio politico in tre sole mosse". Prima mossa, raccogliere un enorme consenso popolare sbandierando temi sociali, la rottamazione delle classi dirigenti, la giustizia sociale, la lotta alla povertà. Seconda mossa, conquistato il potere ecco la Grande Svolta a Destra, dalla solidarietà al darwinismo sociale: recupero di vecchi arnesi di classe dirigente di destra (Savona, Moavero Milanesi, Tria e così via), un premier che pare la versione provinciale di Mario Monti, politiche securitarie, la riverenza per i nuovi oligarchi, da Trump a Macron, la lotta alla povertà riconvertita in guerra ai poveri. Il tutto benedetto e rivendicato con orgoglio da un giovane leader affamato di potere, Luigi Di Maio, per il quale l'importante è andare a comandare, presto, comunque e con chiunque, rinunciando da subito a qualsiasi velleità progressista. Poi si potrà sempre rivendersi come cambiamento uno spregiudicato e famelico spoil system. Anche qui, ci ricorda qualcuno?

La terza mossa sarà il suicidio elettorale, che s'intravvede già ora, in piena luna di miele con l'elettorato, nel tracollo di voti a destra in favore dell'originale (Salvini) e a sinistra verso l'astensionismo, almeno per ora.

Quello che colpisce i commentatori di Huffington, da Lucia Annunziata e Tomaso Montanari, è il silenzio improvviso e assoluto dell'area movimentista. "Il 5 Stelle è come un'automobile con una carrozzeria di destra populista e un motore di sinistra ecologista", ha scritto Marco Morosini, ghostwrighter di Beppe Grillo dal 1992 e autore delle principali campagne grilline per un quarto di secolo, prima di allontanarsi. Senza il motore di sinistra il Movimento può continuare a governare, ma da fermo, destinato a contare sempre meno.

Il potere è un collante formidabile e pare difficile, per non dire impossibile, ipotizzare oggi che il Movimento possa tornare alle battaglie progressiste delle origini, l'ambiente e l'orario di lavoro, l'anticonsumismo e la critica della finanza globale. La resa culturale al nazional liberismo della Lega è stata immediata e totale. Quasi che i vertici non vedessero l'ora di sbarazzarsi della zavorra della questione sociale, utile soltanto ad abbindolare un largo elettorato di giovani precari, operai sindacalizzati e ceti medi impoveriti delusi dalla finta sinistra, per poter entrare finalmente nel salotto ricco delle nuove oligarchie, dove poi è di rigore l'abito scuro. Il Movimento che non era "né di sinistra né di destra" ha agito da progressista all'opposizione e ora che è al potere identifica, come il Pd di Renzi, l'ideologia di destra con la cultura di governo. Se anche volesse tornare alle origini ribelli, il grillismo non potrebbe più. Di Maio l'ha ficcato in una trappola. Qualunque cosa chieda o imponga Salvini, l'altro deve accettare. Pena la caduta del governo e nuove elezioni, dove il Movimento uscirebbe a pezzi. La governabilità è l'unico valore.

L'alleanza fra 5 Stelle e Lega, con guida a destra, è così destinata a durare nel tempo. Di Maio non potrà mai sottrarsi all'egemonia leghista. Salvini invece potrebbe rompere l'alleanza in qualsiasi momento, ma per ora non gli conviene.

Si è formato così un nuovo centrodestra. Al momento, senza alcuna opposizione in Parlamento. L'inutile Pd vedovo Renzi ha come unico tema la nostalgia per un'immaginaria era felice che il popolo stupido e ingrato non ha saputo meritare e comprendere, ma prima o poi rimpiangerà. Un discorso demenziale che ricorda le fantasie di rinascita della DC e del Psi nel biennio '93-'94 o di Forza Italia dopo il 2011.

La Terza Repubblica, come la Seconda, è nata prima a destra. Con un'alleanza inedita e all'apparenza fragile, esattamente come fu considerata al principio l'asse Berlusconi-Fini-Bossi, ma destinata a diventare permanente. Abbiamo un governo autenticamente reazionario, dove la componente progressista dei 5 Stelle è stata già tacitata e sarà a breve espulsa. Si formerà un'opposizione sociale autentica anche in Italia, come già accaduto in Francia, Spagna e Portogallo. Il vuoto in politica non dura a lungo.

(Curzio Maltese)

P.S. Il topic è sull'azione politica di questo governo, si fa per dire. Per quanto riguarda nello specifico l'emigrazione io ne creai uno che si chiamava QUESTO CATACLISMA. Sarebbe bello non vedere ridotto, come quasi sempre avviene, tutto a solo questa tematica.
L'unico consiglio che mi sento di dare – e che regolarmente do – ai giovani è questo: combattete per quello in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Ma solo una potrete vincerne. Quella che s'ingaggia ogni mattina, davanti allo specchio.
Indro Montanelli

Una società più austera può essere una società più giusta, meno diseguale, realmente più libera, più democratica, più umana.
Enrico Berlinguer

Giuseppe76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: sab ago 13, 2016 9:11
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Giuseppe76 » mer giu 13, 2018 13:26


Io invece che ero tanto scettico verso il M5S per il suo silenzio preelettorale sull'immigrazione ho fiducia nel loro operato sul tema lavoro.
L'immigrazione era la cosa che si poteva fare prima, mentre per il lavoro se non sistemi i centri per l'impiego il sistema cosi come pensato dai M5S non può partire.

Oggi la sinistra, che si lamenta sempre, se la prende con il M5S nell'inutile tentativo di aizzare quella parte del movimento che è contrario ai respingimenti.

Ma Salvini è una persona chiara e comprensibile da tutti quelli che vogliono comprendere: il blocco è verso le ONG, cioè privati finanziati da scocietà come quelle di Soros per destabilizzare l'Europa sotto falsa maschera di azioni umanitarie.

Chiunque sia intellettualmente onesto può verificare da solo facendo un po' di ricerche.

I 629 africani non erano su una bagnarola, bensì su una nave di tutto rispetto, con tanto di aiuti e situazione sotto controllo. Dire che si è giocato sulla pelle di queste persone è davvero da vigliacchi oltre che da bugiardi. Chi gioca sono quelli che li hanno fatti partire, nei mille modi che si conoscono.

Sentire che scappano da guerra e povertà quando dall'inizio dell'anno l'etnia più numerosa è quella tunisina è davvero ridicolo.
Si vergognassero tutti. Tra l'altro la Tunisia dovrebbe essere quel famoso "primo porto sicuro" dopo che salpano dalla Libia e invece le ONG puntano sempre e solo l'Italia.

Se ne andassero a f*****o.

Tuco

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 14648
Iscritto il: mar gen 04, 2011 0:18
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Tuco » mer giu 13, 2018 16:13


La francia non ha titoli per dare lezioni in merito, bardonecchia è ancora impregnata di sangue innocente per via della gendarmerie...la lotta tra reazionari liberisti italiani e francesi è degna dei loro ideali.

CIANURO

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 12595
Iscritto il: mar dic 01, 2009 23:45
Località: Slavia-Puglia-Europe
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda CIANURO » mer giu 13, 2018 18:38


Tuco ha scritto:La francia non ha titoli per dare lezioni in merito, bardonecchia è ancora impregnata di sangue innocente per via della gendarmerie...la lotta tra reazionari liberisti italiani e francesi è degna dei loro ideali.


Ideali? Quali ideali?!?

L'unico consiglio che mi sento di dare – e che regolarmente do – ai giovani è questo: combattete per quello in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Ma solo una potrete vincerne. Quella che s'ingaggia ogni mattina, davanti allo specchio.
Indro Montanelli

Una società più austera può essere una società più giusta, meno diseguale, realmente più libera, più democratica, più umana.
Enrico Berlinguer

Giuseppe76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: sab ago 13, 2016 9:11
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Giuseppe76 » mer giu 13, 2018 20:17


Milano, in Stazione Centrale con un fucile nascosto nei pantaloni: «Ho la gamba steccata»
A notare il giovane senegalese, circa trent’anni, sono stati due vigilantes dell’Atm, che hanno visto due tubi di ferro spuntare dai jeans. Lui ha fatto finta di zoppicare, ma è stato facilmente smascherato

https://milano.corriere.it/notizie/cron ... 0dad.shtml

bariamo

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6678
Iscritto il: mar mag 20, 2008 20:33
Località: Da Picone al Libertà
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda bariamo » mer giu 13, 2018 23:13


Giuseppe76, cosa non è chiaro del fatto che gli immigrati sono le vittime di questo traffico di esseri umani? Se non si parte da questo indiscutibile presupposto, si finisce a derby tra tifosi.
Il fenomeno ha una spiegazione economica chiarissima che si riassume in una locuzione precisa: deflazione salariale. Quello è l'obiettivo intenzionalmente perseguito dagli utilizzatori finali delle masse di braccia in arrivo. Tensione al ribasso sui salari. Ti invito a leggere questo. È del 1977. Un insospettabile si diceva fermamente contrario all'arrivo dei negri (sue parole) perché la disoccupazione era alta (per la cronaca, il tasso di disoccupazione era al 7%. Ed era un tasso veritiero non come quelli di oggi nei quali si considerano occupati anche quelli che lavorano un'ora alla settimana)
https://sergiobontempelli.wordpress.com ... o-i-negri/
Come mai oggi ha cambiato idea? Semplice. Ci siamo dotati di un vincolo esterno. Allora gli squilibri macroeconomici si aggiustavano col cambio. Essendoci privati di questa fondamentale leva economica, oggi gli squilibri si devono aggiustare abbassando il costo del lavoro.
Poveri contro poveri. Ricordate le parole dell'operaio dei cantieri navali?
Il costo sociale dell'operazione è altissimo e, ove non opportunamente condotta, può finire fuori controllo, destabilizzando un paese. Sotto questo profilo, è un'arma a doppio taglio. Chi, per motivi geopolitici, intendesse mettere in difficoltà un paese concorrente, potrebbe persino pensare di esacerbare il fenomeno. "Armi di migrazioni di massa".
In tutto questo, gli immigrati sono le prime vittime.

bariamo

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6678
Iscritto il: mar mag 20, 2008 20:33
Località: Da Picone al Libertà
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda bariamo » mer giu 13, 2018 23:25


“Le masse popolari in Europa non sono contro le masse popolari in Africa. Ma quelli che vogliono sfruttare l’Africa sono gli stessi che sfruttano l’Europa. Abbiamo un nemico comune.” (T. Sankara. Non fece una bella fine)

Giuseppe76

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1716
Iscritto il: sab ago 13, 2016 9:11
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda Giuseppe76 » gio giu 14, 2018 10:13


bariamo ha scritto:“Le masse popolari in Europa non sono contro le masse popolari in Africa. Ma quelli che vogliono sfruttare l’Africa sono gli stessi che sfruttano l’Europa. Abbiamo un nemico comune.” (T. Sankara. Non fece una bella fine)


Conosco Sankara, ho aperto un topic anni fa su questo forum su di lui.....in tempi in cui non erano ancora tacciato di essere razzista.

bariamo

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 6678
Iscritto il: mar mag 20, 2008 20:33
Località: Da Picone al Libertà
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda bariamo » gio giu 14, 2018 14:49


Saviano, nel suo consueto monologo senza contraddittorio, ha divulgato la solita fakenews sul numero di “rifugiati” (per intenderci, quella della tabella riportata in questo topic). Mente sapendo di mentire. Non è la prima volta.
Immagine

Come se non bastasse, l’asinistra no border e no brain, raggiunge vette di m**** purissima grazie a costui
https://www.youtube.com/watch?v=Uq6virTs1yw

