spacer

1950: Brasile - Uruguay 1-2 e 16 suicidi...

In questa sezione diamo libero spazio alla fantasia ed alle curiosità di tutti i fratelli biancorossi.

Moderatori: u'mang, Greem, Pino, sirius, divin gallo

ilBarbaro

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 9107
Iscritto il: dom gen 04, 2004 5:06
Record: 0

1950: Brasile - Uruguay 1-2 e 16 suicidi...

Messaggioda ilBarbaro » dom giu 04, 2006 14:09


Molti conosceranno già questa storia...Buona lettura!

Il mondiale passa alla leggenda per quello che accade nella seconda fase.
Per aumentare gli incassi, la formula prevede un girone finale all'italiana, privo quindi di una finalissima.
Ma sorte vuole che l'ultimo incontro, Brasile-Uruguay, sia praticamente una sfida secca: i padroni di casa hanno 4 punti, uno in più.
Basta un pari ma tutti sono convinti che il Brasile chiuderà la partita in goleada, tanta sembra la superiorità nelle partite finora disputate.
La federazione uruguayana è cosi pessimista da dichiarare che basta evitare figuracce, perdere con due gol di scarto va benissimo.
In Brasile iniziano già i festeggiamenti, le strade vengono preparate per celebrare l'inevitabile trionfo.
A questo punto accade l'incredibile.
L'allenatore ed il capitano biancocelesti non ci stanno ed iniziano a caricare i propri compagni e ad elettrizzare la partita dal punto di vista psicologico.
Il Brasile segna in apertura di ripresa e Varela, il capitano, protesta con l'arbitro senza neanche averne motivo: l'importante è buttare la partita sul piano nervoso. Schiaffino pareggia i conti e ad 11 minuti dal termine Ghiggia capovolge il risultato.
Per i Brasiliani tuttora il colpevole è solo uno: il portiere Barbosa che fino ad allora si era distinto per uno stile imperfetto ma efficace.
Quel giorno ci furuno 16 suicidi, quella partita ha dato vita a quello che in tutto il mondo è ricordato come il Disastro del Maracanã, O Maracanaço. Fu un dramma per tutto il paese; venne proclamato lutto nazionale per tre giorni e molta gente aveva scommesso tutti i suoi averi sulla vittoria del Brasile finì in rovina. L'Uruguay festeggiò la seconda vittoria in due partecipazioni.
Nel 1998 Barbosa si reca nel ritiro del Brasile ma Zagallo gli rifiuta l'incontro con la sqaudra a dimostrazione di quanto fosse attuale l'odio dei brasiliani nei suoi confronti. Morirà a causa di un'ictus nel 2000.

il puma

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 21444
Iscritto il: gio mar 18, 2004 14:52
Località: a Bruges in compagnia dei sAnza vergogna!
Record: 0

Messaggioda il puma » dom giu 04, 2006 14:31


Questo fa capire quanto sia sentito il calcio in Brasile...anche di più rispetto a noi,basta vedere quante partite si giocano all'anno tra campionato brasiliano,campionati regionali,coppa del brasile,coppa dei campioni brasiliana,torneo Rio-San paulo ecc...ecc...
Due cose riempono l'animo con sempre nuovo e crescente stupore e venerazione, quanto più spesso e accuratamente la riflessione se ne occupa: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. - I. Kant

ilBarbaro

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 9107
Iscritto il: dom gen 04, 2004 5:06
Record: 0

Messaggioda ilBarbaro » dom giu 04, 2006 17:16


già e passare da vivere nelle favelas a vivere in europa è il sogno di tutti...

riguardo quella partita ho visto un servizio giorni fa, effettivamente il gol Barbosa lo prende sul suo palo, le immagini non sono chiare ma degli esperti dicevano che la sua posizione era corretta...tra l'altro molti sportivi brasiliani considerano Barbosa uno dei portieri più forti di sempre...forse il loro odio è stato amplificato da quei suicidi..

vastaso

Avatar utente
Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 8705
Iscritto il: mer mag 26, 2004 17:20
Località: Milano
Record: 0

Messaggioda vastaso » dom giu 04, 2006 18:36


ho letto un libro sulla vita del capitano della celeste, moacir barbosa..., un personaggio incredibile, uno che a metà partita andò dal talentuosissimo schiaffino, terrorozzato dalla bolgia del maracanà, per dirgli "se non cominci subito a giocare a pallone ti prendo a calci in culo davanti a duecentomila persone". dopo il goal subito prende la palla dalla rete e ci mette una vita per tornare a centrocampo, dopodichè va dall'arbitro inglese e gli vuole spiegare in spagnolo che il goal non è valido. dopo dieci minuti, improvisamente, quando il fragore dello stadio si attenua, come se nulla fosse rimette la palla a centrocampo....
SECONDO ME HA COMPIUTO LA PIU' GRANDE IMPRESA DELLA STORIA DEL CALCIO, E LA FEDERAZIONE URUGUAGIA, PER PREMIO GLI REGALO' SOLAMENTE UNA MACCHINA USATA, CHE TRA L'ALTRO GLI RUBARONO DOPO POCHI GIORNI...
Si possono applicare rapidamente gli stili al testo selezionato

PAPA', PAPA', IL NONNO E' CATTIVO!!
ZITTO E MANGIA!

Mazzepanell ha scritto: Ma poi ch'i' fui al piè d'un colle giunto,
là dove terminava quella valle
che m'avea di paura il cor compunto,
guardai in alto, e vidi le sue spalle
vestite già de' raggi del pianeta
che mena dritto altrui per ogne calle

Il Professore

Fedelissimo
Fedelissimo
 
Messaggi: 9425
Iscritto il: sab nov 22, 2003 2:29
Località: Japigia
Record: 0

Messaggioda Il Professore » lun giu 05, 2006 0:04


il puma ha scritto:Questo fa capire quanto sia sentito il calcio in Brasile...anche di più rispetto a noi,basta vedere quante partite si giocano all'anno tra campionato brasiliano,campionati regionali,coppa del brasile,coppa dei campioni brasiliana,torneo Rio-San paulo ecc...ecc...


uagnun,quando sono stato in Brasile credevo che fossero attaccati al calcio,ma non nel modo in cui ho visto.Incredibile!Vivono quasi esclusivamente per il pallone e,quando gioca la nazionale,per loro è un evento incredibile.Ricordo di aver visto in brasile le ultime due partite di qualificazione ai mondiali.Il Brasile era già qualificato eppure facevano ore ed ore di programmi di preparazione e di commento alla partita.Incredibile.


Torna a NONSOLOBARI - PAROLE IN LIBERTA'


Se ti piace questo post, fallo conoscere ai tuoi amici su Facebook, Twitter o Google Plus cliccando il relativo pulsante!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti