Pagina 105 di 107

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: mar gen 11, 2011 18:03
da la giuggiola

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: mar gen 11, 2011 18:26
da la giuggiola
Speggiàle de Tanne...

De quànne?... e ssì, de cenguand'anne ndrète!
Tanne, la farmacì
A Bbare se chiamàve speggiarì,
e ttu, a la mane, sènza rezzètte,
petìive vènne pure na sanguètte,
na carta senapàte, nu ceròtte,
com'o mègghie decòtte,
fosse de malve, stràcque de lattùche,
o fiòre de sammùche,
sènza rezzètte, mènde, sparatràppe
na pònde de vammàsce m-bbond'o spìrde,
nu gramme de scialàppe,
nu pinue p'u delòre, nu strettùre,
polve pe la rennetùre,
oggne spègge de purghe, do cetràte,
o gremòre de tàrtere, e u carbonàte,
ca se chiamàve polve p'u derrùtte,
leberamènde a ttutte
u diìve, sold'a ssolde... ce bellèzze,
e p'u speggiàle iève la recchèzze!!
No nge mangàve pure u sfettemiìnde:
du solde de... remmùre de carròzze...
e stève ce cercàve èrve de viìnde
pe ffà fegghià la ciùcce... e ssì, a chegghiòne!!
Sanda passcènze e, ce te scève bbone
t'acchiàve trènda solde
iìnd'a le mane, tutte na scernàte,
e tte le stresciìve...iun'a la volde!
Mò?..mò tutt'e cangiàte,
tutte sò sckàddue, tutte sò bottìglie.
O vanghe?... O vanghe avàste nu commèsse...
ce ffasce u farmacìste... non zì ffèsse!!!

natale lojacono per u' corrìire de bbàre

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: ven gen 21, 2011 21:21
da Stank03
u'azzban

Re:

MessaggioInviato: mar feb 22, 2011 22:39
da >piccolo_ultras<
Libertà ai Popoli ha scritto:Hai fatto benissimo ad aprire questo Topic.
Bravo!
Purtroppo il problema del "Barese" è che non è proprio una lingua. Essendo un dialetto (e non avendo quindi una Storia Letteraria alle spalle), spesso viene interpretato ed ognuno lo parla e lo scrive a modo suo.

Bisognerebbe insegnarlo a scuola.
I bambini di oggi sono il futuro della società. E la Società non può e non deve permettersi di perdere certi patrimoni linguistici, che sono il vanto della propria terra.
Difendere le tradizioni popolari locali, significa difendere l'immenso Patrimonio Culturale di cui l'Italia dispone.


hai proprio ragione. gli altri dialetti (vedi il fiorentino, che poi è l' italiano moderno con qualche variante) grazie ad autori come dante
sono conosciuti. purtroppo a bari sono pochi gli autori che scrissero o scrivono in barese, quindi ora ti vedi ragazzi che pensano che il barese sia solo fatto di parolacce, o altre cafonate e non pensano che c' è una costruzione morfologica dietro
(abbastanza complicata).

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: ven mar 18, 2011 13:10
da la giuggiola
questo era il nostro piccolo mondo ...
ciao marilù

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: ven mar 18, 2011 17:15
da nikotinho
ciao marilù!

riposa in pace

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: ven mar 18, 2011 20:09
da Happy77
marilu.de letteriis ha scritto:
dedicata a ki non ha + 18 anni

VELESSE

velesse fà nu surse de penzière
come ce fosse na trate de miìre
velesse agnì na bottiglie chiène
p'acquànne u còre mì me vène mène
e mette la recchie sop'o quedde
e, dolge, sendì na vòscie de uagnedde,
le resàre, le remmùre de le vase
d'acquànne nu jèveme ceràse.
velesse fà nu surse de penzière
come ce fosse na trate de mìire

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: ven mar 18, 2011 21:12
da la giuggiola
Happy77 ha scritto:
marilu.de letteriis ha scritto:
dedicata a ki non ha + 18 anni

VELESSE

velesse fà nu surse de penzière
come ce fosse na trate de miìre
velesse agnì na bottiglie chiène
p'acquànne u còre mì me vène mène
e mette la recchie sop'o quedde
e, dolge, sendì na vòscie de uagnedde,
le resàre, le remmùre de le vase
d'acquànne nu jèveme ceràse.
velesse fà nu surse de penzière
come ce fosse na trate de mìire

mi hai fatto commuovere happy... :(

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: sab mar 19, 2011 10:08
da Dread
CIAO MARILU'...CE T'AUANDEKE... :evil:

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: dom mar 20, 2011 3:04
da pìero
la giuggiola ha scritto:questo era il nostro piccolo mondo ...
ciao marilù


Quanto abbiamo scritto qui insieme.....poesie, ricette, termini, citazioni in dialetto più o meno famose.....
Senza lei adesso questo topic perde tanto.