Stanno buttando la maschera, dimostrandosi per quello che veramente sono: spietati esecutori dell'agenda ordoliberista e globalista. La dissoluzione degli Stati nazionali, segnatamente della forma di Stato sociale, è l'obiettivo. Lo Stato sociale, infatti, argina lo strapotere degli interessi forti.
Costoro vanno consegnati alla pattumiera della Storia come uno dei più deprecabili esempi di tradimento della Sinistra

22

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 1371
Iscritto il: dom giu 20, 2004 1:04
Località: BARI - Levante
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda 22 » gio giu 14, 2018 15:28


Bergoglio: "i migranti non sono numeri , bisogna abbatere i muri"

io dico una cosa,anzi due...a parte le mura leonine che cingono LO STATO del vaticano...
ma poi se i carabinieri nel 1871 invece di fermarsi alla breccia di p.pia,avessero proseguito fin dentro piazza s.pietro
noi a quest'ora ce li saremmo già tolti dai c******i sti parassiti.
Ed oggi l'italia sarebbe uno stato veramente laico.

CIANURO

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 12595
Iscritto il: mar dic 01, 2009 23:45
Località: Slavia-Puglia-Europe
Record: 0

Re: Quando la pancia vuole avere ragione sul cervello…

Messaggioda CIANURO » gio giu 14, 2018 20:37


DIVERSI DA CHI?

La retata romana porta la questione morale nel cuore dei due partiti che hanno appena dato vita al governo: i 5Stelle e la Lega. E questa è la vera novità dell’indagine: che ci siano di mezzo pure esponenti Pd e Forza Italia non è più una notizia. Le responsabilità penali, come sempre, le accerterà il giudice se e quando la Procura le porterà sul suo tavolo con una richiesta di rinvio a giudizio. Quelle etiche e politiche si possono già intuire dall’ordinanza del gip, con le accuse ad arrestati e indagati e con alcuni fatti ritenuti penalmente irrilevanti che però sono politicamente rilevantissimi. C’è un costruttore romano, Luca Parnasi, chiamato dalle giunte Pd Marino e Zingaretti a costruire lo stadio della Roma a Tor di Valle, con una mega-speculazione tutt’intorno. Quando i giochi sembrano fatti, nel 2016 i 5Stelle vincono le Comunali e s’insediano al Campidoglio con Virginia Raggi e la sua squadra. Non sono contrari allo stadio, ma alla speculazione. Dopo un anno di tira-e-molla in Conferenza dei servizi, nel 2017 la giunta Raggi convince la Roma e Parnasi a dimezzare le cubature.

Intanto Parnasi, rampollo di una famiglia di palazzinari abituata – come altre – a ungere le ruote della politica, lubrifica gl’ingranaggi alla vecchia maniera. Non solo a Roma, ma anche a Milano, dove ambisce a costruire lo stadio del Milan. Lì – per tenersi buono, così dice lui, tutto il centrodestra – regala 250 mila euro alla onlus Più Voci, vicina alla Lega di Salvini, che pare l’abbia utilizzata come cassaforte alternativa a quella del partito sequestrata dai giudici dopo le condanne di Bossi e Belsito per la nota rapina di fondi pubblici. Parnasi offre anche una casa a uno del Pd, che però rifiuta: si chiama Pierfrancesco Maran e merita una menzione, in un paese dove i politici che rifiutano favori sono merce rara. Il finanziamento a Più Voci non è illecito, ma non è trasparente perché onlus e fondazioni, anche se legate a partiti, possono schermare i donatori con la scusa della privacy. Poi – sempre per l’accusa – Parnasi promette incarichi professionali per 100 mila euro e procura “buona stampa” (tramite l’eterno faccendiere piduista Bisignani) a Luca Lanzalone, detto Mister Wolf. Avvocato genovese che ha lavorato per Beppe Grillo, Lanzalone è diventato intimo di Casaleggio, che l’ha inviato come consulente prima a Livorno per aiutare la giunta Nogarin a salvare dal crac la municipalizzata dei rifiuti, poi a Roma per assistere la giunta Raggi nel ginepraio dello stadio. Infine è diventato presidente di Acea, il colosso misto dell’acqua e dell’energia, in quota Campidoglio.