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 16:43
da la giuggiola
ho con me il suo libro... "CARICA A CHIACCHJIERE - IO AMO ANTONIO CASSANO"

HO DECISO DI SCRIVERE QUALKOSA OGNI TANTO DEI SUOI LIBRI, CHE PIERO IL GG DEL FUNERALE, HA VOLUTO METTERE A DISPOSIZIONE DEGLI AMICI. LA PREGHIERA/POESIA FINALE DEL LIBRO SI INTITOLA "GRAZIE"d è la traduzione di una canzone di alains morisette (lo scrivo se no emisbor se la mena):

E se smettessi di prendere quegli antibiotici
E se smettessi di mangiare quando sonopiena
E che dire di quelle carote trasparenti penzolanti
E che dire di quel kudo eternamente esclusivo
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
E se smettessi di incolparti di tutto
E se per una volta godessi del momento
E che dire di quando mi fa sentire bene finalmente perdonarti
E s epiangessimo tutto uno alla volta
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
Il momento in cui ho mollato
è stato il momento in cui avevo troppo per le mani
il momento in cui sono saltata giù
è stato il momento in cui ho toccato terra
e se smettessi di essere masochista
e se ricordassi la tua divinità
e se piangessi sfrontatamente fino a finire le lacrime
e se nn mettessi sullo stesso piano la morte con il fatto di finirla
Grazie India
Grazie disillusione
Grazie nulla
Grazie chiarezza
Grazie
Grazie silenzio

Chi ha capito ...ha capito...ha capito?
Ha capito Ha capito.

"Ti regalerò una rosa...perchè Antonio sa volare"... anche Cassanuccio, anche Marilù, prima o poi. Anche Pepè, il mio grande miracolo.

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 16:46
da emigor
la giuggiola ha scritto:ho con me il suo libro... "CARICA A CHIACCHJIERE - IO AMO ANTONIO CASSANO"

HO DECISO DI SCRIVERE QUALKOSA OGNI TANTO DEI SUOI LIBRI, CHE PIERO IL GG DEL FUNERALE, HA VOLUTO METTERE A DISPOSIZIONE DEGLI AMICI. LA PREGHIERA/POESIA FINALE DEL LIBRO SI INTITOLA "GRAZIE":

E se smettessi di prendere quegli antibiotici
E se smettessi di mangiare quando sonopiena
E che dire di quelle carote trasparenti penzolanti
E che dire di quel kudo eternamente esclusivo
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
E se smettessi di incolparti di tutto
E se per una volta godessi del momento
E che dire di quando mi fa sentire bene finalmente perdonarti
E s epiangessimo tutto uno alla volta
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
Il momento in cui ho mollato
è stato il momento in cui avevo troppo per le mani
il momento in cui sono saltata giù
è stato il momento in cui ho toccato terra
e se smettessi di essere masochista
e se ricordassi la tua divinità
e se piangessi sfrontatamente fino a finire le lacrime
e se nn mettessi sullo stesso piano la morte con il fatto di finirla
Grazie India
Grazie disillusione
Grazie nulla
Grazie chiarezza
Grazie
Grazie silenzio

Chi ha capito ...ha capito...ha capito?
Ha capito Ha capito.

"Ti regalerò una rosa...perchè Antonio sa volare"... anche Cassanuccio, anche Marilù, prima o poi. Anche Pepè, il mio grande miracolo.

cmq non è una poesia laggiù,è la traduzione di una canzone di Alanis Morrisette che si intitola Thank You :wink:

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: lun mar 21, 2011 17:06
da la giuggiola
emigor ha scritto:
la giuggiola ha scritto:ho con me il suo libro... "CARICA A CHIACCHJIERE - IO AMO ANTONIO CASSANO"

HO DECISO DI SCRIVERE QUALKOSA OGNI TANTO DEI SUOI LIBRI, CHE PIERO IL GG DEL FUNERALE, HA VOLUTO METTERE A DISPOSIZIONE DEGLI AMICI. LA PREGHIERA/POESIA FINALE DEL LIBRO SI INTITOLA "GRAZIE":

E se smettessi di prendere quegli antibiotici
E se smettessi di mangiare quando sonopiena
E che dire di quelle carote trasparenti penzolanti
E che dire di quel kudo eternamente esclusivo
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
E se smettessi di incolparti di tutto
E se per una volta godessi del momento
E che dire di quando mi fa sentire bene finalmente perdonarti
E s epiangessimo tutto uno alla volta
Grazie India
Grazie terrore
Grazie disillusione
Grazie fragilità
Grazie conseguenze
Grazie silenzio
Il momento in cui ho mollato
è stato il momento in cui avevo troppo per le mani
il momento in cui sono saltata giù
è stato il momento in cui ho toccato terra
e se smettessi di essere masochista
e se ricordassi la tua divinità
e se piangessi sfrontatamente fino a finire le lacrime
e se nn mettessi sullo stesso piano la morte con il fatto di finirla
Grazie India
Grazie disillusione
Grazie nulla
Grazie chiarezza
Grazie
Grazie silenzio

Chi ha capito ...ha capito...ha capito?
Ha capito Ha capito.

"Ti regalerò una rosa...perchè Antonio sa volare"... anche Cassanuccio, anche Marilù, prima o poi. Anche Pepè, il mio grande miracolo.

cmq non è una poesia laggiù,è la traduzione di una canzone di Alanis Morrisette che si intitola Thank You :wink:

beh rimane sempre una preghiera poesia finale del libro di marilù

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: dom apr 17, 2011 21:32
da BARESEBARESE
bè "traduzione" letterale non direi..

Re: Il nostro dialetto... Patrimonio inestimabile...

MessaggioInviato: lun mag 16, 2011 23:51
da ucn1976delbariseguaci
Ba Giuann, stritt d cul e larg d gamb

e u frmntòn u sapit c cos iè? :risata: ...è un parente stretto du c_ròn