E di lì, proprio in questi giorni, consigliava il M5S per le nomine pubbliche. In attesa di capire se Mr Wolf abbia commesso reati (è dubbio che sia assimilabile al pubblico ufficiale o all’incaricato di pubblico servizio), se davvero si fece promettere incarichi da Parnasi, si è posto in palese conflitto d’interessi. E si deve dimettere da Acea, non solo perché si trova agli arresti. Più marginale appare la posizione del capogruppo M5S Paolo Ferrara, accusato di aver chiesto al costruttore un progetto gratuito per il restyling del lungomare di Ostia: un’opera pubblica, non una faccenda privata come quelle contestate invece al consigliere regionale del Pd Michele Civita (la promessa di assunzione del figlio) e dei forzisti capitolini Adriano Paolozzi (25 mila euro con fatture false) e Davide Bordoni (promesse di somme imprecisate). La giunta Raggi, che deliberò lo stadio dimezzato, non è coinvolta: o Parnasi ha trovato le porte chiuse, o non ci ha neppure provato.

Diversamente da altri partiti, M5S e Lega non gridano al complotto togato, all’accanimento giudiziario o alla giustizia a orologeria. Salvini però difende Parnasi, dicendo che è una persona perbene, anche se dalle carte risulta tutt’altro. Di Maio ripete che nei 5Stelle chi sbaglia paga e attiva probiviri. Ma se i due azionisti del governo Conte vogliono dimostrarsi diversi dagli altri, non possono accontentarsi di così poco. Salvini, ora che Parnasi è in carcere per corruzione, deve restituirgli i 250 mila euro versati alla onlus leghista. E pubblicare nomi e importi degli altri donatori. I 5Stelle devono cacciare Lanzalone da Acea, dopo aver preteso l’elenco di tutti gli incarichi professionali ricevuti da quando lavora per loro, per verificare e stroncare altri eventuali conflitti d’interessi. E guardarsi da figure ibride come la sua, destinatarie di ogni genere di attenzione e tentazione. Ma non basta: la maggioranza giallo-verde ha i numeri in Parlamento per fare in modo che scandali del genere non si ripetano, o almeno per renderli più difficili. Come? In tre modi.

1) Riformare la legge Letta che consente ai partiti di occultare i finanziamenti privati fino a 100 mila euro dei donatori che vogliono restare nell’ombra; ed eliminare l’ipocrisia della privacy che copre i foraggiatori delle fondazioni, delle onlus e delle altre associazioni legate a partiti e a singoli politici, aiutandoli ad aggirare l’obbligo di trasparenza sui finanziamenti. Ciascuno può ricevere tutti i soldi che vuole, purché lo dichiari nell’apposito registro in Parlamento, consultabile da tutti i cittadini elettori.

2) Introdurre l’agente sotto copertura che s’infiltri nella PA per testare l’integrità di chi ricopre pubbliche funzioni e di chi vi si rapporta.

3) Varare la legge sui conflitti d’interessi, che faccia tesoro del caso Lanzalone: nessuno oggi può sapere quali incarichi riceve, e da chi, nella sua attività privata, un dirigente pubblico o parapubblico. Una legge seria deve creare un’anagrafe patrimoniale per chiunque tocchi un solo euro di denaro pubblico. Da questi atti si distingue un “governo del cambiamento” da un governo come gli altri.


(Marco Travaglio)
L'unico consiglio che mi sento di dare – e che regolarmente do – ai giovani è questo: combattete per quello in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Ma solo una potrete vincerne. Quella che s'ingaggia ogni mattina, davanti allo specchio.
Indro Montanelli

Una società più austera può essere una società più giusta, meno diseguale, realmente più libera, più democratica, più umana.
Enrico Berlinguer

PrecedenteProssimo

Torna a NONSOLOBARI - PAROLE IN LIBERTA'


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 6 ospiti